WSBK
24 ott
-
26 ott
Evento concluso
WRC
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
WEC
08 nov
-
10 nov
Evento concluso
12 dic
-
14 dic
FP3 in
12 Ore
:
03 Minuti
:
35 Secondi
MotoGP
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso
Moto3
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso
Moto2
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso
Formula E
23 nov
-
23 nov
Evento concluso
G
Santiago ePrix
17 gen
-
18 gen
Prossimo evento tra
35 giorni
FIA F2
28 nov
-
01 dic
Evento concluso
Formula 1
28 nov
-
01 dic
Evento concluso
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
90 giorni
ELMS
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
WTCR
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
13 dic
-
15 dic
Prossimo evento tra
03 Ore
:
43 Minuti
:
35 Secondi

Jenson Button disperso nel deserto per 17 ore

condividi
commenti
Jenson Button disperso nel deserto per 17 ore
Di:
25 nov 2019, 16:04

Il campione 2009 di F1 rompe il differenziale nel deserto nel corso della Baja 1000 in Messico e rimane tutta la notte bloccato.

Disavventura per Jenson Button nel corso della Baja 1000. Il campione 2009 di Formula 1, alla guida di un fuoristrada riconoscibile grazie a una livrea molto simile a quella usata dalla Brawn GP iridata, è rimasto bloccato nel deserto per 17 ore.

Button ha avuto un problema all'evento di Ensenada in Messico, ed è stato costretto a fermarsi nel deserto a causa di un rumore, causato dalla rottura del differenziale.

"Siamo usciti dalla Baja 1000 con una storia da raccontare" ha fatto sapere Jenson tramite il suo profilo ufficiale su Instagram. "Tutto era iniziato nel migliore dei modi. Abbiamo superato 5 camion, poi altri 7-8 contendenti che avevano rotto i rispettivi fuoristrada".

"Avevo trovato un ritmo molto buono. Ma al miglio 235 Terry Madden, il mio navigatore, ha sentito un rumore molto forte e abbiamo così perso la possibilità di proseguire, avendo rotto il differenziale".

"E' stata una cosa strana, perché tutte le temperature erano perfette. Abbiamo provato a occuparci del fuoristrada, ma sono cose che succedono. Ma ci trovavamo nel posto più remoto possibile e questo ha significato che abbiamo trascorso l'intera notte sotto le stelle".

"Le uniche persone che abbiamo visto erano altri piloti che ci chiedevano di pulire i loro fanali. Ci siamo alimentati con barrette energetiche e ci siamo scaldati con un fuoco che abbiamo dovuto alimentare costantemente con rami. E' stata un'esperienza di vita".

Articolo successivo
È ufficiale: la Sei Giorni di Enduro 2020 si disputerà in Italia

Articolo precedente

È ufficiale: la Sei Giorni di Enduro 2020 si disputerà in Italia

Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Offroad
Autore Giacomo Rauli