Vinales: "Wild card Lorenzo importante per provare novità in GP"

Il pilota della Yamaha ha rilasciato un'intervista a MotoGP.com nella quale ha spiegato l'importanza di poter sfruttare il maiorchino anche nei weekend di gara per sviluppare la M1.

Vinales: "Wild card Lorenzo importante per provare novità in GP"

Maverick Vinales e la Yamaha sembravano pronti a presentarsi ai blocchi di partenza della MotoGP 2020 come i più in forma del lotto. La pandemia di Coronavirus, però, ha impedito al Mondiale di partire regolarmente in Qatar e quindi è rimasto tutto congelato fino a data da destinarsi (al momento, la prima gara sarebbe il 3 maggio a Jerez).

Nel frattempo, il pilota spagnolo ha continuato gli allenamenti e la scorsa settimana ne ha fatto anche le spese, rimanendo vittima di una caduta in sella ad una moto da cross, che gli è costata una notte in osservazione e qualche giorno di riposo forzato.

Pur nei limiti imposti a causa dell'aumento dei contagi di COVID-19, Maverick è tornato ad allenarsi ed ha concesso un'intervista a MotoGP.com, nella quale probabilmente lo spunto più interessante è stato quello legato alla wild card che Jorge Lorenzo farà in occasione del Gran Premio di Spagna.

Leggi anche:

Secondo lui, infatti, le informazioni che il maiorchino potrà raccogliere nei normali weekend di gara saranno molto più importanti di quelle ottenute durante le giornate di test

"Penso che sia importante per la Yamaha, perché potranno provare molto cose durante la gara. A volte, quando proviamo le cose nei test, l'errore è che lunedì c'è molto grip in pista perché c'è solo gomma Michelin e quindi i tempi sono molto buoni. Quindi non è mai facile provare le cose nuove" ha detto Vinales.

"Per questo penso che per la Yamaha sia molto importante lavorare con Jorge, non solo a Barcellona. Se potrà fare più wild card, sarà davvero buono perché potrà provare tante cose e capire se funzionano in gara o meno" ha aggiunto.

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
3/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
4/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
9/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
10/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
12/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
13/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
14/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Ecco perché Honda e Alex Marquez sono stati costretti ad unirsi

Articolo precedente

Ecco perché Honda e Alex Marquez sono stati costretti ad unirsi

Articolo successivo

Lorenzo: "Al 98% non torno, ma nel caso sarà con Yamaha"

Lorenzo: "Al 98% non torno, ma nel caso sarà con Yamaha"
Carica i commenti