Stoner: "Per Dovizioso sarà quasi impossibile rientrare in gioco per il Mondiale"

condividi
commenti
Stoner:
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
11 lug 2018, 08:18

Il due volte iridato ieri è stato ospite della Nolan ed ha detto la sua sul momento che sta vivendo la MotoGP, rimandando all'anno prossimo i sogni di gloria della Ducati ed indicando in Marquez il migliore del lotto.

Casey Stoner, Ducati Team
Casey Stoner, Ducati Team, Michele Pirro, Ducati Team
Casey Stoner, Ducati Team
Casey Stoner, Ducati Team
Casey Stoner, Ducati Team
Casey Stoner, Ducati Team

Anche se ormai ha smesso di correre da diversi anni, il rapporto tra Casey Stoner e la Nolan è sempre rimasto molto saldo. Non è un caso, dunque, che ieri il pilota australiano sia stato ospite dell'azienda italiana, che ha presentato una versione Replica Stoner del suo casco X-803 U.C.

Inevitabilmente, al due volte iridato è stata chiesta la sua visione del momento che sta vivendo la MotoGP e, come sempre, Casey non si è tirato indietro, dando i suoi giudizi senza peli sulla lingua.

Per esempio, pur essendo lui parte della famiglia Ducati con il suo ruolo di collaudatore, è stato molto schietto nel dire che secondo lui la Casa di Borgo Panigale dovrà rimandare i suoi sogni di gloria alla prossima stagione, visto che ormai Andrea Dovizioso paga oltre 60 punti su Marc Marquez e Jorge Lorenzo è addirittura più indietro.

"Credo che per Andrea Dovizioso sarà quasi impossibile rientrare in gioco. Ha fatto un paio di errori e poi è stato sfortunato a Jerez. Senza questo, i risultati sarebbero stati di gran lunga migliori. Tuttavia, ha ancora il potenziale per vincere alcune gare e avvicinarsi alla seconda o alla terza posizione" ha detto Stoner alla Gazzetta dello Sport.

Così come è stato molto chiaro anche riguardo all'attuale secondo posto in classifica di Valentino Rossi: "Penso che la sua posizione in classifica e quella di Vinales siano superiori al reale potenziale della Yamaha, infatti non hanno ancora vinto".

E non ha avuto dubbi neppure ad incoronare Marquez come il migliore del lotto: "La stagione è ancora lunga, possono succedere tante cose. Speriamo che i piloti Ducati possano colmare il divario, anche se Marquez sta guidando più forte che mai, è chiaramente il migliore".

Infine, ha parlato anche delle condizioni della spalla operata lo scorso febbraio in seguito al bruttissimo incidente della 8 Ore di Suzuka. Il recupero purtroppo si sta rivelando molto più lungo del previsto, infatti sarà molto difficile rivederlo in sella alla Desmosedici GP prima della fine della stagione.

"Mi aspettavo di recuperare in quattro mesi, ma i medici hanno detto che devo ancora aspettare prima di riprendere gli allenamenti. Il movimento sta tornando lentamente, ma devo essere paziente ed aspettare. Credo che potrei tornare in pista tra novembre e dicembre".

Prossimo articolo MotoGP
Vinales: "Al Sachsenring voglio il podio. Abbiamo risolto i problemi che avevamo a inizio gara"

Previous article

Vinales: "Al Sachsenring voglio il podio. Abbiamo risolto i problemi che avevamo a inizio gara"

Next article

Marquez: "Al Sachsenring di solito siamo forti, ma il meteo potrebbe stravolgere tutto"

Marquez: "Al Sachsenring di solito siamo forti, ma il meteo potrebbe stravolgere tutto"