MotoGP
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
24 giorni
14 mag
-
17 mag
Prossimo evento tra
38 giorni
G
GP d'Italia
28 mag
-
31 mag
Prossimo evento tra
52 giorni
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
59 giorni
G
GP di Germania
18 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
73 giorni
G
GP d'Olanda
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
80 giorni
G
GP di Finlandia
09 lug
-
12 lug
Prossimo evento tra
94 giorni
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
122 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
129 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
143 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
157 giorni
G
GP di Aragon
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
172 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
179 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
192 giorni
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
200 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
206 giorni
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
221 giorni
20 nov
-
22 nov
Prossimo evento tra
228 giorni
G
GP di Valencia
27 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
235 giorni

Rossi: "Quando ho aperto l'Academy non avrei mai pensato che un mio pilota avrebbe potuto battermi!"

condividi
commenti
Rossi: "Quando ho aperto l'Academy non avrei mai pensato che un mio pilota avrebbe potuto battermi!"
Di:
11 feb 2019, 09:58

Il 9 volte iridato della Yamaha si è detto sorpreso dei grandi risultati che sta producendo la sua Academy per giovani piloti, ma anche di essere preoccupato da Bagnaia e Morbidelli, che potrebbero batterlo già nel 2019.

E' indubbio che l'idea di aprire la VR46 Riders Academy sia stata brillante da parte di Valentino Rossi. Questa, in pochi anni, ha fruttato ben 2 campioni del mondo: Franco Morbidelli nel 2017 in Moto2 e Francesco Bagnaia l'anno successivo, sempre nella categoria di mezzo del Motomondiale.

Al momento della creazione di questa accademia la possibilità di essere battuto in pista da uno dei suoi "prodotti" non era certo nei pensieri del 9 volte iridato, invece da quest'anno sarà una possibilità piuttosto concreta.

Sia Franco Morbidelli che Francesco Bagnaia correranno in MotoGP ed entrambi potranno disporre di materiale competitivo per fare ottime cose. Il romano è al secondo anno nella classe regina del Motomondiale, ma al primo con il nuovo team Petronas SRT Yamaha. Il piemontese, invece, è uno dei rookie - piloti al primo anno - più attesi. In più potrà disporre di una Ducati Desmosedici GP 2018 (che però avrà qualche aggiornamento 2019) con cui potrà dire la sua in qualche gara.

Dopo aver concluso i test di Sepang, Valentino ha dato un giudizio sull'ottimo risultato ottenuto da Bagnaia proprio nell'ultimo giorno di prove a Kuala Lumpur. "Mi sembra davvero impressionate. Sul giro secco è stato fantastico. Spero però che il suo ritmo sia un po' più lento".

"E' sempre stato un pilota veloce e, guardando il test, ha siglato un 1'58"3. Considerando il fatto che ha poca esperienza, è stato impressionante. Penso che dovremo stare attenti, tenerlo d'occhio. Credo proprio che ci renderà la vita difficile", ha affermato Valentino parlando di Bagnaia.

Il pesarese ha anche parlato di Morbidelli, che da quest'anno correrà con la sua stessa moto: "Credo che sarà complicato, perché il mio ritmo e quello di Franco è stato molto simile. Sarà veloce anche Bagnaia... dovrò lavorare di più, perché sarà molto difficile stare davanti a loro".

"Quando abbiamo iniziato il progetto dell'Academy non avrei mai pensato che sarebbero arrivati a fare quello che hanno fatto, ma nemmeno che sarebbero arrivati a combattere con me!", ha detto ridendo Valentino.

"Da un lato sono preoccupato, molto preoccupato. Ma d'altra parte siamo molto felici perché dimostra che con l'Academy stiamo facendo un buon lavoro. E' così che vanno le cose, aiutiamo i piloti che ora hanno anche l'opportunità di battermi, ma noi non possiamo arrenderci".

Articolo successivo
Mir: "Io e la Suzuki abbiamo già capito cosa mi serve per essere veloce"

Articolo precedente

Mir: "Io e la Suzuki abbiamo già capito cosa mi serve per essere veloce"

Articolo successivo

Analisi test MotoGP Sepang: la Ducati è un aereo, Rins un martello

Analisi test MotoGP Sepang: la Ducati è un aereo, Rins un martello
Carica i commenti