Suzuki in top 10 a Jerez, Rins: “Sono orgoglioso della mia gara”

Joan Mir e lo stoico Alex Rins concludono il Gran Premio di Andalusia in top 10. Un ottimo risultato per la Suzuki, che punta a migliorare ancora a Brno, dove troverà un Rins recuperato dall’infortunio della scorsa settimana che ha complicato la gara di oggi.

Suzuki in top 10 a Jerez, Rins: “Sono orgoglioso della mia gara”

Dopo un deludente avvio di stagione con doppio ritiro, Suzuki si riscatta nel Gran Premio di Andalusia, seconda prova del mondiale MotoGP. Joan Mir e Alex Rins sono arrivati al traguardo in una gara complicata, portando a casa risultati e dati preziosi che serviranno per proseguire il lavoro di sviluppo e di progresso in vista dei prossimi appuntamenti.

Salta all’occhio il quinto posto di Joan Mir, ma ciò che stupisce è la decima posizione di Alex Rins, ancora convalescente dopo l’infortunio rimediato durante le qualifiche del Gran Premio di Spagna della settimana scorsa. Lo spagnolo #42 non era sicuro di riuscire a portare a termine la gara perché accusava forti dolori al braccio infortunato. Nonostante ciò, ha stretto i denti ed è riuscito a passare sotto la bandiera a scacchi chiudendo uno dei weekend più complicati della sua carriera.

“È stata una gara durissima – afferma Rins alla fine del Gran Premio di Andalusia – quando sono uscito dai box ho pensato che non a rei corso. Ho fatto una partenza incredibile, non so nemmeno io come, ma giro dopo giro mi faceva sempre più male. Volevo rientrare ai box, ma poi ho pensato a tutte le persone che mi sostengono e questo mi ha dato la forza di arrivare alla fine. Sono arrivato decimo e sono molto orgoglioso, per me questo risultato ha un grande valore perché penso che sia stata la gara più sofferta della mia vita e mi ha sorpreso la mia capacità di resistere”.

Rins potrà riposare un po’ prima di tornare in pista, la MotoGP infatti ripartirà a Brno fra due settimane, che il pilota sfrutterà per recuperare e per sottoporsi a nuovi esami di controllo: “Prima di tornare a casa andrò a Barcellona e farò una radiografia alla spalla. Se le cose non cambiano, non farò alcuna operazione. La frattura è piccola e composta, quindi lasceremo che si fissi da sola”.

Suzuki può vantare entrambe le moto in top 10, grazie anche all’ottimo quinto posto di Joan Mir: “Ci meritavamo di essere dove siamo, è stata una gara molto dura, abbiamo sofferto molto. La gara è stata più rapida e ci ha penalizzato un po’ non avere i dati della settimana scorsa. Davanti soffrivamo molto e diventava complicato sorpassare. Credo che il podio fosse stato vicino se avessimo sistemato questo problema”.

“Sono contento della quinta posizione – prosegue il maiorchino della Suzuki – so che ci sono state due rotture davanti a noi, ma il risultato va bene, anche perché abbiamo sofferto molto il caldo qui a Jerez. Quando arrivavo a mezzo secondo da Nakagami, era impossibile controllare l’anteriore, il grip era talmente basso che non si riusciva a fare nulla, la pressione delle gomme era altissima e quando mi avvicinavo a Nakagami si raffreddava l’anteriore. Così ho deciso di chiudere la gara senza rischiare”.

Guarda la MotoGP live su DAZN. Sempre a 9,99€ al mese

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
1/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
2/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
3/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Davide Brivio
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Davide Brivio
4/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
5/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, dopo l'infortunio
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, dopo l'infortunio
6/20

Foto di: Suzuki

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, dopo l'infortunio
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, dopo l'infortunio
7/20

Foto di: Suzuki

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
8/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
9/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
10/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
11/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
12/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
13/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
14/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
15/20

Foto di: MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
16/20

Foto di: MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
17/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
18/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
19/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
20/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Dovizioso: "26 punti? Non male, ma speravo di averne di più"

Articolo precedente

Dovizioso: "26 punti? Non male, ma speravo di averne di più"

Articolo successivo

Oliveira smentisce Binder: “L’incidente non è andato come dice”

Oliveira smentisce Binder: “L’incidente non è andato come dice”
Carica i commenti