Test MotoGP Barcellona: alle 13 comanda Mir, assente Aleix

Il pilota della Suzuki è stato fin qui il più veloce in una giornata caratterizzata da tempi alti. Manca Aleix Espargaro, recatosi ad un consulto per il braccio operato. Al suo posto c'è Baiocco. Petrucci prova il nuovo telaio KTM, mentre Marquez ha una Honda "laboratorio" nel suo box.

Test MotoGP Barcellona: alle 13 comanda Mir, assente Aleix

Archiviato non senza polemiche il Gran Premio di Catalogna, i team di MotoGP sono rimasti a Barcellona per una giornata di test collettivi. Alla conclusione della terza ora, quindi alle ore 13, davanti a tutti c'è la Suzuki del campione del mondo in carica Joan Mir, ma i tempi sono ancora piuttosto alti rispetto a quelli che avviamo visto nel corso del weekend.

Basta pensare che il maiorchino è stato fin qui l'unico capace di infrangere la barriera dell'1'40" con un crono di 1'39"816. Alle sue spalle, staccato di 206 millesimi, troviamo Franco Morbidelli, che ancora una volta conferma che la sua vecchia Yamaha 2019 non ha problemi quando si tratta di lottare con il cronometro. Il problema semmai sono gli avversari in carne ed ossa sul rettilineo quando si va in gara.

Terzo tempo per la Honda di Takaaki Nakagami, anche se per la Casa giapponese gli occhi sono puntati soprattutto sul box di Marc Marquez, perché oggi è apparsa una RC213V "laboratorio", che dovrebbe presentare delle nuove soluzioni da far provare all'otto volte iridato, che al momento occupa la settima piazza a poco meno di mezzo secondo.

In quarta e quinta posizione ci sono le due Yamaha di Fabio Quartararo e Maverick Vinales, con il francese che inquadrato dalle telecamere ha ironizzato sulla sua penalità di ieri, facendo il gesto di annodarsi la tuta prima di uscire dai box.

Sesta la migliore delle Ducati, che è quella di Jack Miller, ma per la Casa di Borgo Panigale bisogna segnalare soprattutto la caduta di Luca Marini, che ha portato anche all'esposizione di una breve bandiera rossa, necessaria solo per ripristinare la pista, perché il pilota di Tavullia fortunatamente è incolume.

Giornata importante anche per Danilo Petrucci, perché oggi la KTM gli ha messo a disposizione il telaio con cui Miguel Oliveira ha fatto faville al Mugello e vinto a Barcellona. Al momento però il portacolori del Team Tech3 rimane nelle posizioni di rincalzo, perché occupa la 19esima piazza. Poco più avanti invece Pecco Bagnaia e Valentino Rossi, che sono rispettivamente 13esimo e 15esimo, con fra di loro la Ducati di Enea Bastianini.

Purtroppo non potrà essere della partita Aleix Espargaro: il pilota dell'Aprilia si è svegliato con il braccio operato dolorante, dopo che nel corso del weekend gli si erano aperti anche i punti. Per questo si è recato alla clinica Dexeus per un consulto, che fortunamente ha dato esito positivo: non saranno necessari ulteriori interventi, ma solo riposo ed antibiotici per risolvere una volta per tutte il suo problema di sindrome compartimentale.

Un peccato per la Casa di Noale, che oggi aveva diverse novità da valutare: una frizione inedita e qualche aggiornamento di elettronica, oltre ad una nuova carena pensata già per il 2022. Il compito di valutarle toccherà quindi a Lorenzo Savadori ed al collaudatore Matteo Baiocco, convocato d'urgenza per prendere il posto di Aleix.

I tempi alle ore 13

Pos Pilota Moto Tempo Giri
1 Joan Mir Suzuki 1’39”816 32
2 Franco Morbidelli Yamaha 1’40”022 20
3 Takaaki Nakagami Honda 1’40”050 25
4 Fabio Quartararo Yamaha 1’40”177 33
5 Maverick Vinales Yamaha 1’40”321 29
6 Jack Miller Ducati 1’40”242 23
7 Marc Marquez Honda 1’40”317 31
8 Johann Zarco Ducati 1’40”369 41
9 Brad Binder KTM 1’40”418 25
10 Miguel Oliveira KTM 1’40”530 7
11 Alex Marquez Honda 1’40”540 23
12 Pol Espargaro Honda 1’40”667 24
13 Pecco Bagnaia Ducati 1’40”674 31
14 Enea Bastianini Ducati 1’40”923 17
15 Valentino Rossi Yamaha 1’41”031 22
16 KTM Test 2 KTM 1’41”053 7
17 Iker Lecuona KTM 1’41”205 31
18 KTM Test 1 KTM 1’41”223 9
19 Danilo Petrucci KTM 1’41”412 30
20 Luca Marini Ducati 1’41”570 11
21 Sylvain Guintoli Suzuki 1’41”684 35
22 Lorenzo Savadori Aprilia 1’42”206 27
23 Matteo Baiocco Aprilia 1’49”761 7
condividi
commenti
La sanzione a Quartararo è più preoccupante del fatto in sé
Articolo precedente

La sanzione a Quartararo è più preoccupante del fatto in sé

Articolo successivo

Quartararo: “Per la tuta aperta meritavo la bandiera nera”

Quartararo: “Per la tuta aperta meritavo la bandiera nera”
Carica i commenti