Test MotoGP Qatar, Giorno 3: Bradl in vetta alle 17

Il collaudatore della Honda continua a soprendere in questi test in Qatar ed ha realizzato il miglior tempo assoluto della tre giorni, saltando davanti a Vinales proprio prima dello scadere della terza ora. Bene anche Morbidelli terzo e Bagnaia settimo, mentre Rossi è solo 16esimo. Si conferma competitiva anche l'Aprilia.

Test MotoGP Qatar, Giorno 3: Bradl in vetta alle 17

E' iniziata da tre ore l'ultima delle prime tre giornate dei test collettivi di MotoGP in Qatar, che continuano a mettere in evidenza un protagonista inatteso: proprio allo scoccare delle ore 17 locali (le 15 in Italia), Stefan Bradl è andato a piazzare in cima alla lista dei tempi.

Il collaudatore tedesco, che se necessario sostituirà Marc Marquez anche nelle prime gare del campionato, ha spinto la sua RC213V fino ad un tempo di 1'54"658, battendo di 29 millesimi il miglior riferimento di ieri dell'Aprilia di Aleix Espargaro, che però anche oggi si sta confermando nel pacchetto dei migliori, occupando la sesta posizione con poco più di otto decimi di ritardo.

Bradl è saltato davanti a Maverick Vinales, che fino a quel momento era stato il più veloce con la Yamaha. Lo spagnolo è il solo oltre al #6 ad essere sceso per ora sotto all'1'55" oggi con il suo 1'54"845. Ma con i suoi 24 giri è stato uno di quelli che fin qui hanno girato di più.

Le Yamaha erano partite piuttosto forte in generale, perché fino a pochi minuti prima dello scadere della terza ora componevano addirittura una tripletta, poi Franco Morbidelli, accreditato di un 1'55"126, è arretrato in terza piazza e Fabio Quartararo in quinta in 1'55"312. Tra le du M1 si è infilata anche la KTM di un ottimo Miguel Oliveira, quarto in 1'55"274.

Detto del sesto tempo di Aleix Espargaro, in settima ed ottava posizione troviamo le due Ducati ufficiali con nell'ordine Pecco Bagnaia e Jack Miller. L'italiano ha già ripetuto la prestazione che era riuscito a mettere a referto ieri, mentre l'australiano per ora è più lento.

Buono il passo avanti mostrato da Pol Espargaro, che con il suo 1'55"664 ha piazzato la sua Honda in nona posizione, ma soprattutto ha già tolto due decimi al tempo di ieri. Hanno nuovamente iniziato a girare abbastanza tardi le due Suzuki, che oggi dovrebbero provare un nuovo telaio, ma Alex Rins si è subito insediato in decima posizione, mentre Joan Mir per ora è 14esimo.

Bisogna scorrere la classifica fino alla 16esima piazza per trovare Valentino Rossi, al secondo giorno di lavoro con la Yamaha Petronas. Il "Dottore" ha messo insieme una decina di giri, ma è piuttosto distante dai migliore, tallonato da un Danilo Petrucci che invece si è già migliorato di quattro decimi rispetto a ieri, dimostrando che il feeling con la KTM è in crescita, visto che si trova anche davanti alle altre due RC16 di Brad Binder ed Iker Lecuona.

Per quanto riguarda i rookie, il miglior al momento è Jorge Martin, 20esimo in 1'56"608, anche se forse spagnolo è incappato in una scivolata nell'ultimo settore, perché il live timing lo indica fermo in quel tratto (stessa cosa per Alex Marquez). Enea Bastianini e Luca Marini comunque non sono troppo distanti, staccati di circa un paio di decimi.

I tempi alle ore 17 locali (le 15 in Italia)

Pos Pilota Moto Tempo Giri
1 Stefan Bradl Honda 1'54”658 10
2 Maverick Vinales Yamaha 1'54”845 24
3 Franco Morbidelli Yamaha 1'55”126 15
4 Miguel Oliveira KTM 1'55”274 4
5 Fabio Quartararo Yamaha 1'55”312 7
6 Aleix Espargaro Aprilia 1'55”533 14
7 Pecco Bagnaia Ducati 1'55”560 16
8 Jack Miller Ducati 1'55”610 14
9 Pol Espargaro Honda 1'55”664 16
10 Alex Rins Suzuki 1'55”690 5
11 Johann Zarco Ducati 1'55”796 25
12 Takaaki Nakagami Honda 1'56”007 17
13 Alex Marquez Honda 1'56”014 6
14 Joan Mir Suzuki 1'56”071 18
15 Yamaha Test 2 Yamaha 1'56”135 15
16 Valentino Rossi Yamaha 1'56”293 10
17 Danilo Petrucci KTM 1'56”394 23
18 Brad Binder KTM 1'56”465 17
19 Iker Lecuona KTM 1'56”524 12
20 Jorge Martin Ducati 1'56”608 3
21 Enea Bastianini Ducati 1'56”790 13
22 Luca Marini Ducati 1'56”899 12
23 Lorenzo Savadori Aprilia 1'57”125 12
24 Dani Pedrosa KTM 1'57”369 23
25 Sylvain Guintoli Suzuki 1'57”379 9
26 Michele Pirro Ducati 1'57”895 20
27 Yamaha Test 1 Yamaha 1'58”482 12
28 Takuya Tsuda Suzuki 1'58”910 25
29 Yamaha Test 3 Yamaha senza tempo 0
condividi
commenti
Tecnica Aprilia: nei segreti della RS-GP 2021
Articolo precedente

Tecnica Aprilia: nei segreti della RS-GP 2021

Articolo successivo

Savadori: "Aprilia migliorata, mi devo avvicinare ad Aleix"

Savadori: "Aprilia migliorata, mi devo avvicinare ad Aleix"
Carica i commenti