Taramasso: "Michelin pronta ad adattarsi ad ogni condizione"

In occasione dell'annuncio di Federica Pellegrini come brand ambassador, il responsabile Michelin in MotoGP ha fatto il punto della situazione a due mesi dalla ripartenza prevista a Jerez.

Taramasso: "Michelin pronta ad adattarsi ad ogni condizione"

L'annuncio di Federica Pellegrini come nuovo brand ambassador della Michelin, è stata anche l'occasione per Piero Taramasso, responsabile dell'azienda francese in MotoGP, per fare il punto della situazione a due mesi dalla data prevista per la ripartenza, dopo che la pandemia del COVID-19 ha bloccato tutto all'inizio di marzo.

Una stagione 2020 che potrebbe essere tutta quanta sul suolo europeo per facilitare gli spostamenti. Cosa che potrebbe dare una bella mano anche alla Michelin dal punto di vista della logistica, visto che le gare saranno anche tutte quante molto ravvicinate.

"Noi vogliamo ripartire e siamo d'accordo con il calendario della MotoGP proposto da Dorna. Sembra ci si possa spostare soltanto in Europa e sarà dunque anche più facile a livello logistico: sarebbe già una buona cosa per salvare la stagione" ha detto Taramasso.

"Non sarà di certo facile gestire un calendario ristretto, con GP ravvicinati che chiederanno un grosso sforzo, sia dal punto di vista logistico, sia per la produzione delle gomme. Lavoriamo in stretta collaborazione con Dorna e FIM per prevedere tutta la
produzione delle gomme" ha aggiunto.

Chiaramente, andando su determinati circuiti in un periodo dell'anno diverso da quello previsto inizialmente, bisognerà fare delle valutazioni differenti a livello di mescole. Ma la Michelin è pronta anche da questo punto di vista.

Leggi anche:

"Durante questi mesi di lockdown abbiamo continuato ad analizzare i dati, con più calma, siamo andati nel dettaglio, cosa che non possiamo fare in condizioni normali tra gare e test. Stiamo preparando la ripartenza. Utilizziamo anche dei software per fare delle valutazioni. Ogni gara poi è una cosa a sé, bisogna preparare le mescole in base alle temperature e alle caratteristiche dell’asfalto che dovremo affrontare".

Con la ripartenza prevista per il 19 luglio a Jerez, per la prima gara dell'anno è lecito attendersi temperature infernali. Per questo a Taramasso è stato chiesto se potrebbe essere presa in considerazione la carcassa posteriore da alte temperature che viene utilizzata in Austria ed in Thailandia.

"Useremo mescole più dure per compensare le elevate temperature, ma non ci sarà bisogno di fare ricorso alla carcassa di Austria e Thailandia" ha risposto.

Con i valori del contagio da COVID-19 che non si sono ancora azzerati in Europa, bisognerà necessariamente ripartire a porte chiuse. Un prezzo importante da pagare, ma necessario per evitare uno stop troppo prolungato.

"La MotoGP appassiona milioni di persone, ma per noi è anche un laboratorio di ricerca per le nuove tecnologie oltre ad una competizione. In MotoGP riuscimo a sviluppare dei livelli di grip estremi, che poi possiamo sfruttare su tutta la nostra gamma di prodotto. Per questo per noi è importante ripartire, anche se senza pubblico sarà diverso".

Per la stagione 2020 è stata introdotta una nuova costruzione posteriore e per il 2021 era previsto l'arrivo di una nuova gomma anteriore, il cui debutto in gara però dovrà essere inevitabilmente rimandato, non avendo modo di fare test per validarla quest'anno, come aveva già anticipato anche in un'intervista concessa a Motorsport.com.

"Stiamo lavorando ad una nuova gomma anteriore, pensata per offrire una maggior stabilità in frenata e nella fase di ingresso curva. Avremmo voluto introdurla nel 2021, ma purtroppo la pandemia ne ritarderà il debutto e dovremo rimandarlo al 2022".

Michelin tyre
Michelin tyre
1/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Piero Taramasso, Manager Two-Wheel Michelin Motorsport
Piero Taramasso, Manager Two-Wheel Michelin Motorsport
2/20

Foto di: Michelin Sport

Michelin tyres
Michelin tyres
3/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Gomme Michelin
Gomme Michelin
4/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Camion Michelin
Camion Michelin
5/20
Piero Taramasso, Manager Two-Wheel Michelin Motorsport
Piero Taramasso, Manager Two-Wheel Michelin Motorsport
6/20

Foto di: Michelin Sport

Pneumatici Michelin
Pneumatici Michelin
7/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Un dipendente Michelin al lavoro
Un dipendente Michelin al lavoro
8/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michelin logo
Michelin logo
9/20

Foto di: Michelin Sport

Michelin Technical Team
Michelin Technical Team
10/20

Foto di: Michelin Sport

Un dipendente Michelin al lavoro
Un dipendente Michelin al lavoro
11/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Piero Taramasso, Michelin
Piero Taramasso, Michelin
12/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pneumatici Michelin
Pneumatici Michelin
13/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Camion Michelin
Camion Michelin
14/20
Pneumatici Michelin
Pneumatici Michelin
15/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pneumatici Michelin
Pneumatici Michelin
16/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Piero Taramasso, Michelin
Piero Taramasso, Michelin
17/20

Foto di: Michelin Sport

Tecnico pneumatici Michelin
Tecnico pneumatici Michelin
18/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pneumatici Michelin
Pneumatici Michelin
19/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pneumatici Michelin
Pneumatici Michelin
20/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Pirro: "Wild card? Honda magari vuol farla pagare a Lorenzo"
Articolo precedente

Pirro: "Wild card? Honda magari vuol farla pagare a Lorenzo"

Articolo successivo

MotoGP: Viñales torna in moto dopo due mesi dalla caduta

MotoGP: Viñales torna in moto dopo due mesi dalla caduta
Carica i commenti