Sepang, Day 3: Stoner e le Honda imprendibili per tutti

Sepang, Day 3: Stoner e le Honda imprendibili per tutti

Casey ancora il record della pista, precedendo le altre tre RC212V ufficiali. Rossi becca 1"8

Non cambia praticamente nulla nelle ultime tre ore della terza ed ultima giornata dei test collettivi di Sepang, con le quattro Honda ufficiali (le tre HRC più quella di Marco Simoncelli) a fare da assolute padrone e gli altri costretti a guardare a distanza i codoni delle RC212V. Questa mattina Shuei Nakamoto ha ammesso la presenza di un segreto nella trasmissione delle nuove moto della Casa giapponese, ma ora la concorrenza è veramente autorizzata a preoccuparsi perchè le Honda sembrano volare in tutte le condizioni, soprattutto quando vanno alla ricerca del tempo, ma anche nei long run. I tempi ottenuti in mattinata da Casey Stoner e Dani Pedrosa ne sono senza alcun dubbio una riprova. L'australiano ha fatto segnare nuovamente il nuovo record ufficioso del tracciato (e ci è riuscito al secondo giro di giornata!), abbattendo la barriera dei due minuti e fermando il cronometro su un tempo di 1'59"665: quasi un secondo più basso rispetto al record ufficiale fatto da Valentino Rossi nel 2009! Lo spagnolo però non è stato tanto da meno, visto che si è fermato su un crono più alto di appena 138 millesimi, trovando anche lui la sua miglior performance nei primi minuti della mattina. Il poker Honda è poi completato dal tandem italiano Marco Simoncelli-Andrea Dovizioso, con il portacolori del team Gresini che non è riuscito per un soffio a sfondare anche lui il muro dei 2'. E gli altri? Per trovare la prima moto non griffata Honda bisogna scorrere la classifica fino al quinto posto, dove si è arrampicata la Yamaha di Ben Spies. Peccato solo che il distacco dell'americano sia addirittura di un secondo, anche se va detto che sia lui che il compagno Jorge Lorenzo si sono concentrati più sulle simulazioni di gara che sulla ricerca del tempo. Il campione del mondo ha chiuso con la settima prestazione a fine giornata, dovendosi accodare anche alla M1 "satellite" di Colin Edwards. E' dalla seconda metà della scorsa stagione che lo spagnolo continua a chiedere più potenza per la sua moto ed ora forse è il caso che la Yamaha esaudisca i suoi desideri perchè il gap con le Honda sembra di quelli importanti. Seguono poi la Suzuki di Hector Barbera e l'altra Honda di Hiroshi Aoyama, entrambi nella top ten nonostante siano stati entrambi protagonisti di cadute nella giornata di oggi, fortunatamente senza subire conseguenze di tipo fisico. Continuano invece la difficoltà in casa Ducati: la prima Desmosedici GP11 è quella di Hector Barbera, che si è fermata ai margini della top ten. Dopo l'attacco febbrile di ieri, Valentino Rossi è tornato in pista, ma i suoi risultati sono stati tutt'altro che incoraggianti. E' vero che il campione di Tavullia è riuscito ad abbassare la sua prestazione di martedì, ma il distacco da Stoner è quantificabile in circa 1"8, quindi è veramente abissale, specie se si pensa che ormai rimangono solo due giorni di test prima dell'inizio del campionato... MOTO GP, Sepang, 24/03/2011 Terza giornata di test collettivi 1. Casey Stoner - Honda - 1'59"665 2. Dani Pedrosa - Honda - 1'59"803 3. Marco Simoncelli - Honda - 2'00"163 4. Andrea Dovizioso - Honda - 2'00"541 5. Ben Spies - Yamaha - 2'00"678 6. Colin Edwards - Yamaha - 2'00"966 7. Jorge Lorenzo - Yamaha - 2'01"003 8. Alvaro Bautista - Suzuki - 2'01"194 9. Hiroshi Aoyama - Honda - 2'01"328 10. Hector Barbera - Ducati - 2'01"346 11. Valentino Rossi - Ducati - 2'01"469 12. Nicky Hayden - Ducati - 2'01"469 13. Loris Capirossi - Ducati - 2'01"493 14. Cal Crutchlow - Yamaha - 2'02"034 15. Randy De Puniet - Ducati - 2'02"155 16. Toni Elias - Honda - 2'02"410 17. Karel Abraham - Ducati - 2'02"506

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Casey Stoner
Articolo di tipo Ultime notizie