Tech3 prende tempo fino alla pausa estiva per decidere sul 2022

Le prestazioni di Danilo Petrucci e Iker Lecuona sono attentamente esaminate all'inizio del campionato, ma non mancano i contendenti per le KTM che sono state affidate a Tech 3. Tuttavia, Hervé Poncharal vuole evitare di prendere decisioni affrettate.

Tech3 prende tempo fino alla pausa estiva per decidere sul 2022

Sia i due piloti che compongono il team ufficiale KTM, Danilo Petrucci e Iker Lecuona, sia i due portacolori Tech 3 hanno un contratto per la stagione 2021 con un’opzione per rinnovare nel 2022. Questa situazione significa che devono dimostrare di meritare il rinnovo molto presto, perché il mercato è già in fibrillazione in vista del prossimo anno. Non è una prova facile in un contesto dove le prestazioni complessive delle KTM si sono indebolite rispetto a una grande stagione 2020, segnata dalle prime tre vittorie del gruppo, due delle quali sono state ottenute da Tech3.

Per capire l'attuale line-up del team francese, è necessario ricordare che è il risultato di due situazioni impreviste, le partenze dalla squadra ufficiale di Johann Zarco nel 2019 e di Pol Espargaró nel 2020. Il posto vacante lasciato dal francese aveva infatti portato al passaggio di Brad Binder da Tech3 al team ufficiale, lasciando di fatto un posto vuoto nella squadra francese in una fase avanzata dell'anno. Hervé Poncharal aveva messo gli occhi su Iker Lecuona, che aveva appena firmato per il team Ajo in Moto2, ottenendo la promozione dello spagnolo all'interno dell'organizzazione Red Bull KTM. Pochi mesi dopo la decisione di Pol Espargaró di unirsi alla Honda, ha spinto il costruttore a reclutare un nuovo pilota esperto, in questo caso Danilo Petrucci, e a collocarlo in Tech 3 per riformare l'accoppiata Binder-Oliveira nella sua squadra principale.

Petrucci, uno degli pochissimi due piloti a cambiare costruttore durante l’inverno, ha logicamente subìto le conseguenze della drastica riduzione dei test invernali, mettendo in atto una corsa contro il tempo per disimparare la Ducati e adattarsi alla KTM. Un adattamento che, per il momento, si sta rivelando complicato. “Danilo deve abituarsi, perché ha quasi sempre guidato una Ducati. La moto ha sempre avuto piloti di piccola statura, ma lui è piuttosto alto e forte. Ci sono un sacco di nuovi parametri per lui da digerire”, Hervé Poncharal ha detto Motorsport.com, piuttosto deluso da ciò che è stato in grado di raggiungere durante il test post-gara a Jerez, una rara giornata di lavoro che gli ha permesso di staccare dal ritmo frenetico dei Gran Premi. “Speravamo di fare un grande passo avanti – ammette – ma non abbiamo trovato nulla, né lui a livello di sensazioni né noi a livello di impostazioni che potesse dargli quel tipo di sensazioni e farlo sentire più a suo agio”.

Danilo Petrucci, KTM Tech3

Il calo significativo delle prestazioni complessive della RC16 all'inizio del campionato non aiuta ad illuminare il quadro, mentre le forze in gioco sono cambiate significativamente e la gomma preferita di KTM è stata ritirata dall'assegnazione, costringendo un adattamento. “Quando si guarda indietro alla seconda metà della stagione 2020 e si guarda alle prime quattro gare del 2021, per Tech3 la realtà è difficile – ammette il boss francese. E la classifica serrata può anche rivelarsi ingiusta dato il numero di posti che una perdita di soli tre decimi costa – Danilo si sente sempre meglio, ma oggi, data la situazione molto stretta, non è abbastanza. Ma non è solo Danilo: l'anno scorso c'era una KTM sul podio in quasi tutte le gare; qui, non l'abbiamo ancora fatto e la migliore posizione è la quinta a Portimão. Quindi dobbiamo continuare a lavorare. Non è facile, perché non abbiamo molto tempo, ma è lo stesso per tutti”.

Non esagerare sotto pressione

I piloti che non hanno ancora un posto garantito nel 2022 hanno davvero poco tempo. Il ritmo imposto dai contratti brevi è duro, pressato dalle aspettative degli investitori e dal fiorire di giovani piloti che bussano alla porta per provare a vincere queste macchine che hanno dimostrato la loro capacità di vincere gare tra l'elite. Tuttavia, Hervé Poncharal non vuole affrettare una decisione quando sono state corse solo quattro gare, su tre piste diverse. “Tutti stanno reagendo in modo eccessivo al presente, questo è ovvio – sottolinea, desideroso di allentare la pressione – La mia posizione è quella di cercare di prendere tempo. Il mio ruolo è anche quello di far capire alla gente che non si può giudicare su tre gare. Ho sempre detto che un pilota veloce è anche un pilota felice, che si sente sostenuto”.

