MotoGP
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
14 mag
-
17 mag
Evento concluso
28 mag
-
31 mag
Evento in corso . . .
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
6 giorni
18 giu
-
21 giu
Canceled
25 giu
-
28 giu
Canceled
09 lug
-
12 lug
Canceled
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
69 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
76 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
90 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
104 giorni
G
GP di Aragon
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
119 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
126 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
139 giorni
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
147 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
153 giorni
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
168 giorni
20 nov
-
22 nov
Prossimo evento tra
175 giorni
G
GP di Valencia
27 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
182 giorni

Valentino: "Mi piace l'ottimismo di Maverick, ma i problemi bisognerebbe risolverli prima di parlare"

condividi
commenti
Valentino: "Mi piace l'ottimismo di Maverick, ma i problemi bisognerebbe risolverli prima di parlare"
Di:
29 nov 2018, 18:26

Lo spagnolo oggi ha detto di aver visto una Yamaha sulla strada giusta per risolvere i suoi problemi e il "Dottore" gli ha replicato con una battuta. Nonostante l'11esimo tempo, ha visto dei progressi anche lui, ma anche dell'altro lavoro in vista per raggiungere Honda e Ducati.

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

L'11esimo posto non è certamente un risultato eclatante, ma Valentino Rossi è sembrato decisamente più rilassato rispetto a ieri quando si è presentato alle interviste di rito alla fine della seconda giornata dei test collettivi di MotoGP a Jerez de la Frontera.

Ieri aveva mandato un messaggio chiaro alla Yamaha, sottolineando che la M1 ha avuto un miglioramento, ma che se l'obiettivo vuole essere la vittoria questo non basta, perché Honda e Ducati rimangono un passo avanti. Concetti che sostanzialmente ha ribadito anche oggi, pur dicendosi soddisfatto del lavoro fatto, avendo visto uno step anche a livello di passo, seppur soprattutto nel lato del box occupato dal compagno Maverick Vinales.    

Leggi anche:

"Oggi sembra un po' meglio, sia per me che per Maverick, che è andato molto forte, anche come passo. Questa è una cosa importante. Rispetto a ieri però anche io sono riuscito a fare dei bei giri e sono stato abbastanza veloce. Abbiamo lavorato e scelto un po' di cose, quindi finiamo con una giornata piuttosto positiva, anche se penso che la strada sia ancora un po' lunga da percorrere. Speriamo che la Yamaha lavori ancora e ci porti qualcos'altro, perché mi sembra che i nostri avversari sono molto veloci e vanno un pochino più forte di noi" ha detto il "Dottore" a fine giornata.

Il pesarese poi ha confermato che la scelta di motore sembra essere ricaduta su quello con più freno motore tra quelli a disposizione, che è anche il preferito di Valentino: "Di quelli che avevamo qui è sicuramente il migliore, ma diciamo che dobbiamo migliorare ancora in accelerazione, perché continuiamo a non essere velocissimi".

Poi si è concesso anche una battuta sul compagno di squadra, che oggi ha detto che secondo lui la Yamaha è vicina a risolvere i suoi problemi: "Mi piace moltissimo l'ottimismo di Maverick, ma secondo me bisognerebbe aspettare di averli risolti i problemi prima di dirlo. Lui però oggi ha avuto un buon passo, è stato uno dei migliori, e questo è positivo per il funzionamento della moto".

Quando poi gli è stato chiesto con che umore arriva alla pausa invernale, ha aggiunto: "Dopo oggi, non male. Sono riuscito a guidare bene e il passo non era malvagio, ma ci sono ancora un po' di cose da fare, perché mi sembra che gli altri vadano ancora un pochino più veloce, soprattutto in accelerazione".          

Leggi anche:

Anche se le cose vanno un po' meglio, la richiesta di un sforzo extra alla Yamaha rimane, perché è convinto che senza un rafforzamento della struttura non è possibile lottare alla pari con Honda e Ducati, che numericamente sono cresciute molto recentemente.

"Negli ultimi tempi, soprattutto nell'ultimo anno e mezzo, la situazione tecnica in MotoGP è cambiata molto. La Ducati è stata la prima che ha fatto uno step, come quantità di gente e di ingegneri che lavorano. Si sono avvicinati un po' più alla Formula 1, pur rimanendo ancora molto lontani. La Honda l'ha seguita e io parlavo di questo. Adesso per vincere in MotoGP, bisogna fare uno sforzo di questo tipo. Bisogna vedere se succederà anche con la Yamaha".

Informazioni aggiuntive di Carlos Guil Iglesias

 
Articolo successivo
Test MotoGP Jerez, Giorno 2: la Honda suona la carica con Nakagami e anche Lorenzo è quarto!

Articolo precedente

Test MotoGP Jerez, Giorno 2: la Honda suona la carica con Nakagami e anche Lorenzo è quarto!

Articolo successivo

Dovizioso è sicuro: "Nel 2019 Ducati si giocherà il Mondiale. Abbiamo un'ottima base"

Dovizioso è sicuro: "Nel 2019 Ducati si giocherà il Mondiale. Abbiamo un'ottima base"
Carica i commenti