Xaus: “Il podio di Bastianini ha un sapore migliore di quello di Zarco”

Rubén Xaus, direttore sportivo del team Avintia, ha detto domenica che il podio di Enea Bastianini a Misano "ha un sapore molto migliore" di quello ottenuto l'anno scorso da Johann Zarco.

Xaus: “Il podio di Bastianini ha un sapore migliore di quello di Zarco”

Il team Esponsorama Avintia ha celebrato il suo primo podio della stagione domenica e il secondo da quando ha sigillato la sua alleanza con Ducati la scorsa stagione, quando Johann Zarco si era piazzato terzo nel Gran Premio della Repubblica Ceca.

Enea Bastianini ha completato la sua migliore gara nel suo anno da rookie in MotoGP, impostando un ritmo pazzesco e conquistando il terzo posto su un podio inaspettato.

"Beh, meno inaspettato di quanto la gente possa pensare. Forse non ci aspettavamo un podio, ma ci aspettavamo il ritmo che ha tenuto per tutta la gara", ha spiegato il direttore sportivo del team ed ex pilota Ruben Xaus ai microfoni di DAZN domenica.

"Enea aveva un ritmo dell'1'32" medio, senza fare troppa fatica. Il problema è che ci manca l'esperienza. È giovane, è un rookie, arriva il venerdì al Gran Premio e la prima uscita è difficile. Deve adattarsi e perdiamo molto tempo. Sabato ha iniziato a seguire altri piloti che non avevano il suo ritmo, molto più lento di lui, ma è un'abitudine delle gare precedenti", ha spiegato.

"Ed è su questo che ci siamo concentrati, gli abbiamo detto di seguire gente come Martin, Bagnaia, Quartararo, perché aveva il loro passo. In FP4 si è inserito tra i migliori, in Q1 ha fatto un grande giro e in Q2 è andato sul verde: questo ci ha privato di partire dalla seconda fila (era 12° in griglia). Ma il ritmo che aveva domenica mattina era infernale. Sapevamo che se non succedeva niente di strano, una top 5 era più che fattibile", ha detto Xaus, riassumendo il weekend del suo allievo.

Podio: ganador Francesco Bagnaia, Ducati Team, segundo lugar Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing, tercer lugar Enea Bastianini, Esponsorama Racing
Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT, Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing, Johann Zarco, Avintia Racing

Bastianini, che ha esordito in MotoGP quest'anno da campione del mondo Moto2, è cresciuto nel corso l'anno. Al Motorland ha avuto la sua prima scintilla, entrando direttamente in Q2, e a Misano ha confermato la sua crescita con un podio siderale.

"Spero che accada più spesso. Ora dobbiamo chiedere ai 're', alla Ducati, di darci qualcosa di più, perché ce lo meritiamo. È l'addio alla squadra e penso che ce lo siamo guadagnato", ha detto invocando miglioramenti per la moto di Enea, che è la più vecchia del marchio italiano sulla griglia.

Mentre i piloti di fabbrica e Pramac hanno una Desmosedici 2021, nel team Avintia Luca Marini gode di una moto versione 2020, quella utilizzata da Johann Zarco lo scorso anno, mentre Bastianini guida un modello del 2019, quello che ha ereditato da Tito Rabat. Ora Xaus spera in un aggiornamento.

Leggi anche:

"Ciò che Ducati ha di diverso dalle altre marche è la mentalità italiana, latina, che permette loro una capacità di reazione molto più veloce dei giapponesi. In Ducati è azione-reazione, che è quello che cerchiamo di fare nel team e ci ha permesso di alzare il livello".

Un livello che ha permesso di eguagliare il miglior risultato di sempre della squadra, un terzo posto ottenuto da Zarco l'anno scorso.

"Questo podio ha un sapore molto migliore dell'anno scorso. Tenete a mente che Zarco non voleva venire a correre con noi, poi aveva una moto molto migliore di quella di Bastianini ora. Quella gara abbiamo fatto la pole ed è stato molto buono, ma erano successe tante cose strane".

"Non questa volta, questo podio l'abbiamo costruito: nono al primo giro, superando Marc Márquez, Aleix Espargaró, Joan Mir, Alex Rins, Jack Miller, in altre parole una grande gara. Zarco aveva già fatto dei podi prima. Ora stiamo parlando di un rookie, ed è il nostro ultimo anno come team di MotoGP, con il budget più basso di tutta la categoria, ed abbiamo fatto un podio", ha concluso Xaus.

condividi
commenti
Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia"
Articolo precedente

Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia"

Articolo successivo

Puig: “Marquez ha sofferto a Misano, ha lottato col dolore”

Puig: “Marquez ha sofferto a Misano, ha lottato col dolore”
Carica i commenti