Cairoli solitario a Monza in Gara 2. Drudi è l'inseguitore

Cairoli (Ebimotors) scatta dalla pole e si invola costruendo un vantaggio di 27 secondi. Drudi è secondo dopo una dura battaglia con Fulgenzi che ha fatto da tappo. Sul terzo gradino del podio il canadese Grenier.

Cairoli solitario a Monza in Gara 2. Drudi è l'inseguitore
Matteo Cairoli, Ebimotors, taglia per primo il traguardo
Mattia Drudi, Dinamic Motorsport - Modena
Porsche 911 GT3 Cup #33, Grenier Mikael, Torta Matteo, Tsunami RT – Padova
Eric Scalvini, Dinamic Motorsport
partenza Gara 1: Alessio Rovera, Ebimotors - Verona
Daniele di Amato, Dinamic Motorsport
Porsche 911 GT3 CUP #13 Come Ledogar, Gaidai Oleksandr Tsunami RT - Padova
Alex De Giacomi, Dinamic Motorsport
Glauco Solieri, Ghinzani Arco Motorsport - Milano
Gianmarco Quaresmini, Ghinzani Arco Motorsport – Milano
Marco Cassara, Ghinzani Arco Motorsport - Roma

Matteo Cairoli mette a segno una bella doppietta a Monza nella Carrera Cup Italia, dove il pilota della Ebimotors – Centro Porsche Como ha espresso la volontà di prendere parte anche ad altri appuntamenti compatibilmente con il suo impegno nella Porsche Mobil 1 Supercup. Un passo imprendibile quello del pilota comasco che alle proprie spalle ha visto andare in scena una bella lotta per il podio.

A farsi trovare pronto questa volta è stato Mattia Drudi (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Modena), abile nel risalire dalla settima posizione in griglia, a seguito della penalizzazione in Gara 1 inflittagli per un contatto in gara con Rovera. Il romagnolo dopo una serie di sorpassi e qualche errore è riuscito a conquistare la medaglia d’argento contesa con Enrico Fulgenzi (TAM Racing – Centro Porsche Latina), che ha mantenuto la posizione fino alle battute finali della gara, dove però è stato coinvolto in un incidente che l’ha costretto al ritiro.

Bene Mikael Grenier (Tsunami RT – Centro Porsche Padova), terzo sotto la bandiera a scacchi, il quale è riuscito ad avere un buon passo di gara nonostante una partenza difficile ed aver trovato sulla sua strada un più che competitivo Daniele Di Amato (Dinamic Motorsport), alla fine sesto. A ridosso del podio ha concluso la gara un altro giovane dello Scholarship Programme, Eric Scalvini (Dinamic Motorsport), che ha messo dietro Alessio Rovera (Ebimotors – Centro Porsche Verona), anche lui coinvolto in un contatto con Kevin Giovesi (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano) mentre era in lotta per il terzo posto, con quest’ultimo penalizzato con 25” da scontare al termine della gara.

Buono il passo anche di Oleksandr Gaiadai (Tsunami RT – Centro Porsche Padova), che nella veste di team manager e pilota ha terminato la sua gara con un’incoraggiante settima posizione.

Nella Michelin Cup a salire in cattedra dopo il ritiro In Gara 1 è stato Alex De Giacomi (Dinamic Motorsport), che ha preceduto il compagno di squadra Glauco Solieri e il romano Marco Cassarà (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Roma), undicesimo nella classifica assoluta alle spalle di Gianmarco Quaresmini (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano).

La Classifica di Gara 2

1. Matteo Cairoli (Ebimotors – Centro Porsche Como) 15 giri in 28'03"756 alla media di 185,8 km/h;
2. Mattia Drudi (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Modena) a 27”767
3. Mickael Grenier (Tsunami RT – Centro Porsche Padova) a 29”202
4. Eric Scalvini (Dinamic Motorsport) a 30”678
5. Alessio Rovera (Ebimotors – Centro Porsche Verona) a 31”866
6. Daniele Di Amato (Dinamic Motorsport) a 37”601
7. Oleksandr Gaidai (Tsunami RT – Centro Porsche Padova) a 37”961
8. Alex De Giacomi (Dinamic Motorsport) a 40”236
9. Glauco Solieri (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano) a 40”980
10. Gianmarco Quaresmini (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano) a 42”175
11. Marco Cassarà (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Roma) a 47”442
12. Marco Pellegrini (Dinamic Motorsport) a 58”383
13. Hans-Peter Koller (TAM Racing) 1’00”173
14. Stefano Zanini (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna) 1’06”641
15. Walter Ben (Dinamic Motorsport) 1’50”772
16. Enrico Fulgenzi (TAM Racing – Centro Porsche Latina) 2 giri
17. Kevin Giovesi (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano) 2 giri.

Giro più veloce: il 10. di Cairoli in 1’51”733 alla media di 186,6 km/h.

condividi
commenti
Monza, Gara 1: Cairoli fa il vuoto davanti a Ledogar e Iaquinta
Articolo precedente

Monza, Gara 1: Cairoli fa il vuoto davanti a Ledogar e Iaquinta

Articolo successivo

Iaquinta escluso da Gara 1: perde il terzo posto in verifica

Iaquinta escluso da Gara 1: perde il terzo posto in verifica
Carica i commenti