Rossi: "La caduta? Colpa mia. Ho toccato la leva del freno"

Il Dottore si prende la colpa della caduta alla Curva 4 che lo ha messo fuori dai giochi nel GP dell'Emilia Romagna.

Rossi: "La caduta? Colpa mia. Ho toccato la leva del freno"

Valentino Rossi si era ripresentato al Marco Simoncelli di Misano Adriatico, sede del Gran Premio dell'Emilia Romagna di MotoGP, con la chiara intenzione di riscattare il mancato arrivo sul podio nel primo dei due appuntamenti del Motomondiale sulla pista romagnola, invece si è trovato a terra dopo pochi chilometri di gara.

Dopo poche tornare, giunti alla Curva 4, Valentino ha perso l'anteriore della sua Yamaha M1 numero 46, finendo nella via di fuga. La sua gara, di fatto, è terminata in quel momento. Il "Dottore" ha provato a riprendere la via della pista per provare alcune cose in vista delle prossime gare, ma poi è tornato ai box prima dell'esposizione della bandiera a scacchi.

"Siamo arrivato alla staccata di Curva 4 che ero in mezzo al gruppo, avevo una moto a destra e una a sinistra, siamo arrivati tutti forte", ha spiegato al termine della gara. "Si è chiusa davanti e devo aver fatto un errore. Sembra che abbia pizzicato la leva del freno anteriore quando ho mosso la mano, sono che ero già molto piegato e sono caduto. Ho fatto un errore, non credo proprio però sia stata colpa della gomma".

"La settimana scorsa ho fatto fatica con la gomma media e in questo weekend abbiamo lavorato con la dura. oggi la giornata era incerta, ha piovuto ma abbiamo corso con la dura. Non credo però sia stato un errore perché Quartararo ha fatto la nostra stessa scelta, ma ha fatto una bella gara. Penso che sia stato un mio errore".

Valentino ha poi spiegato la scelta di continuare la corsa dopo la caduta alla Curva 4: "Dopo la caduta ho provato a continuare, perché in questo weekend abbiamo fatto qualche modifica e volevo valutare il mio passo. Purtroppo in gara non avevo molto grip e la gomma posteriore scivolava un po'. Non avevo un gran passo, ma forse era dovuto anche alla caduta. A quel punto difficile trovare la motivazione. Abbiamo perso punti importanti".

Il weekend del GP dell'Emilia Romagna non è stato complicato solo per Valentino, ma anche per quasi tutti i ragazzi della VR46. Solo i secondi posti ottenuti da Vietti Ramus e da Bezzecchi in Moto3 e Moto2 hanno salvato parzialmente un bilancio altrimenti molto negativo.

"Per quanto riguarda l'Academy è stata una giornata brutta. Sono caduto io, poi Franco e Pecco. Un brutto colpo per lui perché faceva paura. Avrebbe potuto portare a casa la sua prima vittoria. Peccato. Una caduta strana, ma queste sono le gare. La scorsa settimana abbiamo dominato, stavolta è andata peggio. Per fortuna che i secondi posti di Vietti e Bezzecchi hanno risollevato il nostro fine settimana".

In un Mondiale così incerto, in cui nessuno sembra voler prendere l'iniziativa e tentare la fuga, Valentino ha 26 punti di ritardo dalla vetta e le speranze di poter rientrare nei giochi per la vittoria finale. Ma, per farlo, servirà cambiare marcia dalle prossime gare.

"Per quello che riguarda noi dobbiamo cercare di essere competitivi come la settimana scorsa, partire tra i primi 5 e lottare per il podio. Lo scorso fine settimana è stato un bel weekend. Questa settimana andavano tutti molto forte. Noi abbiamo avuto buoni run, in qualifica ho fatto un buon tempo. Ma dobbiamo trovare più grip e andare più forte. Il Mondiale è apertissimo ma dobbiamo trovare velocità".

"Sono contento perché nel prossimo fine settimana correremo a Barcellona, una pista che mi piace molto. Troveremo delle condizioni, un asfalto e un grip differenti. Speriamo di essere veloci. Lo scorso anno sono stato veloce e spero di esserlo anche quest'anno".

condividi
commenti
Quartararo stupito: "La penalità? Nessuno mi ha avvisato prima!"
Articolo precedente

Quartararo stupito: "La penalità? Nessuno mi ha avvisato prima!"

Articolo successivo

Bagnaia: “Sono caduto senza preavviso, stavo solo gestendo”

Bagnaia: “Sono caduto senza preavviso, stavo solo gestendo”
Carica i commenti