Rossi: il futuro è nel WEC con la Ferrari di Kessel?

Il "Dottore" continua a dire che aspetterà la pausa estiva per decidere se continuare in MotoGP o meno, ma in caso di ritiro, secondo la Gazzetta dello Sport, il futuro sarebbe già tracciato: Valentino vorrebbe impegnarsi nel WEC con una Ferrari 488 GTE gestita dal Kessel Racing.

Rossi: il futuro è nel WEC con la Ferrari di Kessel?

Il mondo della MotoGP continua a volersi tenere stretto Valentino Rossi, ma il "Dottore" cosa vuole fare? Qualche mese fa sarebbe stata una domanda da un milione di dollari, ma quando siamo arrivati quasi alla pausa estiva di un campionato fin qui deludente prende sempre più corpo l'ipotesi del ritiro.

Sia il diretto interessato che la Yamaha hanno sempre parlato dell'importanza dei risultati per proseguire insieme il legame anche nel 2022 e fino a qui le cose non sono andate per niente bene: dopo i primi sette GP, il pesarese è 19esimo nel Mondiale, con appena 15 punti raccolti e tanti bocconi amari da digerire.

Ieri si è detto ancora aggrappato alle ultime due gare prima della pausa, sperando forse in un improvviso step a livello prestazionale (nella FP1 di stamani però ha chiuso 20esimo). La strada però sembra segnata, al punto che non è parso troppo entusiasta neppure di fronte alla prospettiva di correre su una Ducati del suo team nella prossima stagione.

La settimana prossima sarà ufficializzata la partnership triennale con la Ducati e nei giorni scorsi Gigi Dall'Igna aveva aperto a questa possibilità in un'intervista concessa a GPOne.com: "Bisogna lasciargli fare ciò che vuole, per quello che rappresenta". Tuttavia, Rossi ha ribadito che al momento in cima alla lista dei candidati come compagno di squadra di suo fratello Luca Marini c'è Marco Bezzecchi, altro astro nascente della VR46 Academy, al momento impegnato in Moto2.

Leggi anche:

Ma se dovesse davvero smettere, cosa farà da grande Valentino? Difficilmente lo si vedrà in pista in tutti i weekend di gara, perché comunque dopo oltre 25 anni a vestire i panni del pilota, renderebbe il distacco ancora più duro da digerire. Questo però non vuol dire che la sua carriera sarà finita, perché potrebbero solo raddoppiare le ruote.

Da qualche anno ormai, non appena c'è la possibilità, si sta cimentando al volante di una Ferrari 488 GT3 del Kessel Racing. La prima apparizione era stata nel Blancpain a Monza, poi ha preso parte due volte alla 12 Ore del Golfo, dimostrando anche discrete capacità al volante di una vettura Gran Turismo, salendo anche sul podio ad Abu Dhabi.

Lui stesso non ha mai nascosto l'intenzione di muoversi in quella direzione una volta detto basta alla MotoGP ed ecco che per lui sarebbe già pronto un progetto interessante, stando a quanto ha rivelato stamattina la Gazzetta dello Sport. La stessa Kessel Racing potrebbe mettergli a disposizione una Ferrari 488 GTE per partecipare al FIA WEC.

Un programma che lo porterebbe a correre su tracciati storici come Monza e Spa-Francorchamps, ma soprattutto a coronare il sogno di disputare la 24 Ore di Le Mans, seppur nella classe GTE, quindi non potendo lottare per la classifica assoluta. Insomma, l'alternativa sarebbe già pronta, ma prima il "Dottore" dovrà prendere una decisione sulla MotoGP...

condividi
commenti
Petrucci: obiettivo Dakar se perde la KTM in MotoGP

Articolo precedente

Petrucci: obiettivo Dakar se perde la KTM in MotoGP

Articolo successivo

MotoGP, Germania, Libere 2: svetta Oliveira, Bagnaia ultimo

MotoGP, Germania, Libere 2: svetta Oliveira, Bagnaia ultimo
Carica i commenti