MotoGP | Suzuki esclude un ritorno di Brivio nel 2022

Davide Brivio, Racing Director del team Alpine in Formula 1, non tornerà in MotoGP con Suzuki il prossimo anno, nonostante le recenti speculazioni sul suo futuro.

MotoGP | Suzuki esclude un ritorno di Brivio nel 2022

Davide Brivio ha catturato le attenzioni del team Alpine e all’inizio di quest’anno si è spostato in Formula 1 dopo una grande carriera di successo in MotoGP, in cu vanta anche il titolo mondiale conquistato da Suzuki nel 2020. Nelle ultime settimane però hanno iniziato a sorgere delle voci che lo vedevano rientrante in MotoGP,  vista la riorganizzazione del management del team Alpine.

La destinazione più ovvia sarebbe la Suzuki, che sta ancora cercando una figura che possa sostituire Brivio nel ruolo di team manager. Nella conferenza stampa di fine stagione a Valencia però, il leader del progetto Suzuki Shinichi Sahara ha spiegato di essere vicino a finalizzare una nuova struttura, ma almeno nel breve termine non è nei piani il ritorno di Brivio.

“Sto provando a creare una nuova struttura per il prossimo anno, di invitare un nuovo team manager da fuori – ha dichiarato Sahara – al momento siamo nelle ultime fasi di questa cosa, quindi non posso dire ancora nulla. Davide è comunque un mio buon amico, a volte parliamo al telefono, anche durante i weekend di gara. Gli auguro di avere un periodo di successo in Formula 1 e spero di lavorare di nuovo con lui in futuro. Ma non sarà l’anno prossimo”.

Laurent Rossi, CEO, Alpine F1, durante la conferenza stampa dei team principal

Laurent Rossi, CEO, Alpine F1, durante la conferenza stampa dei team principal

Photo by: FIA Pool

Il CEO Alpine, Laurent Rossi, aveva di recente rivelato che Alpine sta cercando di apportare alcune modifiche al management durante questo inverno con l’obiettivo di spingere il team di Formula 1 a fare un passo in avanti. L’idea è quella di essere in grado di vincere regolarmente le gare entro la fine del prossimo ciclo di regolamento, e Rossi sente di avere bisogno di alcune modifiche. Attualmente la squadra ha una struttura con tre capi chiave - Rossi, il direttore esecutivo Marcin Budkowski e Brivio.

Parlando con Motorsport.com dei piani, Rossi ha affermato: “Penso che il team sia passato dalla nona alla quinta posizione piuttosto bene negli ultimi anni, prima di stazionarci su quel livello. Ma ora, per passare al prossimo livello e diventare il migliore dei top team invece di essere i migliori degli altri, c’è bisogno di un’altra evoluzione. Quindi, ciò che voglio fare è mantenere l’indirizzo della scorsa stagione, per questo voglio mantenere la quinta posizione. non voglio regredire. Abbiamo imparato molto quest’anno, quindi è sempre un plus. Lo applicheremo al prossimo anno, ma poi avremo bisogno di farci I muscoli per crescere e passare dalla quinta alla prima posizione, gara dopo gara, stagione dopo stagione nei prossimi anni”.

Parlare di un rimpasto ha alimentato recenti speculazioni, che vedono il capo del team Aston Martin Otmar Szafnauer passare in a ricoprire una posizione senior nel team il prossimo anno. Sia Aston Martin sia Alpine hanno rifiutato di commentare le voci e lo stesso Szafnauer ha negato questa prospettiva. “Dal momento in cui le voci sono state diffuse su alcuni siti web, creando una spirale di disinformazione, ho preso la decisione proattivamente di confermare con la presente che si tratta pura speculazione dei media e non di notizie basate sui fatti”, ha scritto Szafnauer su Instagram.

condividi
commenti
Puig: "Marquez deve avere pazienza, ma il dottore è ottimista"
Articolo precedente

Puig: "Marquez deve avere pazienza, ma il dottore è ottimista"

Articolo successivo

MotoGP | Yamaha conferma Crutchlow tester anche nel 2022

MotoGP | Yamaha conferma Crutchlow tester anche nel 2022
Carica i commenti