WTCR
G
Salzburgring
11 set
Prossimo evento tra
36 giorni
G
Slovakia Ring
09 ott
Prossimo evento tra
64 giorni
WSBK
31 lug
Evento concluso
09 ago
SSP300 Gara 2 in
3 giorni
WRC
04 set
Prossimo evento tra
29 giorni
18 set
Prossimo evento tra
43 giorni
WEC
13 ago
Prossimo evento tra
7 giorni
W Series
G
Norisring
10 lug
Canceled
G
Brands Hatch
22 ago
Canceled
MotoGP
06 ago
Prossimo evento tra
02 Ore
:
35 Minuti
:
04 Secondi
Moto3
24 lug
Evento concluso
G
Brno
07 ago
Prossimo evento tra
1 giorno
Moto2
24 lug
Evento concluso
G
Brno
07 ago
Prossimo evento tra
1 giorno
IndyCar
17 lug
Evento concluso
07 ago
Postponed
Formula E
G
ePrix di Berlino II
06 ago
Prossimo evento tra
02 Ore
:
35 Minuti
:
04 Secondi
FIA F3
31 lug
Evento concluso
G
Barcellona
14 ago
Prossimo evento tra
8 giorni
FIA F2
31 lug
Evento concluso
G
Barcellona
14 ago
Prossimo evento tra
8 giorni
Formula 1 ELMS
17 lug
Evento concluso
G
Spa-Francorchamps
07 ago
Prossimo evento tra
1 giorno
DTM
14 ago
Prossimo evento tra
8 giorni
GT World Challenge Europe Sprint
07 ago
Prossimo evento tra
1 giorno
11 set
Prossimo evento tra
36 giorni
GT World Challenge Europe Endurance
04 set
Prossimo evento tra
29 giorni

Olivier Burri: "Il modo migliore per chiudere il cerchio"

condividi
commenti
Olivier Burri: "Il modo migliore per chiudere il cerchio"
Di:
, Motorsport.com Switzerland
Tradotto da: Emmanuel Rolland, Motorsport.com Switzerland
2 nov 2019, 07:45

Vincitore del Rallye International du Valais 2019, Olivier Burri si sta godendo questo successo duro ma anche emozionante, avendo deciso di non pensare al futuro. Il campione svizzero ha spiegato la sua scelta a Motorsport.com.

Così, quando Olivier Burri, già quattro volte campione svizzero di rally si è iscritto all'edizione 2019 del Rallye International du Valais, un evento che aveva già vinto otto volte prima, l'esito era previsto.

"Il Vallese è un evento da non perdere", ha detto Olivier Burri a Motorsport.com. "Amo le sue particolarità, è un rally forte, con una diversità di difficoltà e  con un terreno molto abrasivo. Per me, è una piccola Montecarlo'".

"E poi, nel corso degli anni, ho necessariamente stabilito un rapporto speciale con gli organizzatori e con tutte le persone coinvolte in questo evento. Ci sono molte amicizie, ci sono anche molti ricordi, è qualcosa di molto forte".

A 53 anni, Olivier Burri non ha lasciato nulla al caso prima di partecipare all'ultima prova del Campionato Svizzero Rally. "Mi sono avvicinato come se fosse un round del Campionato del Mondo", continua Burri. "Mi sono preparato mentalmente, ma soprattutto fisicamente, facendo molto ciclismo, soprattutto su alcune prove speciali, per avere una buona sensazione. »

Alla fine, il Rally del Vallese del 2019 è stato un duello molto intenso con Mike Coppens e la sua Skoda Fabia. Un avversario che Olivier Burri non si aspettava prima della gara.

