Zarco: "Il braccio va meglio del previsto, ma niente previsioni"

Dopo l'operazione all'avambraccio per risolvere l'arm-pump, il portacolori della Ducati Pramac si mostra fiducioso di poter ottenere un bel risultato ad Austin.

Zarco: "Il braccio va meglio del previsto, ma niente previsioni"

Johann Zarco spera che la sua operazione al braccio gli permetterà di tornare al livello di prestazioni che aveva all'inizio della stagione 2021 di MotoGP.

Una settimana dopo essere finito sotto i ferri per risolvere il problema dell'arm-pump, il francese si è detto sorpreso di sentirsi bene fisicamente.

Venerdì il portacolori della Ducati Pramac tornerà in sella, solo nove giorni dopo l'intervento all'avambraccio destro effettuato dallo stesso chirurgo che ha curato Fabio Quartararo all'inizio di quest'anno.

Il transalpino attente di girare per avere un'idea chiara delle sue condizioni fisiche, ma è già impressionato da quanto velocemente ha recuperato la forma.

"Ho una buona energia e dopo l'operazione il braccio sta recuperando abbastanza bene - ha detto Zarco nel giovedì che precede le attività di Austin - Sono abbastanza soddisfatto e anche sorpreso dal modo in cui si sta riprendendo. Il vero test sarà sulla moto".

"Non sto facendo niente di speciale ora perché è meglio aspettare il giorno giusto per spingere. Per quanto riguarda sensazioni e dolore, sta andando molto bene".

"Vedremo domani come si comporta l'arto nei primi sforzi, ma per ora è ok. Ho preso degli antinfiammatori nei primi tre giorni, perché si sgonfisse un po' doo l'operazione. Da sabato scorso non ne ho più presi e il braccio si comporta bene".

Leggi anche:

Zarco ha preso solo 19 punti nelle cinque gare dalla fine della pausa estiva, e 9 negli ultimi quattro eventi. Le limitazioni del suo braccio di recente possono aver causato un blocco mentale e fisico, e l'intervento della scorsa settimana potrebbe essere la mossa per riportarlo al livello a cui era nella prima parte della stagione.

"Lo spero. Chiaramente non la prendo come scusa per le mie scarse prestazioni, ma nelle ultime due gare è stato strano non avere qualcosa che forse era importante. Con piccole differenze, avrebbe potuto essere tutto molto meglio. Era complicato. Oltre ai guai al braccio, temevo che il corpo non fosse al 100%, come se si stesse "proteggendo". Avevo un piccolo punto interrogativo su questo. Era un problema fisico che ora è stato corretto. Forse risolverà anche altre cose".

Johann Zarco, Pramac Racing Maverick Vinales, Aprilia Racing Team Gresini

Johann Zarco, Pramac Racing Maverick Vinales, Aprilia Racing Team Gresini

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Zarco ha già brillato ad Austin, con due podi in Moto2 e un paio di Top6 nelle sue prime due gare in MotoGP. Il campionato non tornava negli Stati Uniti dal 2019 causa COVID, dunque il nativo di Cannes ha preferito arrivare presto per abituarsi al fuso orario, ma anche per vedere se i dossi che sono stati un problema in passato sono ancora presenti in pista.

"Il viaggio per arrivare qui è stato bello per me. Sono venuto un giorno prima per avere il tempo di abituarmi al fuso, anche se dall'Europa all'America è più facile adattarsi. Ho dormito per tutta la notte".

"Il corpo è pronto, andrò a vedere le condizioni della pista questo pomeriggio. Ho sentito che alcune parti sono state rifatte, ma forse non nei posti giusti. Devo vedere di persona".

Data la sua scarsa forma nelle ultime gare e la relativa incertezza che ancora dipende sulla sua forma fisica, Zarco preferisce non fare previsioni per il fine settimana.

"Non dovremmo fissarci troppo su una posizione. Sappiamo che quelle sul podio sono ciò che ti rendono più felice. I primi 5 sono risultati positivi. A seconda della difficoltà, una Top10 può sempre essere interessante".

"Finire più indietro non è buono. Non dirò a cosa mi piacerebbe puntare, perché è naturale per un pilota. Vedremo, darò il massimo e capirò se si può davvero dare tutto e se potrò essere premiato da questo. Sarebbe l'ideale".

condividi
commenti
Rossi: "Il problema non è l'età, ma l'aggressività in pista"
Articolo precedente

Rossi: "Il problema non è l'età, ma l'aggressività in pista"

Articolo successivo

La MotoGP ricorda Dean Berta Vinales con un minuto di silenzio

La MotoGP ricorda Dean Berta Vinales con un minuto di silenzio
Carica i commenti