MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Postponed
G
GP delle Americhe
15 apr
Postponed
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
18 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
32 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
46 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
53 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
67 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
74 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
88 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
123 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
137 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
151 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
158 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
172 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
193 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
200 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
214 giorni

Yamaha ha dovuto "frenare" Hamilton nel test di Valencia

Il team manager della Yamaha in MotoGP, Massimo Meregalli, ha rivelato che il team ha dovuto fermare un impaziente Lewis Hamilton, che voleva scendere in pista troppo presto durante lo scambio con Valentino Rossi dello scorso anno.

Yamaha ha dovuto "frenare" Hamilton nel test di Valencia

Dopo la conclusione della stagione 2019 della MotoGP e della Formula 1, Monster Energy - uno dei principali sponsor di Hamilton e della Yamaha - ha organizzato uno scambio tra Hamilton e Valentino Rossi a dicembre a Valencia.

Hamilton ha avuto modo di guidare una moto da MotoGP per la prima volta, mentre Rossi ha guidato la Mercedes del 2017, la vettura che ha portato Hamilton al titolo di F1 di quell'anno.

In un'intervista rilasciata a Motorsport.com, Meregalli ha ricordato quanto Hamilton fosse impaziente di partire, al punto che gli è stato impedito di scendere in pista troppo presto a causa delle temperature pericolosamente basse del circuito.

Leggi anche:

"E' stata una bella giornata. Loro pensavano che si trattasse solamente di un'operazione promozionale, ma non è stato così. Vale è stato messo nelle condizioni di fare dei turni di prova fatti bene al volante della Mercedes" ha detto Meregalli.

"Anche noi abbiamo fatto il possibile con Lewis. Lui si è presentato in circuito prestissimo ed abbiamo dovuto fermarlo perché voleva salire in moto alle 9, ma faceva freddo".

"Poi siamo stati in grado di cambiare tutti i programmi, perché Vale è arrivato un po' in ritardo e loro volevano che Lewis scendesse in pista abbastanza presto, ma noi gli abbiamo detto che a Valencia a dicembre prima delle 11 non era il caso".

"Avendo perso quelle due ore, poi ha cercato di girare il più possibile. Sicuramente a lui piace tanto la moto".

Appassionato di motociclismo e di MotoGP da tutta la vita, Hamilton aveva un'esperienza limitata prima di quel giorno, con la sua ultima uscita che era stata all'inizio del 2019 a Jerez, su una Yamaha R1 con il duo del Mondiale Superbike Alex Lowes e Michael van der Mark a fargli da coach.

Hamilton ha subito una piccola caduta durante quell'esperienza e, secondo quanto riferito, ha avuto un piccolo incidente anche durante la sua avventura in MotoGP. Ma la sua prestazione in moto ha impressionato i capi Yamaha.

"Lui aveva guidato una moto soltanto otto volte prima di salire su una MotoGP, quindi secondo me quello che ha fatto, non l'ha fatto male".

"Poi è chiaro che abbiamo cercato di metterlo nelle condizioni migliori, con una mappa da bagnato e con gomme che non erano quelle che utilizziamo normalmente, anche perché da regolamento non potevamo usarle".

"C'era vento, faceva freddo, quindi le condizioni non erano ideali, ma lui si è fermato solo quando gli abbiamo mostrato la bandiera a scacchi".

Lewis Hamilton, Yamaha MotoGP YZR-M1, Valentino Rossi, MotoGP YZR-M1

Lewis Hamilton, Yamaha MotoGP YZR-M1, Valentino Rossi, MotoGP YZR-M1

Photo by: Monster Energy

condividi
commenti
Rossi al team Petronas: le parti si avvicinano

Articolo precedente

Rossi al team Petronas: le parti si avvicinano

Articolo successivo

Graziano Rossi: "Valentino può continuare altri 4 anni"

Graziano Rossi: "Valentino può continuare altri 4 anni"
Carica i commenti