Sulla Chevy di Montoya ha ceduto una sospensione

I tecnici della sua squadra hanno spiegato che è stato questo il motivo dell'incidente di Daytona

La Earnhardt Ganassi Racing ha reso pubbliche le cause del terribile incidente di Juan Pablo Montoya in occasione della Daytona 500, gara di apertura della NASCAR Sprint Cup 2012. L'ex pilota di Formula 1 era inspiegabilmente finito in testacoda, centrando una mezzo di sicurezza in regime di caution, ma oggi i tecnici della sua squadra hanno dato un senso all'accaduto, spiegando che la sua Chevrolet ha subito il cedimento del braccio di una sospensione posteriore. Fortunatamente "Juancho" se l'è cavata solo con un grosso spavento e con una caviglia gonfia, perchè le immagini dell'incidente sono davvero impressionanti: una volta colpito, infatti, il mezzo di sicurezza è stato letteralmente avvolto dalle fiamme, che hanno investito anche la vettura del colombiano. Tra le altre cose, sembrava che fosse accaduto qualcosa di simile anche alla vettura gemella di Jamie McMurray, finita in testacoda anch'esssa inspiegabilmente nelle fasi conclusive della corsa. In questo caso però la squadra ha smentito questa possibilità, spiegando che invece questo incidente è stato provocato da una foratura lenta.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati NASCAR Cup
Piloti Juan Pablo Montoya
Articolo di tipo Ultime notizie