Un nuovo acquazzone ritarda anche la MotoGp

Un nuovo acquazzone ritarda anche la MotoGp

Ora i piloti potranno fare due giri per prendere confidenza con le condizioni della pista prima del via

La stessa situazione già vista prima del via della Moto2 si è rivista quando sarebbe stato il momento della MotoGp. La pioggia ha iniziato a cadere copiosa sul tracciato di Assen proprio quando i piloti stavano andando a schierare le loro moto in griglia e quindi la Race Direction ha optato per ritardare la partenza e dare ai piloti l'opportunità di valutare le condizioni della pista.

La pitlane ora riaprirà alle 14:05 e si va incontro ad una "wet race", nella quel è ipotizzabile che quasi tutti partano con le gomme rain in attesa del momento giusto per il cambio moto (l'altra dotata delle slick) permesso dalla regola del "flag to flag".

Nel frattempo, a fare le spese di questo arrivo repentino della pioggia è stato Stefan Bradl, che ha danneggiato una delle sue Honda RC213V scivolando alla chicane finale: la pioggia era troppo forte per le gomme slick che calzava mentre si stava recando sulla griglia di partenza.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie