Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione
Prime
MotoGP Analisi

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Di:

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

Quello del Team VR46 di Valentino Rossi che diventerà una squadra satellite Ducati in MotoGP nel 2022 non è stato un annuncio inaspettato, dato che tutte gli indizi puntavano verso questo legame da qualche settimana.

Ciò che è inaspettato è il fatto che Valentino Rossi e Ducati stiano riallacciando il loro rapporto dopo che il passaggio del nove volte campione del mondo al marchio italiano nel 2011 si è rivelato un disastro totale: una partnership da sogno che si è trasformata in un incubo ed è crollata sotto il peso della mediocrità che caratterizzava la Desmosedici di quel periodo.

condividi
commenti

La nuova generazione della MotoGP è da record

La MotoGP ha ritrovato lo slancio pre-pandemia in questa stagione, con già nove record battuti nei 14 Gran Premi disputati fino ad oggi.

Yamaha: test con la M1 in vista per Razgatlioglu

Toprak Razgatlioglu ha rivelato che proverà la Yamaha M1 di MotoGP alla fine di quest'anno. E anche Andrea Dosoli, responsabile del progetto SBK della Casa di Iwata, sostiene l'idea.

WSBK
26 set 2021

Rins: "La Ducati è cinque passi avanti rispetto a noi"

Alex Rins crede che la Ducati sia "cinque passi avanti" rispetto alla sua Suzuki, dopo la recente doppia vittoria di Pecco Bagnaia ad Aragon e Misano.

MotoGP
26 set 2021

KTM: preso Esteban Garcia come tutor di Gardner e Fernandez

Esteban Garcia, ex capo tecnico di Maverick Vinales in Yamaha, è sbarcato in KTM, dove supervisionerà il debutto di Remy Gardner e Raul Fernandez in MotoGP.

MotoGP
24 set 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021

Espargaró e Marquez: “Soddisfatti della nuova moto per il 2022”

Pol Espargaró ha spiegato di essere riuscito a far segnare buoni tempi sul giro con il prototipo che Honda sta preparando per la prossima stagione. Gli fa eco Marc Marquez, soddisfatto del lavoro per il 2022.

MotoGP
23 set 2021

Quartararo: “Mi aspettavo più potenza sul nuovo motore”

Fabio Quartararo si aspettava un po’ più di potenza sul motore 2022 di Yamaha, ma spera che ci siano ulteriori progressi prima dell’inizio della prossima stagione. il test di Misano gli ha permesso di preparare l’ultima parte di quest’anno.

MotoGP
23 set 2021

Dovizioso: "L'obiettivo era allinearmi al gruppo e l'ho centrato"

Il forlivese ha chiuso i test di Misano con il 18esimo tempo di giornata, ma con la convinzione di aver fatto uno step ulteriore, allineandosi al ritmo del gruppo. Ora però è più che mai certo che ci vorrà tempo per adattarsi allo stile di guida richiesto dalla Yamaha.

MotoGP
22 set 2021
Morbidelli: "Vorrei realizzarmi come pilota, ma non avere la vita di Marquez e Rossi"

Articolo precedente

Morbidelli: "Vorrei realizzarmi come pilota, ma non avere la vita di Marquez e Rossi"

Articolo successivo

Ezpeleta: "Nemmeno i piloti sono d'accordo sulle sanzioni"

Ezpeleta: "Nemmeno i piloti sono d'accordo sulle sanzioni"
Carica i commenti