Yamaha Petronas aspetta ancora Valentino Rossi

Razlan Razali, team principal della Yamaha Petronas, ha detto di non aver fretta per finalizzare la sua formazione 2022 e che aspetterà di capire se Valentino Rossi deciderà di continuare o ritirarsi.

Yamaha Petronas aspetta ancora Valentino Rossi

Il pilota italiano si è unito al team malese quest'anno, dopo 15 stagioni con il team ufficiale Yamaha. Dopo le prime nove gare, Rossi sta attraversando il momento più delicato dei suoi 26 anni Nel Mondiale: occupa la 19ª posizione in classifica generale con soli 17 punti e una sola top 10 al Mugello.

A 42 anni, Il dottore ha detto che avrebbe preso la pausa estiva per decidere il suo futuro, ma secondo le sue ultime dichiarazioni, è probabile che annunci il suo ritiro al suo ritorno.

Se dovesse continuare, non sarebbe irragionevole pensare che Rossi correrà con la sua squadra, la VR46, nel 2022, anche se il suo attuale team aspetterà la sua decisione, anche se ha già incontrato diversi piloti per trovare un eventuale sostituto.

"Stiamo ancora aspettando di sentire le decisione di Valentino e Yamaha sul prossimo anno", ha detto Razali in un'intervista pubblicata da Petronas SRT. "Comunque, come è normale in questo periodo dell'anno, le ultime notizie sul mercato dei piloti della MotoGP hanno aperto tutte le possibilità. C'è una conversazione in corso tra Yamaha, noi e i nostri attuali piloti e non abbiamo fretta di annunciare nulla".

Nel caso in cui Rossi non continuasse, non mancheranno i candidati ad occupare il posto sulla M1 vacante. Inoltre, Petronas potrebbe trovarsi senza i suoi due piloti attuali se Yamaha dovesse portare Morbidelli nel team ufficiale nel 2022 per coprire la partenza di Maverick Viñales.

Garrett Gerloff, Petronas Yamaha SRT

Garrett Gerloff, Petronas Yamaha SRT

"Abbiamo ricevuto interesse da molti piloti e anche da alcuni che sono attualmente fuori dalla MotoGP. Crediamo di avere tempo e siamo in una posizione in cui possiamo permetterci il lusso di scegliere; tutti conoscono il pacchetto che Yamaha può offrire e cosa può fare un giovane pilota nella nostra squadra".

"Abbiamo la struttura e il pacchetto per dare ai giovani piloti l'opportunità di realizzare i loro sogni. Abbiamo visto questo con Franco Morbidelli e Fabio Quartararo, quindi con tutto questo interesse ci prenderemo il nostro tempo per valutare i piloti che vogliamo. Non ci sarà alcun annuncio sulla possibile formazione fino a dopo le prossime due gare", ha spiegato il boss malese.

Morbidelli non rientrerà prima di Misano

Il vice-campione del mondo in carica ha saltato l'ultima gara ad Assen a causa di un infortunio al ginocchio che lo ha costretto a sottoporsi ad un intervento chirurgico. L'Italiano sta recuperando, ma la squadra non conta di rivederlo in pista alla ripresa delle attività, al Red Bull Ring.

"Franco si sta riprendendo bene dall'operazione al ginocchio. Vogliamo assicurarci che sia al 100% prima del suo ritorno, quindi non credo che tornerà fino a Misano, anche se mi piacerebbe vederlo prima. È un circuito che gli piace, che conosce bene e dovrebbe essere un buon posto per vedere il suo ritorno. Noi tutti continuiamo ad augurargli un buon recupero e che tornerà solo quando si sentirà completamente in forma", ha detto Razali.

Leggi anche:

condividi
commenti
Espargaro su Honda: "Servono vari cambiamenti, non solo telaio"
Articolo precedente

Espargaro su Honda: "Servono vari cambiamenti, non solo telaio"

Articolo successivo

The Mirco Lazzari Collection: la foto d’autore diventa NFT

The Mirco Lazzari Collection: la foto d’autore diventa NFT
Carica i commenti