Carrera Cup Italia, Mugello: è una Michelin Cup da... Supercup!

Distacchi minimi e grande agonismo nella categoria dei piloti "bronze", che dopo la pole position di Cassarà e il pacchetto di mischia all'inseguimento attende una rovente gara 1 sul circuito toscano al pari dei colleghi Pro.

Carrera Cup Italia, Mugello: è una Michelin Cup da... Supercup!

Marco Cassarà è il poleman della Michelin Cup al Mugello, ma il secondo round della Carrera Cup Italia, a sentire gli stessi protagonisti della categoria, sembra quasi una Supercup, presa a riferimento per antonomasia dati i minimi distacchi registrati in una sessione di qualifica davvero combattuta. Segno anche dell'avvicinamento che alcuni piloti "bronze" stanno vivendo a livello di feeling con la 911 GT3 Cup e di performance generali (magari anche nel lavoro con il team) rispetto a due favoriti per il titolo 2021, ovvero lo stesso Cassarà e il capoclassifica Alex De Giacomi, entrambi già titolati in passato.

Sul circuito toscano Cassarà si sta esaltando e ha prevalso in ogni turno fin dal test di giovedì sulla vettura di Raptor Engineering, che a sua volta ha raggiunto la prima ole position a livello di squadra, con i sorrisi che sotto al "box" di Andrea Palma&Co. non sono mancati al termine delle prove, anche se il pilota romano avrebbe potuto fare meglio a livello assoluto, con intertempi che lo stavano lanciando addirittura tra i migliori 12 e quindi verso una possibile PQ2 prima di essere rallentato da una virtual safety car.

Una parentesi occorsa sul finale della PQ1 per recuperare la vettura di DIego Locanto finita in ghiaia, anche lui atteso protagonista della categoria in gara ma rimasto staccato in prova e dunque costretto a inseguire (come Andrea Corradinas). Alle spalle di Cassarà, che sembra appunto poter contare su qualcosina in più rispetto agli altri, il pacchetto di mischia compreso proprio dal poleman a Locanto è di sicuro interesse.

Piero Randazzo scatterà al fianco di Cassarà (dal quale è rimasto staccato di meno di due decimi) e guida il duo AB Racing che comprende Francesco Maria Fenici, in decisa crescita nonostante la difficoltà di aver dovuto saltare le libere. Quindi con il quarto tempo di classe ecco De Giacomi, in miglioramento già ieri rispetto a una difficile giornata di test al giovedì.

Alle spalle del capoclassifica altri quattro piloti come Gianluca Giorgi (Ebimotors), con ambizioni di classifica, il compagno di squadra Gianluigi Piccioli, e il duo dell'Enrico Fulgenzi Racing Gabriel Rindone e Ray Calvin.

Considerando che Randazzo, Fenici, De Giacomi e Giorgi si sono qualificati in 2 decimi e che in totale dietro a Cassarà ci sono 7 piloti in 4 decimi in gara 1 sono attese scintille. Gara 1 per la quale è tutto pronto e nella quale si scontano le prime penalità del weekend, che hanno colpito proprio due gentleman della Michelin Cup nel post-qualifiche.

Luigi Peroni è stato retrocesso di 4 posizioni (da P28 partirà in P32) per un sorpasso in regime di full course yellow, mentre Max Donzelli sconterà 2 posizioni (scatterà ultimo) per aver tagliato la linea bianca all'ìuscita dei box.

condividi
commenti
Carrera Cup Italia, Mugello: Gattuso c'è e ora cerca il podio
Articolo precedente

Carrera Cup Italia, Mugello: Gattuso c'è e ora cerca il podio

Articolo successivo

Carrera Cup Italia, Mugello: Cerqui all'ultima curva in gara 1!

Carrera Cup Italia, Mugello: Cerqui all'ultima curva in gara 1!
Carica i commenti