Grecia, trovata una scocca ŠKODA: è la Fabia rubata a Max Rendina?

28,069 viste

Al Rally dell'Acropoli 2017 fu sottratta la vettura del pilota romano alla Motorsport Italia e a quasi otto mesi di distanza dal fattaccio, in un campo nei pressi di Atene, è stata rinvenuta una scocca di quella che potrebbe essere la sua macchina.

Vi ricordate della ŠKODA Fabia R5 rubata a Max Rendina in occasione del Rally dell'Acropoli 2017? Pare che a quasi otto mesi di distanza dal fattaccio, la vettura sia stata ritrovata. Purtroppo non è in buone condizioni dato che è rimasta solamente la scocca e pochissimo altro.

Ma partiamo da quanto successo nella notte del 27 maggio scorso, quando la macchina della Motorsport Italia fu rubata all'interno del parcheggio di un hotel ad Atene, ovvero una settimana prima che si tenesse il round greco dell'ERC. Nonostante le dovute denunce e ricerche, nulla si è più saputo e il pilota romano fu costretto con la propria squadra a rientrare nella Capitale con una bella dose di amarezza e sconcerto.

Il silenzio è stato interrotto nella giornata di giovedì, quando una ŠKODA, o almeno quanto ne resta, è stata rinvenuta abbandonata in un campo proprio nei pressi di Atene.

Non si sa da quanto sia lì, ma a giudicare dalle immagini apparse su Facebook (e dal telone strappato che l'avrebbe dovuta ricoprire e nascondere), potrebbero anche essere passati mesi. Sta di fatto che le autorità della Grecia hanno preso subito contatti con la Motorsport Italia e Rendina.

"Al momento non sappiamo ancora con certezza se effettivamente sia la nostra auto - ha dichiarato a Motorsport.com Bruno De Pianto, team manager di Motorsport Italia - Appare comunque evidente che si tratti di una ŠKODA Fabia da rally e non credo che in Grecia ne siano state rubate molte; questo ci rende fiduciosi, se non praticamente certi, che si tratti di quella a noi sottratta nel maggio scorso".

Oltre a questo, c'è da chiedersi come mai nessuno si sia fatto vivo fino ad oggi, fra l'altro venenedo anche a scoprire della Fabia R5 tramite i social.

"Ci hanno telefonato nella serata di giovedì per avvisarci del ritrovamento e la cosa ci ha naturalmente colti di sorpresa - prosegue De Pianto - Le autorità greche ci hanno chiesto tutta la documentazione per verificare numeri di telaio e quant'altro possa provare che sia la nostra macchina. Abbiamo inviato il materiale immediatamente, speriamo sia così, anche se effettivamente non era il modo in cui ci auguravamo di ritrovarla".

La tristezza deriva dal fatto che effettivamente di una macchina da rally resta proprio poco o nulla: i pezzi sono presumibilmente stati presi per essere rivenduti o utilizzati come ricambi e l'unica parte inutilizzabile (scocca con cellula di sicurezza marchiata con numero di serie) abbandonata.

"In tutti i casi stiamo parlando ugualmente di una scocca di una vettura da rally di un bel valore, per cui ci muoveremo per riportarla a casa se dovessero comunicarci che si tratta della nostra Fabia. Dobbiamo aspettare i riscontri della Polizia, vedremo nei prossimi giorni quali altri dettagli ci forniranno. Per ora resta ugualmente l'amarezza per un episodio tanto singolare quanto spiacevole".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Rally , ERC
Evento Ritrovamento scocca Skoda Fabia R5 in Grecia
Sub-evento Ritrovamento
Piloti Massimiliano Rendina
Team Motorsport Italia
Articolo di tipo Ultime notizie