Zarco: la caduta provocata da un problema al cambio

La caduta di Johann Zarco nel Gran Premio del Portogallo di MotoGP, avvenuta quando era nel gruppetto di testa, è stata dovuta ad un problema al cambio.

Zarco: la caduta provocata da un problema al cambio

Scattato dalla prima fila, Johann Zarco ha condotto i primi tre giri della gara di Portimao, ma poi non ha potuto fare niente per tenere dietro Fabio Quartararo ed Alex Rins. Quando alle sue spalle sono arrivati poi Joan Mir e Pecco Bagnaia, il francese ha perso l'anteriore della sua Ducati alla curva 10 e per lui il ritiro è stato inevitabile.

"Ho avuto un piccolo problema con il cambio, quindi non ero nella marcia giusta. Quando ho scalato due marce, sono rimasto con quella sbagliata perché non mi aveva ingranato bene la quarta. Ho pensato di aver commesso un errore, ma mi hanno rassicurato che avevano già avuto questo piccolo problema con altri piloti. Sono stato sfortunato", ha spiegato Zarco.

Il pilota di Cannes crede che il problema possa essere stato dovuto al ritmo di gara molto veloce che stava provando a tenere.

"Ero a pochi decimi e forse stavo spingendo troppo per seguire gli altri. Forse i cambiamenti non sono stati corretti come avrebbero dovuto. Penso che questa sia una delle cause", ha detto.

Ma anche le condizioni della gomma anteriore della sua Ducati non lo hanno aiutato ad evitare l'incidente.

"La gomma anteriore non era messa bene sul lato destro, non potevo avere alcun supporto ed è per questo che sono caduto subito. Abbiamo avuto un problema, ma forse aver fatto molti giri sull'1'39"8 non ha aiutato. Probabilmente si è surriscaldata troppo andando dietro a Mir e avremmo avuto bisogno di un assetto diverso", ha detto.

Inevitabilmente, per via di questo incidente, Zarco ha perso la leadership del Mondiale, passata nelle mani del connazionale Fabio Quartararo.

"Speravo di lottare per il podio. Il vantaggio in rettilineo è ancora importante e sapevo di poter fare la differenza sulla salita del rettilineo. Rinse e Fabio sono scappati. Speravo di rimanere con Pecco, ma ho fatto l'errore subito dopo che mi ha passato", ha concluso.

 
condividi
commenti
Suzuki rinnova l'impegno in MotoGP fino al 2026

Articolo precedente

Suzuki rinnova l'impegno in MotoGP fino al 2026

Articolo successivo

Lorenzo: "Rossi sembra lento nei suoi movimenti"

Lorenzo: "Rossi sembra lento nei suoi movimenti"
Carica i commenti