Carrera Cup Italia, Raptor e Cassarà per la svolta a Imola

Sul circuito dove nei test ufficiali ha ottenuto il “best lap” della Michelin Cup, il team modenese diretto da ANdrea Palma rilancia le proprie ambizioni con il pilota romano reduce dai podi di Misano e Mugello sulla 911 GT3 Cup targata Centro Porsche Catania

Carrera Cup Italia, Raptor e Cassarà per la svolta a Imola
Marco Cassarà Raptor Engineering
Andrea Palma, Team Manager Raptor Engineering
Marco Cassarà Raptor Engineering
Marco Cassarà, Raptor Engineering

Cruciale terzo round stagionale a Imola per Raptor Engineering nella Porsche Carrera Cup Italia, che da venerdì a domenica riaccende i motori all'autodromo del Santerno per il giro di boa stagionale. Il team modenese riparte con il desiderio di rilanciare lle proprie ambizioni nella griglia della Michelin Cup, nel quale schiera la 911 GT3 Cup “targata” Centro Porsche Catania numero 81 per Marco Cassarà.

Il pilota romano ha iniziato bene la stagione nella squadra diretta da Andrea Palma, è reduce dall'en plein di podi conquistato a Misano e Mugello e ora a Imola, visto che finora gli è mancata soltanto la vittoria, cercherà l'exploit di rilancio con lo sguardo rivolto alla classifica, che al momento lo vede inseguire Alex De Giacomi, a sua volte sempre vincitore. 

Imola sarà dunque round particolarmente "caldo", come conferma il team manager Palma: “Arriviamo al round di metà campionato con quattro secondi posti all'attivo. Sono un ottimo bottino, ma sappiamo che questo weekend è fondamentale per una svolta. E' la fase critica della stagione. La squadra sta dando il massimo, al Mugello lo abbiamo ribadito e soprattutto in gara 2 la macchina era super competitiva. Alla luce dei riscontri ottenuti nel test ufficiale svolto proprio a Imola in maggio mi auguro che tale competitività si ripeta malgrado il gran caldo previsto renderà il weekend ancora più impegnativo per auto e pilota".

Esplicito il commento di Cassarà: “E’ stato un inizio di campionato particolare fatto di quattro secondi posti; tuttavia mentre i due dell’esordio hanno rappresentato il massimo risultato ottenibile per diverse circostanze, i due dell’ultimo appuntamento hanno un sapore più amaro in quanto avevo dimostrato di potere ottenere qualcosa di più. A Imola massima concentrazione e obiettivo vittoria!.

condividi
commenti
Carrera Cup Italia, Bonaldi punta Imola: “Il campionato si fa interessante...”

Articolo precedente

Carrera Cup Italia, Bonaldi punta Imola: “Il campionato si fa interessante...”

Articolo successivo

La Carrera Cup Italia “dice 33” a Imola nel round da dentro o fuori

La Carrera Cup Italia “dice 33” a Imola nel round da dentro o fuori
Carica i commenti