Viñales: "Sto cercando di capire come essere veloce sull'Aprilia"

Maverick Viñales ha terminato con il 20° tempo di giornata nel suo debutto ufficiale con l'Aprilia al Gran Premio d'Aragon di MotoGP.

Viñales: "Sto cercando di capire come essere veloce sull'Aprilia"

Dopo due giorni di test a Misano la scorsa settimana, Viñales è tornato alla competizione in sella all'Aprilia RS-GP venerdì a Motorland. Il mese difficile che si è concluso con il suo licenziamento con effetto immediato da parte della Yamaha ed il passaggio al marchio Noale è finalmente alle spalle.

Dopo le buone sensazioni avute nel test, il pilota catalano si è messo subito al lavoro ad Aragon. Non appena l'orologio ha iniziato a scorrere in FP1, il #12 era alla ruota del suo nuovo compagno di squadra, Aleix Espargaró. Viñales ha terminato la FP1 con 21 giri e al 19° posto, a 2"1 dal miglior tempo stabilito da Marc Márquez e a meno di nove decimi dal suo vicino di box.

Nel pomeriggio, il pilota di Roses si è migliorato di quasi 1"4, con un tempo di 1'48"755 che lo ha lasciato 20° assoluto, a 1"1 da Jack Miller, il pilota più veloce del venerdì sulla pista di Teruel, proprio davanti all'altra Aprilia di Espargaró.

"All'inizio ero nervoso, ma poi mi è passato con i giri", ha detto Viñales. "Sto cercando di capire come andare forte su questa moto. Mi sto solo adattando, cercando di fare tutti i settori insieme".

"Sono migliorato molto dalla prima sessione alla seconda. Spero di fare un altro salto domani. La moto è molto diversa. Non abbiamo fatto nessun piano con Aleix, sto dietro solo per vedere quali linee segue, perché sono molto diverse da quelle che facevo prima".

Leggi anche:

Viñales non sta impostando alcun obiettivo immediato al momento ed è concentrato sul conoscere il suo nuovo prototipo.

"Per imparare come funziona la moto non bisogna porsi alcun obiettivo. Sto cercando di andare dove mi porta la moto, e probabilmente è per questo che mi sono lasciato andare. Freno troppo presto, ma mi sto avvicinando. La cosa più difficile è la frenata, perché in accelerazione sono felice, ho un buon controllo. Penso che ci arriveremo, e ho bisogno di più fiducia sull'anteriore", ha aggiunto.

Abituato a stare davanti con la Yamaha, Maverick non era sorpreso di aver finito così indietro in classifica questa volta.

"Non mi aspettavo di essere più vicino, perché devo imparare molte cose. In un test si può arrivare al limite velocemente. I tempi non erano male, soprattutto se riesco a fare bene i tempi parziali. La cosa più difficile è mettere insieme i quattro settori", ha ammesso.

Infine, Viñales ha confrontato il motore V4 Aprilia con i motori in linea di Suzuki e Yamaha che ha utilizzato in passato.

"La Suzuki e la Yamaha sono moto molto simili, ma questa ha una filosofia diversa", ha detto.

 
condividi
commenti
Bagnaia: “È tutto perfetto sulla moto, cambiamento incredibile”

Articolo precedente

Bagnaia: “È tutto perfetto sulla moto, cambiamento incredibile”

Articolo successivo

Quartararo: “Rallentato dal traffico e da...un’ape!”

Quartararo: “Rallentato dal traffico e da...un’ape!”
Carica i commenti