Suzuki Rally Trophy: pronti per la terra dell'Adriatico

Suzuki Rally Trophy: pronti per la terra dell'Adriatico

Per alcuni partecipanti sarà la prima volta su questo tipo di fondo, per altri un grande ritorno

Al Rally Adriatico 2015, la Suzuki Rally Trophy c'è con quasi tutta la sua pletora di concorrenti, più o meno preparati a disputare la gara sugli sterrati nei dintorni di Cingoli. Terzo dei sette round a calendario, ma unica tappa della serie di Suzuki Italia che si corre su strade bianche. Velocità, sensibilità e adrenalina. Gli ingredienti tipicamente rallistici ci sono tutti e sapientemente mixati per dar vita ad una gara differente dalle altre, dando possibilità di rimettersi in gioco a quei piloti che hanno incontrato difficoltà nei precedenti round su asfalto.

Dopo la prova sanremese il driver savonese Claudio Vallino, si presenta a Cingoli per attaccare la leadership del Suzuki Rally Trophy con una vettura allestita ora di tutto punto da Albertech. Sulle speciali marchigiane anche Claudio Gubertini potrebbe avere strada aperta per riportarsi al vertice assoluto della classifica. Il pilota emiliano, oltre Vallino dovrà superare Sergio Denaro, coriaceo pilota messinese costantemente a punti in tutte le due gare disputate, e il trevigiano Alessandro Uliana.

L'esperto veneto ha confermato la sua proverbiale competitività e attende gli sterrati di Cingoli, sui quali ha già corso e vinto la Winter Cup 2013 al volante di Swift, per sferrare l'attacco alla prima posizione. E' un Jacopo Lucarelli con le giuste motivazioni per presentarsi alla gara maceratese. lo scorso anno, il lucchese ha ampiamente dimostrato di poter duellare per l'affermazione, quanto Gianluca Saresera. Il bresciano all'Adriatico potrebbe confermare quanto di buono dimostrò l'anno scorso all'esordio nelle gare su terra e quest'anno far ancor meglio e migliorare la settima piazza che occupa nella classifica, a pari merito con il cuneese Daniele Chiaudrero, il cuneese non presente a Cingoli e pronto a rientrare in lotta a partire dalla Targa Florio.

Tutte da scoprire sulla terra le prestazioni del veronese Paolo Strabello, in crescita con le prestazioni nelle gare su asfalto, quelle del toscano Stefano Martinelli, del friulano Filippo Epis, del veloce bellunese Lorenzo Coppe, del piacentino della BRC Gas Equipment Giorgio Cogni.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Rally
Articolo di tipo Ultime notizie