Olivier Burri, Fabrice Gordon, Skoda Fabia R5, D-Max Swiss

Olivier Burri, Fabrice Gordon, Skoda Fabia R5, D-Max Swiss

Photo de: Etienne Bornet

"Sapevo che Mike era veloce, ha finito bene il Vallese nel 2018, sapevo che si era preparato bene per questa edizione del 2019, ma non mi aspettavo un ritmo così alto quest'anno", ammette Burri. "Infatti, mi aspettavo di più da Jeremie Toedtli con la sua Volkswagen Polo, una vettura che in queste condizioni è davvero imbattibile".

Mentre Toedtli era fuori gara per la vittoria già da giovedì sera dopo i problemi elettrici sulla sua Polo, che gli hanno fatto perdere diversi minuti, è stato Mike Coppens a dimostrare di essere il più serio rivale di Olivier Burri. Mentre quest'ultimo ha concluso la prima giornata in testa, Coppens ha chiuso la sua giornata a solo 6,4 secondi da Burri, grazie alla scelta oculata degli pneumatici per il bagnato. Sabato, però, Burri ha sfoderato la sua esperienza, creando un divario sufficente e sicuro per conquistare la sua nona vittoria nel Vallese con un vantaggio finale di 30 secondi.

Il sabato mattina, quando mi sono svegliato, ho percepito che tutti questi sforzi cominciavano ad essere complicati da affrontare.

Olivier Burri.

"Mike ha una notevole velocita' ", dice Olivier Burri. "Tuttavia, non riece ancora a micelare bene  velocità e regolarità. E 'stata una lotta molto bella, Mike ha anche provato a giocare al "gatto con il  topo" con le sue scelte di pneumatici. E' stato un bel confronto sul filo dei secondi, ma proprio per questo è stato un buon combattimento, sono davvero molto felice.  Cosa potresti chiedere di più? Io vinco, Michael finisce terzo, riportiamo entrambe le vetture intatte, e sul podio, festeggiamo tutto questo come in una famiglia. "E' perfetto, ed era il modo migliore per chiudere il cerchio."

Infatti, al culmine della sua battaglia con Mike Coppens, mentre stava per iniziare la terza ed ultima giornata del Rallye du Valais, Olivier Burri ha preso una decisione importante.

"Il sabato mattina, quando mi sono svegliato, ho percepito che tutti questi sforzi cominciavano ad essere complicati da affrontare", dice il pilota del Conton Jura. "Combattere a questo livello, in un rally così duro, è un investimento personale piuttosto grande, equindi  ho deciso che sarà il mio ultimo Rally del Vallese. Potrei allinearmi in qualche evento qua e là, ma non c'è ancora nulla di definito".

"Ci sono molte ragioni per rallegrarsi!"

Mentre si prepara a voltare pagina, Olivier Burri guarda piuttosto positivamente al Campionato Svizzero Rally, nonostante le difficoltà incontrate in questa stagione nella serie nazionale, con particolare riguardo all'irregolarità degli impegni dei principali concorrenti - ad eccezione del campione Ivan Ballinari - presente sin dall'inizio del calendario.

"Il livello del campionato svizzero è notevolmente aumentato nelle ultime stagioni", conclude. "Sta diventando  sempre più veloce, le auto e i conducenti sono sempre più comperitivi. Basta guardare le reazioni di alcuni piloti stranieri che sono venuti in Svizzera per correre, come Fernandez, Chrétien o Tsjoen, tutti sono venuti a trovarmi e mi hanno detto che avevano problemi a tenere il passo".

"Sono molto orgogliosodi questo. E' ovvio che mancano alcune cose, specialmente la copertura mediatica di questo campionato, specialmente nelle regioni non francofone. Ma ci sono molte ragioni per rallegrarsi, dobbiamo rimanere positivi".

 
Dopo la delusione del Vallese, Ballinari sta già pensando all'anno prossimo

Articolo precedente

Dopo la delusione del Vallese, Ballinari sta già pensando all'anno prossimo

Articolo successivo

Presentati i calendari 2020 dei Campionati Svizzeri

Presentati i calendari 2020 dei Campionati Svizzeri
Carica i commenti