GT World Challenge Europe Endurance
17 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
78 giorni
09 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
100 giorni
WSBK
G
Phillip Island
28 feb
-
01 mar
Prossimo evento tra
29 giorni
G
Losail
13 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
43 giorni
WRC
22 gen
-
26 gen
Evento concluso
13 feb
-
16 feb
Prossimo evento tra
14 giorni
WEC
12 dic
-
14 dic
Evento concluso
22 feb
-
23 feb
Prossimo evento tra
23 giorni
MotoGP
G
GP del Qatar
05 mar
-
08 mar
Prossimo evento tra
35 giorni
G
GP della Thailandia
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
49 giorni
IndyCar
13 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
43 giorni
G
Birmingham
03 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
64 giorni
Formula E
17 gen
-
18 gen
Evento concluso
14 feb
-
15 feb
Prossimo evento tra
15 giorni
Formula 1
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
42 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
49 giorni

Classic TT, Lightweight: Anstey torna a vincere dopo il tumore

condividi
commenti
Classic TT, Lightweight: Anstey torna a vincere dopo il tumore
Di:
25 ago 2019, 07:30

Il rider neozelandese si è preso la sua rivincita sul cancro tagliando il traguardo con più di un minuto su Todd. Terzo Hind dopo una strepitosa rimonta.

Non bastano le parole per descrivere la grandezza dell’impresa compiuta da Bruce Anstey: dopo l’ultima battaglia contro il cancro, che lo ha tenuto lontano dall’Isola di Man per ben due anni, il “Flying Kiwi” ha ritrovato il successo, trionfando tra le bicilindriche.

In quella che resterà una gara a lungo impressa nella memoria degli appassionati, il cinquantenne neozelandese ha scritto una delle pagine più belle delle road races, prendendosi con la forza l’attesa rivincita sull’inferno degli ultimi tempi. Lungo le 37,733 miglia dello Snaefell Mountain Course, l’inarrestabile Bruce ha emozionato tutti i presenti, tratteggiando la sua favola a colpi di settori viola. E annichilita la concorrenza, ha conquistato la sua quarta vittoria al Classic (la seconda nella classe Lightweight) tagliando il traguardo con oltre un minuto di vantaggio sul compagno di squadra Davey Todd (Honda). Per poi essere accolto dal lungo e meritato applauso del paddock, al rientro nel parco chiuso.

“È meraviglioso vincere. Non posso crederci – ha detto Anstey dopo la vittoria – Tutti, il team, Clive, la mia famiglia, sono stati grandiosi”.

“Ero proprio in palla, ma all’ultimo giro ero davvero nervoso e cambiavo corto. Non volevo provare ad andare veloce, solo mantenere la concentrazione e arrivare alla fine. Gli ultimi due anni sono stati davvero duri. Non sarei qui se non fosse per Anny (la compagna di Bruce, che ha dato l’annuncio del ritorno della malattia n.d.r.)”.

Leggi anche:

Firmato il miglior tempo al rientro, Anstey si era candidato sin da subito come uno dei favoriti per la vittoria, ma nessuno avrebbe mai osato immaginare un tale dominio da parte del “kiwi”. Nemmeno dopo il forfait di Dean Harrison (Yamaha), dovuto all’incidente a Ballig Bridge nelle Qualifiche di venerdì sera, in cui il rider di Bradford ha rimediato delle lesioni interne e la frattura di una costola.

Eppure, scattato terzo alle spalle del compagno di team e di Ian Lougher (Yamaha), Anstey si è portato in vetta alla classifica già al checkpoint di Glen Helen, con un vantaggio di 5”159 sul giovane James Hind (Yamaha), marcato stretto da Todd. Un gap ampliato grazie a un giro d’apertura condotto alla media di 117.053 mph, che ha consentito al pilota del team Padgett’s di fermarsi a rifornire con un margine di oltre 17” su Hind e 23” su Todd. Ma se un pit stop lampo ha permesso a Anstey di balzare davanti a tutti anche in pista, la sosta ai box si è rivelata un dramma per il 19enne Hind, sanzionato con 30” di penalità per aver superato il limite di velocità. Con il newcomer del ManxGP 2018 sceso in nona dopo la sanzione, Anstey ha raggiunto il controllo di Glen Helen con un impressionante vantaggio di 41”718 su Todd, davanti a Lougher per 8”479.

Mentre l’indomito Bruce continuava indisturbato la sua cavalcata al comando della corsa, ampliando progressivamente il suo margine, il giovane Hind non è stato a guardare e, nel terzo e ultimo passaggio, è transitato a Grandstand in sesta posizione, nella scia di Dominc Herbertson. Passata la Honda del team John Chapman Racing, il pilota del Lincolnshire ha continuato a spingere, prendendosi la terza piazza dopo aver infilato Jamie Coward (Yamaha) e Ian Lougher. Ma la strepitosa rimonta di Hind non è riuscita a rubare la scena a Bruce Anstey, giunto al traguardo con un vantaggio di 1’10”245 su Todd, che si è tenuto alle spalle lo scatenato ragazzino inglese per soli 9”523.

Articolo successivo
Classic TT, Senior: doppietta Paton con McGuinness davanti a Bonetti

Articolo precedente

Classic TT, Senior: doppietta Paton con McGuinness davanti a Bonetti

Articolo successivo

Tragedia al Classic TT: è morto Chris Swallow

Tragedia al Classic TT: è morto Chris Swallow
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Road racing
Evento Classic TT
Sotto-evento Primo giorno di gara
Location Snaefell Mountain Course
Piloti Bruce Anstey
Autore Daniela Piazza