Schwantz: "Mir sente la pressione, ha bisogno di vincere"

Kevin Schwantz ha detto che Joan Mir può sentire la pressione del titolo MotoGP vinto nella passata stagione, perché aveva sentito un peso simile quando anche lui ha vinto nel 1993.

Schwantz: "Mir sente la pressione, ha bisogno di vincere"

Lo scorso anno, il maiorchino ha portato alla Casa di Hamamatsu il primo titolo nella classe regina negli ultimi 20 anni, visto che quello precedente era stato conquistato da Kenny Roberts Jr nel 2000.

L'impresa di Mir è stata considerata inaspettata, perché il giovane pilota spagnolo, alla sua seconda stagione in MotoGP, non era mai stato inserito nell'elenco dei favoriti all'inizio della stagione.

Tuttavia, la mancanza di un chiaro dominatore e l'instabilità del campionato hanno aperto la porta al #36, che ha visto premiata la sua grande costanza, soprattutto dopo il primo terzo del campionato.

L'anno scorso, dopo le prime quattro gare, Mir aveva accumulato appena 11 punti nel Mondiale e si ritrovava solo 14esimo nel Mondiale, 48 punti alle spalle dell'allora leader Fabio Quartararo.

Ora invece il pilota della Suzuki è quarto con 49 punti, solo 17 alle spalle di Pecco Bagnaia, che comanda la classifica. Tuttavia, anche se i suoi numeri sono indiscutibilmente migliori e questo aumenta le sue possibilità di lottare per il Mondiale, la sensazioni di Kevin Schwantz è che a Mir manchi un buon risultato per togliersi la pressione del titolo.

Leggi anche:

"Sicuramente questo non è l'inizio che Joan sperava. Ma se si guarda a come è andata la scorsa stagione, possiamo vedere che non ha realmente brillato fino a metà", ha detto l'ex iridato al podcast "Tank Slappers" di Motorsport Network.

"Da metà stagione in poi, sia lui che Alex (Rins) hanno iniziato a stringere e la situazione è cambiata. Forse Joan è un altro di quei piloti che stanno sentendo la pressione. Sappiamo tutti il peso che può avere un titolo mondiale sulla schiena", ha proseguito l'americano, che ha anche ammesso che pure su di lui ha avuto un suo peso psicologico la conquista del titolo nel 1993.

"E' stato molto difficile per me e sono sicuro che la pressione stia influenzando anche Mir. Penserà ai problemi che ha in qualifica, anche se sa che può recuperare posizioni alla domenica", ha detto, essendo poi molto chiaro quando gli è stato domandato cosa deve fare il campione in carica per dimostrare ai suoi rivali di essere in grado di lottare per il Mondiale".

"Quello che deve fare è superare quella barriera di due o tre posizioni da recuperare alla domenica e vincere una gara, o almeno lottare per vincerla", ha concluso.

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
1/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
2/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
3/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
8/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
9/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
10/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
11/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
12/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
13/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
14/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
15/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
16/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
17/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
18/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
19/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
20/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Dovizioso, rebus Aprilia: "Wild card? Non era nei piani"
Articolo precedente

Dovizioso, rebus Aprilia: "Wild card? Non era nei piani"

Articolo successivo

Lorenzo: “Rossi diede l’ultimatum a Yamaha, disse o me o lui”

Lorenzo: “Rossi diede l’ultimatum a Yamaha, disse o me o lui”
Carica i commenti