MotoGP
17 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
1 giorno
G
GP di Andalusia
24 lug
-
26 lug
Prossimo evento tra
8 giorni
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
21 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
28 giorni
G
GP di Stiria
21 ago
-
23 ago
Prossimo evento tra
36 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
56 giorni
G
GP dell'Emilia Romagna
18 set
-
20 set
Prossimo evento tra
64 giorni
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
71 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Canceled
09 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
85 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
92 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
99 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Canceled
G
GP d'Europa
06 nov
-
08 nov
Prossimo evento tra
113 giorni
G
GP di Valencia
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
120 giorni
20 nov
-
22 nov
Canceled

Rins si scusa con Morbidelli: "Ho distrutto la sua gara"

condividi
commenti
Rins si scusa con Morbidelli: "Ho distrutto la sua gara"
Di:
Tradotto da: Matteo Nugnes
23 set 2019, 10:53

Il pilota della Suzuki ha commesso un errore nelle prime fasi della gara, tirando giù Morbidelli, che ha accettato le sue scuse, e venendo poi sanzionato per questo.

Quello che è iniziato male, è finito male. Il GP di Aragon era partito con delle difficoltà fin dalla giornata di venerdì per Alex Rins. Il pilota della Suzuki non aveva conquistato un posto nella top 10 e con la pista bagnata di sabato non ha avuto modo di qualificarsi direttamente alla Q2.

Nella Q1 poi non è riuscito a passare il taglio, venendo eliminato da Franco Morbidelli e da Andrea Iannone, ritrovandosi al 13esimo posto in griglia, divenuto poi 12esimo per il forfait di Pol Espargaro.

Rins aveva mostrato uno dei passi migliori nelle prove libere, ma si è messo nella condizione di dover rimontare. Dopo una buona partenza, lo spagnolo era ottavo alle spalle di Morbidelli. Alex però non ha calcolato bene la staccata alla curva 12 ed ha finito per colpire il pilota della Yamaha Petronas, mandandolo a terra.

 

Anche il portacolori della Suzuki comunque è finito largo, perdendo diverse posizioni. Inoltre è stato sanzionato con una Long Lap Penalty per il contatto.

"Prima di tutto, ho chiesto scusa a Franco, perché gli ho distrutto la gara al primo giro" ha detto Rins, che subito dopo la fine della gara è andato al box della Yamaha Petronas per scusarsi con il pilota italiano.

"La partenza è stata perfetta. Ho recuperato molte posizioni. Dopo il contatto ho dovuto fare anche una Long Lap Penalty, ma lo accetto perché è giusto così".

Dal canto suo, Morbidelli ha preso la cosa molto sportivamente ed ha anche accettato le scuse del rivale: "Cosa posso dire? Tutti commettiamo degli errori e posso capire quello che gli passava per la testa: era la sua gara di casa e partiva molto indietro. Purtroppo ha fatto un errore e io ero lì. Questo è ciò che possiamo chiamare sfortuna".

Leggi anche:

Nonostante abbia perso anche un'ala nel contatto con Morbidelli, lo spagnolo è stato poi capace di rimontare fino al nono posto finale.

"Ho perso un'ala nel contatto con Morbidelli. Non me ne sono reso conto fino a quando non sono arrivato ai box, anche se la moto faceva un po' fatica a girare. Ho dovuto recuperare sul gruppetto in cui c'era Petrucci, ma per farlo ho consumato molto la gomma, quindi è stato impossibile andare a riprendere Rossi. E' un peccato però, perché avevo il ritmo per lottare per le posizioni da podio" ha spiegato.

Nonostante tutto quello che è successo, Rins ha riconquistato il terzo posto nel Mondiale, ma ha anche riconosciuto che deve lavorare per fare meglio in qualifica.

"Dobbiamo migliorare in qualifica. Non possiamo lottare per le prime posizioni in campionato partendo 12esimi. Se dobbiamo prendere le cose positive, però, il passo lo è stato ad Aragon" ha concluso.

Scorrimento
Lista

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
3/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
4/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
9/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
10/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
12/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
13/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
14/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Articolo successivo
Miller: "Solo Marquez ha letto la gara alla perfezione"

Articolo precedente

Miller: "Solo Marquez ha letto la gara alla perfezione"

Articolo successivo

AAA, cercasi disperatamente avversario per Marc Marquez

AAA, cercasi disperatamente avversario per Marc Marquez
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Aragon
Sotto-evento Gara
Location Motorland Aragon
Piloti Alejandro Álex Rins Navarro
Autore Oriol Puigdemont