Santi Hernandez: “Bradl sarebbe il sostituto ideale di Marquez”

Santi Hernandez è arrivato in MotoGP nel 1996 e dal 2011 è l'ingegnere di pista di Marc Marquez, con il quale ha vinto sette mondiali. Parte fondamentale del successo del pilota di Cervera, il tecnico è stato ospite del podcast spagnolo 'Por Orejas' di Motorsport.com.

Santi Hernandez: “Bradl sarebbe il sostituto ideale di Marquez”

Santi Hernández ha trascorso più di metà della sua vita nel paddock della MotoGP, ma da quando ha iniziato a lavorare al fianco di Marc Márquez nel 2011, il legame e la complicità tra i due e la possibilità di creare una squadra scolpita intorno alla personalità e alle esigenze del pilota, hanno creato un vero e proprio 'Dream Team'.

In questi dieci anni di lavoro, Marc è riuscito a vincere sei campionati di MotoGP con il suo attuale staff, oltre al titolo della Moto2 (ha vinto la 125cc nel 2010 con un altro team), prima con il suo tecnico ora capo. Tuttavia, il 2020 è stata di gran lunga la stagione più difficile per una squadra che non ha potuto contare sul suo punto di riferimento, infortunato.

"È stato un anno molto difficile, molto duro. All'inizio era complicato, pensavamo che Marc sarebbe potuto tornare in meno tempo ed è per questo che non ci si prepara psicologicamente a un'assenza così lunga. Pensavamo che avrebbe perso due o tre gare, dove avremmo lavorato con Stefan Bradl come team di prova. Ma con il passare delle settimane le informazioni che arrivavano ci hanno fatto capire che ci sarebbe voluto più tempo del previsto, perché bisognava cambiare il chip", ha spiegato Santi Hernández, ospite del podcast spagnolo 'Por Orejas', una conversazione che si è svolta il 22 dicembre.

"Il riadattamento costa molto, perché siamo passati dalla lotta per vincere o per salire sul podio ogni fine settimana, con l'obiettivo di lottare per il Campionato del Mondo, a porci un obiettivo molto diverso", ha detto il tecnico di Santa Coloma de Gramenet (Barcellona).

Senza preavviso, il ‘team di Márquez’ ha perso il suo punto di riferimento e si è trovato a lavorare per il collaudatore dell'HRC, che è rimasto sorpreso dalla situazione tanto quanto lo staff di Marc: "Neanche per Stefan è stato facile. Stiamo parlando di un pilota che è stato chiamato a lavorare come collaudatore e che, all'improvviso, è diventato un pilota titolare che, inoltre, deve effettuare tutti i test che aveva programmato. In questo caso, abbiamo cercato di aiutare Bradl il più possibile per far uscire la sua versione migliore. L'obiettivo era quello di farlo entrare nella top ten nelle ultime gare e ci siamo riusciti. Nell'ultimo appuntamento, in cui ha chiuso settimo, si è qualificato direttamente per il QP2. Stefan ha preso ritmo e velocità, e la squadra è anche in parte responsabile di questo", ha detto Hernández.

Santi Hernandez, Repsol Honda Team

Santi Hernandez, Repsol Honda Team

Dopo aver lavorato con Bradl per la maggior parte della stagione, l'ingegnere mette in evidenza alcune delle qualità del tedesco: "La verità è che ci ha sorpreso tutti, in modo positivo. Si è adattato molto bene alla squadra. Mi ha sorpreso la sua onestà. A causa delle circostanze e del suo ruolo di collaudatore, a volte sarebbe stato facile dire che i problemi erano legati alla moto", dice.

"Ma in questo senso è stato molto onesto, e ci sono state molte volte in cui mi ha ringraziato molto per aver cercato di aiutarlo con la moto, ma ha detto che il problema era lui. Era appena tornato da un test e mi stava dicendo che il problema era con lui, non con la moto, e che aveva bisogno di un po' di spazio per tornare in pista. Questa onestà è molto apprezzata. Ha dimostrato di essere un grande collaudatore e di aver gestito una situazione per niente facile", ha detto.

Ciò che ha sorpreso Santi Hernandez è che i piloti che nelle ultime stagioni avevano sfidato Marc Márquez per il titolo non hanno saputo approfittare dell'assenza del catalano: "Beh, sono rimasto sorpreso, non ho capito niente. Chi ha dovuto sbattere i pugni il tavolo e mettersi in condizioni di leader non l'ha fatto. Nessuno l'ha fatto. Ciò che sorprende è che persone come Viñales, Quartararo o Dovizioso sono stati in un altro mondo. È come se i levrieri si fossero fatti portare via la lepre e avessero smesso di correre. Forse all'inizio della stagione si preparavano a battere il campione, che è improvvisamente e inaspettatamente scomparso, si sono trovati spiazzati e non hanno saputo cosa fare. Quartararo ha vinto le prime due gare a Jerez e poi è scomparso. Sono rimasto abbastanza sorpreso".

Uno di loro, Andrea Dovizioso, ha annunciato che si sarebbe preso un anno di pausa dopo non aver ricevuto un'offerta di rinnovo da parte della Ducati. Sembrava possibile la firma con Honda, per essere pronti nel caso in cui Márquez dovesse saltare le prime gare del 2021.

"Non mi sembra normale che la Honda firmi con Dovizioso per sostituire Marc – ha detto il capotecnico del catalano – Tra l'altro, se durante l'anno avete valutato la possibilità di incorporarlo come collaudatore e alla fine lo avete escluso perché, tra l'altro, Stefan ha fatto un ottimo lavoro, non capirei se si firmasse con quel pilota per tre gare. Sarebbe molto più sensato che quel sostituto fosse Bradl, perché è lui che ha il miglior feeling con la moto, è lui che ha capito le cose che succedono nelle gare e che possono essere capite solo in un Gran Premio, perché ha la velocità e perché è il collaudatore che sta testando le cose per migliorare la moto. Chi meglio di lui per sostituire Marc?”.

Stefan Bradl, Repsol Honda Team

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
1/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
2/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
3/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
4/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
5/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
6/7

Foto di: Matteo Nugnes

Stefan Bradl, Repsol Honda Team

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
7/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Martin: "Zarco tra i più forti in MotoGP, voglio imparare da lui"

Articolo precedente

Martin: "Zarco tra i più forti in MotoGP, voglio imparare da lui"

Articolo successivo

Marquez torna ad allenarsi, ma ha ancora il tutore

Marquez torna ad allenarsi, ma ha ancora il tutore
Carica i commenti