Toyota Racing Series: Leitch leader del primo round

Toyota Racing Series: Leitch leader del primo round

Nelle gare condizionate fortemente dalla pioggia Marciello e la Cerruti si difendono

È stato Josh Hill, figlio (e nipote) d’arte, ad aggiudicarsi la prima vittoria del 2012 nella TRS (Toyota Racing Series), in programma questo weekend sul circuito di Teretonga ad Invercargill (estremo sud della Nuova Zelanda). Il campionato neozelandese, articolato su 5 rounds di gara consecutivi che si disputeranno tra il 15 gennaio e il 12 febbraio, sta riscuotendo sempre più consensi, come dimostra la ricca ed internazionale griglia di partenza. Nutrito il pacchetto di piloti europei (e non solo) che hanno deciso di cimentarsi con le Tatuus motorizzate Toyota, tra i quali ci sono anche gli italiani Raffaele Marciello e Michela Cerruti (al debutto su una formula), che sfrutteranno questa opportunità per tenersi allenati in vista d’inizio stagione. QUALIFICHE Sotto il diluvio torrenziale che, insieme al vento, ha reso la pista particolarmente insidiosa, Lucas Auer (anch’esso nipote di una vecchia conoscenza della Formula 1, Gerhard Berger) è riuscito a far segnare la pole position, fermando il cronometro sull’ 1’01’’416. Alle spalle dell’austriaco si è piazzato il duo della M2 Competition formato da Jordan King e Raffaele Marciello, che è stato subito veloce ad adattarsi alla monoposto e al nuovo tracciato. Quarto crono per Josh Hill, che si è tenuto dietro Jono Lester, Nick Cassidy e Hannes Van Asseldonk, che ha deluso un po’ le aspettative create nelle libere di giovedì e venerdì. Diciottesima Michela Cerruti, alle prese con un fuoripista nelle primissime battute che le ha condizionato il prosieguo delle sue qualifiche. GARA 1 Caratterizzata ancora dalla pioggia, la prima manche ha subito riservato molte sorprese. Lucas Auer, scattato dalla prima casella, alla terza curva è finito in testacoda, proprio davanti gli occhi di Raffaele Marciello, che non ha potuto fare niente per evitarlo. Nell’urto, fortunatamente senza conseguenze, la monoposto dell’italo-svizzero ha riportato seri danni al cambio e al motore e i commissari sono stati costretti ad esporre la bandiera rossa. Alla ripartenza Josh Hill (ETEC Motorsport) ha così potuto prendere la testa della corsa, mantenendola senza grosse difficoltà fino alla fine. Il podio è stato completato da Damon Leitch (Victory Motor Racing) e Jono Lester. Ottimo decimo posto per Michela Cerruti che, in rimonta, ha tenuto alti i nostri colori. Ritirati per incidente anche Hannes Van Asseldonk, in forza alla Giles Motorsport e Jordan King dell’M2 Competition. GARA 2 Indiscussa protagonista della prima delle due gare domenicali è stata la safety car, entrata in pista ben tre volte. Partito dalla quarta posizione, è stato Hannes Van Hassekdonk ad aggiudicarsi la vittoria nella seconda manche, durata appena 15 giri (di cui soli 6 disputati senza SC). L’asfalto, reso viscido dalla pioggia, ha indotto nella prima tornata Jono Lester (ETEC Motorsport) in errore, che ha chiuso contro le barriere di protezione la sua corsa. Al rientro della safety car, ci ha pensato l’indiano Sheban Siddiqui a “rianimare” la situazione, costringendo la vettura di sicurezza a tornare in pista. Con Lucas Auer in testa, ancora bravo a sfruttare la pole position, la gara sembrava non riservare altre sorprese, ma proprio l’austriaco si è reso protagonista di un fuoripista che ha portato per la terza volta la SC sul tracciato di Teretonga. Terminati gli incidenti, che hanno visto protagonisti anche i britannici Jordan King e Josh Hill, è stata la pioggia a decretare la fine anticipata della gara al 15esimo giro. Vittoria quindi di Van Hasseldonk davanti ai due della Giles Motorsport Nick Cassidy e Bruno Bonifacio. Quinto posto per Raffaele Marciello, bravo a recuperare dall’ottava posizione, risultato che gli ha permesso di partire dalla seconda piazza in Gara 3 (per la griglia invertita). Buon decimo posto per l’altra italiana in gara Michela Cerruti (Victory Motor Racing). GARA 3 L’ultimo round ha visto ancora l’olandese della Giles Motorsport chiudere in testa, davanti al compagno di team Nick Cassidy. Sotto la pioggia, nelle primissime battute, è stato il pupillo della Ferrari Driver Academy a portarsi in testa e a dare spettacolo, rendendosi protagonista di un sorpasso all’esterno su Shahaan Engineer. L’indiano (che con i suoi 17 anni è il pilota più giovane) nell’ultima curva è però piombato su Marciello: gara finita per entrambi. Dei 12 giri in programma, a causa delle avverse condizioni meteo, ne sono stati compiuti soli 5, prima che la direzione gara decidesse di esporre nuovamente bandiera rossa. Alla fine è stato Damon Leitch (Victory Motor Racing) ad occupare il terzo gradino del podio che lo ha portato in testa alla classifica generale; alle sue spalle Felix Serralles (Giles Motorsport) e Victor Sendin (ETEC Motorsport). Tredicesima la nostra Michela Cerruti. Appuntamento al 19 gennaio sul tracciato di Timaru, pieno sud della regione di Canterbury. RAFFAELE MARCIELLOÈ stato un weekend davvero sfortunato, potevamo fare due podi, ma torno a casa con solo un quinto posto. In Gara 1 Auer mi si è girato davanti e non ho potuto schivarlo, ma in Gara 2 ho fatto una buona rimonta. Il quinto posto mi ha permesso di partire in prima fila per l’ultima gara. In questa avevo subito preso il comando, ma mi hanno buttato fuori. Peccato, poteva andare molto meglio, ma va bene così, accumulo esperienza”.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati ALTRE MONOPOSTO
Articolo di tipo Ultime notizie