Strignano "a fionda" alla prima in Carrera Cup Italia

Il 22enne rookie di AB Racing, new-entry assoluta nell'ultimo round disputato a Vallelunga, racconta la propria esperienza e i target futuri: "Bene l'esordio, ma per vincere i titoli serve esperienza!". Tornerà nel monomarca di Porsche italia al Mugello e a Monza in ottica 2021.

Strignano "a fionda" alla prima in Carrera Cup Italia
Benedetto Strignano, AB Racing
Benedetto Strignano, AB Racing
Benedetto Strignano, AB Racing
Benedetto Strignano, AB Racing
Benedetto Strignano, AB Racing a Vallelunga

Ha convinto se stesso e i più Benedetto "Benny" Strignano all'esordio assoluto nella Porsche Carrera Cup Italia lo scorso weekend a Vallelunga. Il 22enne rookie pugliese è approdato al prestigioso monomarca via AB Racing - Centri Porsche di Roma e, nonostante fosse di fatto digiuno di corse Gran Turismo e soprattutto di tale livello, non ha mollato nulla, tra l'altro sfiorando subito la zona punti in entrambe le prime due gare al volante della 911 GT3 Cup (in una griglia di 27 vetture).

Neppure un approccio generale piuttosto "pacato", come è apparso anche il suo carattere, lo ha frenato quando c'è stata l'occasione, praticamente immediata, di gettarsi nella mischia. A Motorsport.com entra in argomento lui stesso, partendo però dai suoi primi passi al volante: "Ho una buona esperienza nel mondo del karting - racconta con voce posata il ragazzo originario di Barletta -; poi in auto non ho mai fatto corse di questo livello e tra l'altro ho guidato una sola volta in precedenza una GT, ma giusto in un test e in una gara 'minore', dopodiché eccoci qua alla prima esperienza nella Carrera Cup Italia. E già sembra che stiamo facendo un buon lavoro."

Così è sembrato anche agli osservatori da fuori: come ti sei trovato?

"Nelle libere siamo andati come non ci aspettavamo, poi in qualifica, dove serve esperienza, ci siamo un po' persi. In gara 1, e non me l'aspettavo, siamo partiti in 16esima posizione e sono riuscito a compiere quattro sorpassi nei confronti di piloti con più esperienza di me... quindi considerati i chilometri che ho percorso in macchina direi abbastanza bene."

Quindi hai anche provato i sorpassi...

"Superare non è semplice! Serve tanta testa, ma l'aspetto al quale sto puntando è fare più chilometri possibile per poi arrivare a concludere un percorso dove su questo nuovo mezzo io possa trovare la mia quadra."

Che aria hai respirato in AB Racing?

"Il team è pazzesco! Professionisti al 100%. E sono tutti una famiglia, sostanzialmente."

Invece salendo sulla 911 GT3 Cup che cosa hai provato?

"Sulla macchina mi sto trovando abbastanza bene. Non pensavo così presto. La cosa pù bella è la trazione. A centro curva tu dai gas e lei esce a fionda!"

Che cosa devi mettere più a punto?

"Un po' il fatto di non forzarla, di guidarla come lei vuole. Macinando chilometri ci arriviamo."

Le tue prospettive ora?

"Di sicuro disputare le ultime due gare 2020 e poi c'è il progetto di tornare per l'intero campionato l'anno prossimo."

Potresti quindi rientrare nello Scholarship Programme dedicato ai giovani...

"Ne abbiamo già parlato. Quest'anno sono arrivato tardi, ma per l'anno prossimo si può fare."

Che cosa sogni su questa macchina?

"Sto pensando a varie cose, ma ancora sono 'fresco', è un po' presto... Parto con l'idea che nel 2021 essere con gli altri lì davanti sarebbe già un grande risultato, poi per vincere il campionato credo servano anni di esperienza."

condividi
commenti
Carrera Cup Italia, l'apprendistato di Moretti prosegue sotto il segno della costanza
Articolo precedente

Carrera Cup Italia, l'apprendistato di Moretti prosegue sotto il segno della costanza

Articolo successivo

Carrera Cup Italia, novità Barri in casa Raptor al Mugello

Carrera Cup Italia, novità Barri in casa Raptor al Mugello
Carica i commenti