Rossi: "La vettura sottopeso? È stato un errore stupido del team"

Valentino giustifica la penalità di 10" ricevuta dopo la PS7: i commissari avevano trovato la sua Fiesta WRC sottopeso di 7 chili. "Del 2017 mi ricorderò la vittoria ad Assen", ha aggiunto.

Una vittoria col giallo. E' proprio il caso di dirlo in questo caso, con Valentino Rossi che ha colto il suo sesto successo al Monza Rally Show 2017 dopo essere stato giustamente penalizzato di 10" per aver corso la PS7 con la sua Fiesta WRC sottopeso di 7 chili.

"Alla fine sono riuscito a riportare a casa il trofeo! Lo avevo dovuto riportare ma alla fine torna a casa mia", ha detto Valentino presentandosi ai microfoni della stampa, tra cui Motorsport.com.

Valentino, cos'è successo al termine della PS7?
"Sinceramente non so cosa sia successo alle verifiche. Un errore stupido. Il team ha sbagliato. Hanno pesato la macchina con i fari ieri sera ed eravamo 2 chili sopra. Invece oggi sono arrivato alla Maxi Grand Prix e i fari tolti pesavano 7, quindi eravamo 5 chili sotto il peso minimo. Io sinceramente non ci volevo credere. Abbiamo addirittura fatto le verifiche di peso 3 volte prima di partire..."

Però nel comunicato dei giudici la macchina era fuori di 7 chili...
"Alla bilancia risultava 6,5 chili, invece nella nostra erano 5. Comunque... Insomma, ha avuto lo stesso problema anche Tony Cairoli. Ci siamo trovati insieme e non capivamo. Peccato, perché pensavamo di aver perso, non mi aspettavo un errore di questo tipo del team. Però può capitare. Devo dire che da lì è stato bello, perché poi la speciale dopo è stata eccitante. Siamo partiti senza pensare a nulla, solo spingendo forte per recuperare tempo e mettere pressione a Marco. Siamo riusciti a vincere la prova e poi anche quella corta, con Marco che ha fatto un errore. Non ci potevo credere. E' stato bello".

Peccato invece per il Masters' Show, dove sei uscito in semifinale...
"Nel Masters' Show non sono stato tanto veloce. Ho provato a fare una modifica dopo la gara per vedere di migliorare l'assetto, ma non è andata bene e Bonanomi ha fatto meglio di me. Mi è dispiaciuto non disputare la finale, anche se penso che contro Mikkelsen e Neuville ci sarebbe stato ben poco da fare, perché andavano più forte".

A che vittoria fatta in MotoGP puoi paragonare quella di oggi?
"Questa vittoria mi ricorda quella di Phillip Island nel 2003, quando mi diedero la bandiera gialla e 10" di penalità, ma riuscii a vincere lo stesso come oggi. Dunque potrei paragonare questo successo a quello in MotoGP".

Il prossimo anno potreste correre il Monza Rally Show con le vetture WRC Plus?
"Il prossimo anno mi piacerebbe portare le WRC Plus. Ora devo parlare con l'organizzazione, perché ci vorrebbero almeno 5 macchine, però secondo me è una cosa che si può fare se iniziamo a farlo nei tempi giusti. Spero si riesca a fare anche con le Plus!".

Come concludi il 2017? Puoi tirare le somme di questo anno?
"Il 2017 non è stato un grande anno per me. Ho fatto belle gare e anche una vittoria, però il nostro potenziale è più alto di quello che siamo riusciti a esprimere quest'anno. Abbiamo sofferto molto, devo dire la verità. In qualche gara è stata proprio dura. Ora è una grande sfida colmare il gap dai primi. Abbiamo qualche mese e dovremo lavorare sodo".

Il momento più bello della tua annata?
"Direi che la vittoria di Assen è il miglior momento del mio anno sportivo. Quando si vince c'è sempre più gusto. Qui invece direi la penultima speciale perché siamo andati proprio forte".

Uccio ha detto che il Motomondiale perde tanto senza di te, come il Mondiale senza l'Italia...
"Il Motomondiale senza Valentino è come il Mondiale di Calcio senza l'Italia? Bello questo paragone. Spero di continuare ancora un altro po'".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Rally
Evento Monza Rally Show
Sub-evento Domenica
Circuito Autodromo Nazionale Monza
Piloti Valentino Rossi
Articolo di tipo Intervista