Schwantz: "Per Rossi è dura non poter lottare per il podio”

Kevin Schwantz dice che la delicata situazione che Valentino Rossi sta attraversando gli ricorda quella che lui attraversò nel 1995, quando decise di ritirarsi dopo non aver trovato il modo di tornare competitivo.

Schwantz: "Per Rossi è dura non poter lottare per il podio”

L'ex campione del mondo con la Suzuki nel 1993 ha 25 vittorie, 51 podi e 29 pole position a suo nome, tutti nella classe dei pesi massimi.

Schwantz, che ha sempre avuto un legame speciale con Il Dottore, ha parlato al podcast 'Tank Slappers' di Motorsport Network per discutere dell'attuale Campionato del Mondo MotoGP, che a causa della pandemia viene seguito a distanza dagli Stati Uniti.

Uno degli aspetti che il texano ha approfondito maggiormente è stata la sua analisi della forma di Rossi al momento. Con soli quattro punti dopo le prime quattro tappe del calendario, l'italiano è partito con il peggior inizio della sua storia e, almeno per il momento, non sembra trovare un modo per uscire dal buco in cui si trova.

In qualche modo Schwantz capisce la frustrazione del pilota Petronas Yamaha perché, dice, si è trovato in una situazione simile nel 1995, che alla fine ha portato alla sua decisione di appendere il casco prima del quarto Gran Premio dell'anno.

"Per un pilota non divertirsi sulla moto è una delle cose più difficili che ci siano. La situazione di Rossi mi ricorda quello che ho passato nelle prime gare del 1995. Stavo finendo molto indietro, sia nelle qualifiche che nelle gare, e non potevo lottare per il podio o per la vittoria come ero stato", ha detto l'americano.

"Come pilota, è molto difficile da affrontare. Le corse sono divertenti perché tutti amiamo vincere. Ma quando questa opzione non c'è, le corse smettono di essere divertenti", aggiunge 'Little Bird', come è soprannominata la #34.

Era chiaro dalle dichiarazioni del pilota di Tavullia all'inizio della stagione che stava aspettando che il campionato si stabilizzasse in Europa per vedere se poteva recuperare un po' di slancio. Tuttavia, un incidente in Portogallo mentre lottava per i punti e un 17° posto finale a Jerez suggeriscono che le lotte del pilota #46 non sono solo nelle tracce che non domina. Per l'ex uomo della Suzuki, questa è l'indicazione più chiara della gravità della questione.

"Forse lui [Rossi] ha pensato che essere di nuovo in Europa, più a Jerez che in Portogallo, guidando su piste che già conosceva e su cui aveva vinto, lo avrebbe aiutato un po'. Ma è chiaro che sta soffrendo", ha detto Schwantz.

condividi
commenti
Honda: troppe cadute nelle prime quattro gare
Articolo precedente

Honda: troppe cadute nelle prime quattro gare

Articolo successivo

Bagnaia e Miller riportano Ducati ai numeri dell'era Stoner

Bagnaia e Miller riportano Ducati ai numeri dell'era Stoner
Carica i commenti