Team Petronas sul 2022: "Ci piacerebbe molto rimanere con Yamaha”

In concorrenza con VR46, Petronas mantiene Yamaha come opzione numero uno per il proseguimento del suo impegno in MotoGP.

Team Petronas sul 2022: "Ci piacerebbe molto rimanere con Yamaha”

La strana stagione della MotoGP di quest'anno ha la particolarità di non riguardare solo il rapporto tra piloti e squadre, ma anche di definire come sarà l'intera classe a partire dal 2022. L'inclusione del team VR46 ha fornito un importante chiarimento alla lista delle squadre e il numero di moto che comporrà la griglia, anche se Suzuki e Aprilia avrebbero teoricamente ancora una carta da giocare per inserire ulteriori moto, tramite un team satellite.

L'altro grande punto che rimane da definire riguarda le unioni tra le squadre coinvolte e i sei costruttori che compongono il campionato e che hanno tutti esteso i loro contratti con Dorna per il prossimo ciclo di cinque anni. Diverse strutture sono attualmente alla ricerca di un accordo. Questo è in particolare il caso di VR46, che attualmente pesa su questo mercato al punto di poter generare un effetto domino per le altre squadre. Valentino Rossi ha confermato nei giorni scorsi che la scelta sarà tra Yamaha e Ducati, e si dice che la squadra sia vicina alla casa italiana, ma ha anche ricevuto un'offerta allettante da Iwata.

Il team Petronas, legato a Yamaha dal 2019, non ha ancora potuto ufficializzare il marchio con cui continuerà il suo programma MotoGP, anche se le discussioni sono già in corso da tempo. Assicurato di mantenere due posti in griglia fino al 2026, il team malese deve ora fare i prossimi due passi altrettanto essenziali; in primo luogo per convalidare il sostegno finanziario di Petronas, che è previsto a breve, e in secondo luogo per sigillare un accordo con un produttore per la fornitura di moto.

Oggi SRT mantiene la rotta e dichiara la sua volontà di estendere il suo accordo con Yamaha, che è la sua opzione numero uno, ma senza avere il pieno controllo. "Ci piacerebbe molto rimanere con la Yamaha, ma non dipende solo da noi. VR46 è anche interessato a Yamaha per il futuro. Non dipende solo da noi", ha detto il team manager Wilco Zeelenberg a Motorsport.com.

“La Yamaha chiaramente non vuole avere tre squadre perché non potrebbe gestirle nel modo in cui vuole, quindi dovremo vedere. La situazione è la stessa di una settimana o due fa, ci sono due squadre interessate a queste moto e dobbiamo aspettare e vedere. La situazione è immutata".

Dal suo arrivo nella classe regina nel 2019, il team malese ha subito costruito un record invidiabile, con 12 pole position, 16 podi e già sei vittorie raccolte, ma anche un quinto e poi un secondo posto nel campionato piloti. Sembra improbabile che l'avventura finisca lì.

"Quando abbiamo iniziato, la nostra missione era fare almeno otto anni, iniziando con il completamento dei primi tre anni che abbiamo rilevato da Aspar. Quei tre anni sono ora finiti e Dorna ha confermato due posti per noi per altri cinque anni. La squadra deve ancora annunciare formalmente i suoi piani e lo faremo quando sarà il momento", ha detto Wilco Zeelenberg.

"Dobbiamo prendere delle decisioni: [scegliere] quale costruttore, e tutte queste grandi cose devono essere decise, ma non è ancora fatta. Ma per altri cinque anni, non posso immaginare che non sia stato fatto. Penso che abbiamo ottenuto risultati troppo buoni per fermarci nel 2022, devo ammettere".

"Al momento la Dorna ha confermato i posti per noi, quindi abbiamo il [punto di partenza] per altri cinque anni, con due piloti, e poi bisogna avere i soldi, bisogna avere il produttore. E non è solo Petronas, sono tutti gli sponsor perché ci sono molti soldi in ballo, quindi ci vuole tempo".

condividi
commenti
Rins: “Per il campionato è dura, ho fatto tre cadute stupide!”
Articolo precedente

Rins: “Per il campionato è dura, ho fatto tre cadute stupide!”

Articolo successivo

Report MotoGP: Ducati a tre punte per battere Quartararo

Report MotoGP: Ducati a tre punte per battere Quartararo
Carica i commenti