Danilo Petrucci è certamente uno dei piloti per i quali gli alti e bassi del morale sono chiaramente visibili ed è proprio nel desiderio di ripristinare la sua autostima che Hervé Poncharal sta cercando di metterlo a suo agio: “L’anno scorso ho visto che non aveva fiducia. Mi ha detto che era felice che lavorassimo insieme, che voleva trovare una famiglia, sentirsi voluto, sostenuto, e il nostro obiettivo nel team Tech 3 è quello di dargli questa sensazione. Ma ovviamente anche i risultati sono importanti, e vedere risultati piatti è forse un po' deprimente per lui. Quindi cerchiamo costantemente di infondere un po' di positività”.

“È obbligatorio che ci sia pressione e che il mercato si apre relativamente presto, perché sappiamo quanto sia importante il pilota nel nostro sport, è preponderante – sottolinea – Non ci sono molti piloti in grado di essere davvero leader, quindi sono ovviamente al centro del mercato e devi posizionarti relativamente presto, altrimenti andranno altrove”.

Nonostante questo, Hervé Poncharal vuole aspettare fino al prossimo mese per valutare l'adattamento di Danilo Petrucci: “Penso che le cose saranno molto più chiare intorno a Barcellona, Assen”. Si sta dando lo stesso tempo per il suo secondo pilota, Iker Lecuona. Lo spagnolo è arrivato una stagione prima sulla KTM, ma aveva un altro svantaggio, quello di avere molta meno esperienza complessiva e di scoprire completamente la classe regina con questo reclutamento tardivo.

“Non appena è arrivato, le cose sono andate bene, tutti erano felici e lui stava facendo buoni progressi –ricorda il francese. Tuttavia, dopo la fine della stagione, ha avuto un inizio di campionato più difficile di quanto avessero pensato a causa del COVID-19 – Ma è anche più difficile per Binder e Oliveira. Ci sono parametri che fanno sì che, per il momento, la famiglia KTM abbia un po' meno successo rispetto alla fine del 2020”.

Iker Lecuona, KTM Tech3

Tuttavia, la pura performance non è l'unico criterio di giudizio: “Non sono solo i risultati. È un modo di lavorare, un atteggiamento. Bisogna guardare se l'impatto tecnico funziona, se hanno il desiderio, se c'è una progressione.  Il pilota ha la volontà, il desiderio? Ha lo spirito costruttivo? È tecnicamente abbastanza intelligente? Si sta evolvendo?” Nel caso di Lecuona, quindi, è davvero un'evoluzione più chiara che ci si aspetta rispetto ai segnali positivi del 2020, e anche qui il round di Assen alla fine di giugno è visto come la scadenza per il pilota per dimostrare che è all'altezza del compito.

"È la MotoGP, ci sono una ventina di piloti sulla griglia, quindi ogni posto rappresenta qualcosa e bisogna meritarselo", aggiunge Hervé Poncharal. Fedele alla forma, il francese sta mettendo il suo timbro sulla valutazione dei suoi piloti, e in particolare sul loro ritmo, ma non sarà l'unico decisore: “È una decisione collettiva, con Red Bull, KTM e Tech3 coinvolti”. Tra i contendenti stanno già emergendo scelte logiche, quelle a disposizione dell'organizzazione Red Bull KTM, che è presente a tutti i livelli delle categorie minori. “Questi sono quelli che hanno più senso, perché sono il frutto dell'investimento di Red Bull e KTM e questo è ciò che riguarda questo canale. Nel contesto attuale, tutti parlano di Fernández e Acosta, un po' meno di Remy, ma ora ha il profilo per poter eventualmente passare alla MotoGP”, osserva Poncharal, che ha già avuto la gara australiana in Moto2. Gardner è attualmente il leader del campionato ed è solo pochi punti davanti al suo compagno di squadra Raúl Fernández, un rookie nella classe che ha già vinto quest'anno. Per quanto riguarda Pedro Acosta, il cui debutto in Moto3 è stato sorprendente, è già oggetto di speculazioni su un possibile passaggio alla MotoGP.

condividi
commenti
MotoGP, Le Mans, Libere 3: Marquez ok sull'umido, Bagnaia in Q1

Articolo precedente

MotoGP, Le Mans, Libere 3: Marquez ok sull'umido, Bagnaia in Q1

Articolo successivo

LIVE MotoGP, Gran Premio di Francia: Libere 4 e Qualifiche

LIVE MotoGP, Gran Premio di Francia: Libere 4 e Qualifiche
Carica i commenti