Rossi: “Bello tornare, ma l’Austria non è facile per Yamaha”

Valentino Rossi torna in pista per la prima delle due gare in Austria. Spielberg è una pista non troppo favorevole alla Yamaha e il Dottore sa che dovrà affrontare due weekend difficili, ma è comunque contento di tornare a gareggiare. Al suo fianco Cal Crutchlow, che sostituirà l'infortunato Franco Morbidelli in entrambi i weekend.

Rossi: “Bello tornare, ma l’Austria non è facile per Yamaha”

La pausa estiva è terminata e questo fine settimana la MotoGP torna in pista, per la prima doppia di questa stagione. Il Red Bull Ring ospiterà infatti due Gran Premi consecutivi e, se per qualcuno il tracciato austriaco può essere congeniale, lo stesso non si può dire per Yamaha. Il team Petronas infatti affronta il Gran Premio di Stiria sulla difensiva, cercando di trarre il massimo su una pista non proprio congeniale alle caratteristiche della M1.

Valentino Rossi è pronto a disputare un weekend che sicuramente si presenta complicato, ma è contento di tornare in pista dopo una pausa estiva che lo ha visto al centro del mercato piloti. La sua indecisione sul futuro ha tenuto banco per tutta l’estate della MotoGP, ma al momento il Dottore pensa solamente a come affrontare il primo dei due fine settimana di gara a Spielberg per poter mettere in archivio una doppietta austriaca complicata nel miglior modo possibile.

“La pausa estiva è stata buona – afferma Valentino Rossi alla vigilia del Gran Premio di Stiria – sono riuscito a rilassarmi e trascorrere del tempo fuori con la mia gente, prima di tornare a casa per qualche allenamento in moto. Sarà bello correre di nuovo questo weekend, ma ad essere onesti non credo che sia la pista migliore per noi. Sappiamo quali sono le aree forti per la nostra moto, ma ce ne sono altre in cui abbiamo bisogno di migliorare e penso che il tracciato austriaco non esalti i nostri punti di forza. Però è ubicato in un bellissimo posto, con molto verde intorno e, anche se è difficile, è un bel posto in cui venire. Dovremo trovare un buon bilanciamento per queste due gare, che sono entrambe a Spielberg, e provare ad ottenere il massimo possibile per noi”.

Leggi anche:

La MotoGP riparte per tutti tranne che per Franco Morbidelli. L’italiano infatti dovrà attendere ancora un po’ prima di rientrare in pista, per riprendersi totalmente dall’intervento al ginocchio effettuato a fine giugno e che lo ha costretto a saltare già il GP d’Olanda. Al posto del vicecampione del mondo troveremo Cal Crutchlow, chiamato dal team Petronas a sostituire Morbidelli.

Il britannico, ora tester per Yamaha, torna così a gareggiare per entrambi i weekend austriaci e sarà al fianco di Valentino Rossi nel box del team Petronas, che dopo Assen torna ad avere una line-up completa, anche se provvisoria. Crutchlow commenta il suo rientro dopo poco meno di un anno dal suo ritiro: “Non vedo l’ora di tornare in griglia e rientrare nella mentalità dei weekend di gara, anche se sarà un lavoro diverso rispetto a quello che ho fatto in Yamaha durante quest’anno. Il circuito di Spielberg non è di quelli su cui mi sono divertito molto in passato, anche se nel 2018 ho chiuso quarto ed è stato un buon risultato. Non è un tracciato veloce e fluido, quindi bisogna essere veloci e precisi”.

“Non ho un obiettivo come per esempio il risultato, ma il principale è sicuramente provare a migliorare sessione dopo sessione. Lavorerò con Ramon Forcada, che conosce la moto molto bene. Credo che sarà una buona cosa, perché Ramon era in Yamaha quando c’ero anche io, quindi sicuramente andrà bene. Voglio solo fare un buon lavoro per il team”.

condividi
commenti
Perché Suzuki ha bisogno di un team manager

Articolo precedente

Perché Suzuki ha bisogno di un team manager

Articolo successivo

Brembo: in Stiria le MotoGP frenano 17 secondi più delle F1

Brembo: in Stiria le MotoGP frenano 17 secondi più delle F1
Carica i commenti