Capolavoro di strategia di Matt Kenseth a Dover

Capolavoro di strategia di Matt Kenseth a Dover

Nell'ultimo pit cambia solo due gomme e si invola verso la vittoria

Grazie ad un autentico capolavoro di strategia, orchestrato dal muretto della Roush Fenway Racing, Matt Kenseth è andato a prendersi la sua seconda vittoria stagionale nella NASCAR Sprint Cup. Il pilota della Ford si è imposto a Dover comandando la gara per tutto l'ultimo stint, dopo essere risalito grazie alla scelta di cambiare solo due pneumatici all'ultimo pit stop. Con l'ultimo ingresso della safety car, avvenuto a meno di 40 tornate dalla bandiera a scacchi, tutti i piloti che occupavano le prime posizioni hanno deciso di sostituire tutti gli pneumatici delle loro vetture, mentre Kenseth e la Roush Fenwey hanno optato per una strategia diversa con l'intento di scalare la classifica. All'ultimo restart, dunque, il vincitore si è trovato a scattare dalla prima fila, preceduto dal solo Mark Martin, che addirittura si è preso il rischio di non rientrare ai box. Nell'arco di poche curve Kenseth è riuscito quindi nella manovra di sorpasso e da quel momento si è involato verso la vittoria, precedendo proprio un coriaceo Martin, bravissimo a tenere botta sugli attacchi delle vetture che lo seguivano, in particolare a quelli di Marcos Ambrose, terzo al traguardo. Quarto posto per Kyle Busch, che risale quindi nella top 3 in campionato, dove comunque continua a comandare Carl Edwards: l'altro portacolori della Roush Fenwey è uno dei piloti che hanno pagato la scelta di cambiare tutte e quattro le gomme, dovendosi accontentare del settimo posto. Gli è andata comunque meglio rispetto al poleman Jimmie Johnson, nono.

NASCAR Sprint Cup - Dover - Gara

NASCAR Sprint Cup - Classifica campionato

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati NASCAR Cup
Piloti Matt Kenseth
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag detroit