Yamaha e Suzuki resteranno cinque settimane in Qatar

I vertici di Yamaha e Suzuki hanno informati i membri dei loro team che non potranno tornare a casa e dovranno rimanere in Qatar fino alla conclusione del secondo Gran Premio della stagione.

Yamaha e Suzuki resteranno cinque settimane in Qatar

Anche se la questa possibilità era già sul tavolo, è stato solo nelle ultime ore che i vertici di entrambi i marchi hanno optato per una decisione più consevativa, ma impopolare tra le loro truppe.

Uno dei tecnici della Ducati è risultato positivo all'arrivo all'aeroporto di Hamad, insieme ad altri due meccanici Avintia.

Nel caso della Honda, i membri giapponesi della Casa dell'Ala dorata avevano già progettato di rimanere in Qatar, date le difficoltà che il loro paese crea per i passeggeri provenienti dall'estero.

In totale, dovranno rimanere nell'Emirato per circa cinque settimane, fino alla conclusione della seconda gara della stagione, fissata per domenica 4 aprile. Un soggiorno che, inoltre, sarà condizionato da un rigido protocollo stabilità dalle autorità del paese e dai responsabili del campionato.

Leggi anche:

In questo protocollo speciale, tutti i membri del paddock sono molto limitati nei loro movimenti, al punto di essere confinati negli hotel.

Infatti, l'unico modo per uscire dalle strutture è andando in circuito, e sempre utilizzando il servizio navetta che è stato coordinato per questo scopo. Un sistema che, come previsto, genera anche situazioni particolari.

La cosa curiosa è che i piloti di Yamaha e Suzuki hanno carta bianca per tornare a casa dopo il secondo test, che termina venerdì della settimana prossima (12 marzo), prima di dover tornare a Losail giovedì 25 marzo.

Questo è qualcosa che, sulla carta, non ha molto senso data l'importanza dei piloti in questo sport. Nel caso in cui un tecnico risulti positivo, può sempre essere sostituito o isolato. Nel caso di un pilota, la sua sostituzione avrebbe un impatto molto più grande sulla squadra in questione, e probabilmente significherebbe iniziare il campionato del mondo con il piede sbagliato.

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
1/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
2/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team
Francesco Bagnaia, Ducati Team
3/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Iker Lecuona, Red Bull KTM Tech 3
Iker Lecuona, Red Bull KTM Tech 3
4/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
6/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Takaaki Nakagami, Team LCR Honda
Takaaki Nakagami, Team LCR Honda
7/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Factory Racing
Miguel Oliveira, Red Bull KTM Factory Racing
8/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
9/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
10/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Márquez, Team LCR Honda
Alex Márquez, Team LCR Honda
11/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
12/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
13/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
14/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Red Bull KTM Tech 3
Danilo Petrucci, Red Bull KTM Tech 3
15/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
16/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team
Jack Miller, Ducati Team
17/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
18/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Iker Lecuona, Red Bull KTM Tech 3
Iker Lecuona, Red Bull KTM Tech 3
19/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Takaaki Nakagami, Team LCR Honda
Takaaki Nakagami, Team LCR Honda
20/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Pramac Racing
Jorge Martin, Pramac Racing
21/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Lorenzo Savadori, Aprilia Racing Team Gresini
Lorenzo Savadori, Aprilia Racing Team Gresini
22/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Takaaki Nakagami, Team LCR Honda
Takaaki Nakagami, Team LCR Honda
23/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
24/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
25/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
26/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Moto de Monster Energy Yamaha
Moto de Monster Energy Yamaha
27/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
28/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing
Johann Zarco, Pramac Racing
29/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Red Bull KTM Tech 3
Danilo Petrucci, Red Bull KTM Tech 3
30/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Red Bull KTM Tech 3
Danilo Petrucci, Red Bull KTM Tech 3
31/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Iker Lecuona, Red Bull KTM Tech 3
Iker Lecuona, Red Bull KTM Tech 3
32/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Iker Lecuona, Red Bull KTM Tech 3
Iker Lecuona, Red Bull KTM Tech 3
33/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Detalle de la moto de pruebas del equipo Ducati
Detalle de la moto de pruebas del equipo Ducati
34/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
35/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
36/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team
Francesco Bagnaia, Ducati Team
37/37

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Pol Espargaró: “Forzo finché una caduta non segna il limite”
Articolo precedente

Pol Espargaró: “Forzo finché una caduta non segna il limite”

Articolo successivo

Morbidelli: "Valentino urla nel box, amo questa cosa"

Morbidelli: "Valentino urla nel box, amo questa cosa"
Carica i commenti