Ritiro Rossi, parla la Yamaha M1: "Mi mancherai per sempre"

In un commovente video, anche la Yamaha M1 di Valentino Rossi prende la parola per ringraziare il Dottore nel giorno del suo ritiro dalla MotoGP.

Arriva a sorpresa uno degli addii più commoventi per Valentino Rossi nel giorno del suo ritiro dalla MotoGP a Valencia. A salutare il Dottore, stavolta, non è un collega, un manager o un alto rappresentante delle istituzioni, bensì lei, la compagna di viaggio e di avventure che ha accompagnato il 46 in giro per il mondo quasi ininterrottamente dal 2004: la Yamaha M1.

In un tributo video, prende la parola la M1 di Rossi andando a ripercorrere i momenti più significativi della loro carriera insieme. "Mi ricordo sabato 24 gennaio 2004 come fosse ieri. Il nostro primo appuntamento in Malesia. Aspettavo uno come te da tanto tempo: ero nervosa, ma fu amore a prima vista per tutti e due", esordisce la M1.

Leggi anche:

"Ho saputo fin da subito che la nostra relazione sarebbe stata speciale. Non dimenticherò mai quando ci fermammo sul prato insieme a Welcom, nel 2004. E quello fu solo l’inizio. Abbiamo vinto quattro  titoli MotoGP e 56 gare insieme. Abbiamo regalato gioia a milioni di persone in giro per il mondo e creato ricordi che dureranno una vita".

"Abbiamo fatto la storia, siamo stati una cosa sola. Mi hai reso forte, mi hai reso amata, rispettata. Solo tu Valentino avevi il potere di fare questo. Io mi sono fidata ciecamente di te, ti ho supportato, ho combattuto le nostre battaglie insieme. Fino alla fine. Dal nostro primo bacio in Sudafrica sino alla nostra ultima danza a Valencia, siamo passati attraverso tante avventure, come a Laguna Seca o in Catalunya nel 2009. Anche ad Assen, dove ti ho aiutato a vincere la tua centesima gara. Ti ho aiutato attraverso 16 anni di carriera, e tu hai fato lo stesso con me".

"Tu mi hai portato nel cure da Mugello a Motegi, da Silverstone a Sepang, e da Barcellona a Buriram. Siamo stati sempre presenti l’uno per l’altro. La cosa che conserverò gelosamente sono le nostre chiacchere prima della gara. Io e te contro il mondo. Ride or die".

"Tutte le cose belle, però, finiscono. Tu sei parte di me, della mia storia. Parte di quello che sono oggi. E che sarò ancora per molto tempo dopo che ci saremo separati. Il nostro legame non ha parole. E mi mancherai più di quanto saprai mai. Grazie, Valentino".

condividi
commenti
Bagnaia: "Vincere era l'unico modo per celebrare Valentino"
Articolo precedente

Bagnaia: "Vincere era l'unico modo per celebrare Valentino"

Articolo successivo

Video: l'ultimo giro di Valentino Rossi in MotoGP

Video: l'ultimo giro di Valentino Rossi in MotoGP
Carica i commenti