Valentino scherza: "C'è una Yamaha sola che va... No, Maverick è stato più bravo"

condividi
commenti
Valentino scherza:
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
17 nov 2018, 17:16

Il "Dottore" ha provato a fare una battuta anche dopo le deludenti qualifiche di Valencia, chiuse al 16esimo posto mentre il compagno Vinales invece è in pole position. Se domani pioverà però spera in una rimonta.

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Marc Marquez, Repsol Honda Team
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, dopo la caduta
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

La prima fila è sfumata per un soffio, ma Danilo Petrucci è comunque soddisfatto del quarto tempo centrato nelle qualifiche del GP della Comunità Valenciana di MotoGP. Per prima cosa, perché finalmente è tornato nelle posizioni che contano dopo un periodo piuttosto in ombra. Ma anche perché domani dovrà giocarsi il titolo Indipendent con Johann Zarco, che invece scatterà solamente dall'11esima posizione.

"Peccato perché mi è mancato un decimino per la prima fila. Non sono stato troppo veloce nel primo settore, poi ho spinto al massimo, ma ormai era tardi. Ho rischiato molto, però era importante stare lì. Non avevamo mai girato sull'asciutto e temevo che potesse venire fuori qualsiasi cosa, invece ho visto che sono veloce in entrambe le condizioni. Se devo scegliere una condizione comunque scelgo l'acqua pesante, com'era nella FP2. Però già il fatto che non dobbiamo essere preoccupati di come saranno le condizioni domani, è già una bella cosa" ha detto a caldo "Petrux".

Sull'obiettivo di domani, il pilota della Ducati Pramac non si nasconde: vuole a tutti i costi il titolo Indipendente ed è anche disposto a rischiare per portarselo a casa. Cosa che in realtà ha già iniziato a fare oggi per dare l'assalto alle prime file della griglia.  

Leggi anche:

"Sto dando veramente il massimo: sia stamattina che oggi pomeriggio sono andato a rischiare più di quello che faccio di solito, perché me la voglio giocare fino all'ultimo. E la cosa importante è che domani sono pronto a stare lì davanti in qualsiasi condizione. Poi la gara è sempre un'altra cosa, ma sono fiducioso. Nell'ultima gara, in Malesia, Zarco è salito sul podio e mi ha sorpassato, quindi non ho più niente da perdere. Se c'è qualcosa da rischiare, ci proveremo domani. Mi aspettavo la prima fila, ma sono comunque contento di essere tornato lì davanti".

Purtroppo sono sempre tantissimi. Marquez è caduto, ma credo che sia uno dei favoriti, così come Dovi e anche le due Suzuki, che ora vanno molto forte. Sull'asciutto non abbiamo girato molto, quindi non abbiamo dei veri dati da guardare anche degli altri. Però sono abbastanza soddisfatto di essere lì e di potermela giocare.

Le temperature sono un po' più basse e soprattutto sul bagnato riesco a migliorare giro per giro. Nelle ultime gare, la tendenza è stata di andare sempre di più sul morbido e le temperature per me si alzavano sempre moltissimo, quindi non sono riuscito a fare delle belle gare. Sono contento che qua siamo ritornati davanti, perché sembrava che avessi perso il mio spunto, ma è bastato abbassare un po' la temperatura.

In qualifica mancava qualcosina già al terzo giro, quindi non azzarderei la morbida. Non abbiamo dati, perché abbiamo solo tre giri, perché il calo era già importante. Ci sarà da pensare quindi se la gara sarà asciutta. 

 
Articolo successivo
Dovizioso: "Senza la sbavatura nel mio giro buono avrei centrato tranquillamente la pole"

Articolo precedente

Dovizioso: "Senza la sbavatura nel mio giro buono avrei centrato tranquillamente la pole"

Articolo successivo

Rins: "Quando sono tornato ai box dopo la caduta, non capivo neanche dove fossi"

Rins: "Quando sono tornato ai box dopo la caduta, non capivo neanche dove fossi"
Carica i commenti