MotoGP
09 ott
Prossimo evento tra
15 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
Prossimo evento tra
22 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
Prossimo evento tra
29 giorni
G
GP d'Europa
06 nov
Prossimo evento tra
43 giorni
13 nov
Prossimo evento tra
50 giorni
G
GP del Portogallo
20 nov
Prossimo evento tra
57 giorni

Rins niente intervento, ma usa la tecnologia per correre a Jerez

condividi
commenti
Rins niente intervento, ma usa la tecnologia per correre a Jerez
Di:
Tradotto da: Lorenza D'Adderio

Il pilota Suzuki, che si è infortunato sabato scorso durante le qualifiche, sta lavorando intensamente con la riabilitazione per poter arrivare nelle migliori condizioni possibili al Gran Premio d’Andalusia.

Alex Rins è stato costretto a saltare la prima gara della stagione a Jerez de la Frontera a causa di una brutta caduta avvenuta durante la sessione di qualifica di sabato, mentre cercava la miglior posizione possibile sulla griglia di partenza. Gli esami svolti al Centro Medico del circuito hanno evidenziato una frattura ed una lussazione della spalla destra ed è stato dunque dichiarato unfit.

È stato trasportato all’ospedale di Jerez, dove gli sono stati riscontrati dei danni muscolari nella zona infortunata. Una risonanza magnetica inoltre ha scoperto una frattura alla testa dell’omero ed una probabile rottura parziale del muscolo minore adiacente. È evidente anche un edema muscolare significativo tra muscoli e tendini, anche se l’integrità di questi ultimi non è stata toccata. Nonostante sia il pilota sia l’équipe medica avessero aspettato la domenica mattina per decidere se correre o meno, il dolore ha impedito a Rins di prendere parte al Gran Premio di Spagna.

Niente intervento, ci si affida alla tecnologia

Da domenica, il pilota Suzuki si è lanciato in un intenso programma di riabilitazione per accorciare i tempi e provare ad essere presente al secondo appuntamento dell’anno, a Jerez de la Frontera questo fine settimana. Insieme ai medici ed ai fisioterapisti della clinica mobile, Rins ha pianificato delle sessioni di ossigenoterapia, magnetoterapia ed elettrostimolazione.

Le sessioni nella camera iperbarica consistono nell’applicare ossigeno puro al 100% ad un certo regime di bar nella zona interessata. Il biomagnetismo implica l’uso di campi magnetici statici,mentre con la stimolazione elettrica si vuole mantenere la forza nella zona delle contrazioni muscolari.

Rins, che in questi giorni vive nel suo motorhome all’interno del Circuito di Jerez, si reca ogni giorno in Clinica Mobile per effettuare questi trattamenti, alcuni dei quali realizzati proprio nel suo camion. Lo spagnolo sta lavorando nella speranza che questi metodi lo aiutino a riprendersi in tempo per il fine settimana.

Leggi anche:

L’intenzione del team è che il pilota venga sottoposto ad un nuovo esame medico giovedì mattina. Se questo avesse dei risultati soddisfacenti, potrebbe scendere in pista venerdì per le FP1 e verificare lo stato dell’infortunio al braccio. Ad ogni modo, Suzuki non ha intenzione di sostituirlo per il Gran Premio di Andalusia, se anche Rins non dovesse correre.

Se invece l’infortunio dovesse complicarsi e restassero i dubbi, il team convocherà Sylvain Guintoli per il Gran Premio della Repubblica Ceca, in programma il weekend del 9 agosto. In questo caso Suzuki sarebbe obbligata dal regolamento, che impone alle squadre di sostituire il pilota titolare qualora dovesse stare fermo per due gran premi consecutivi.

Guarda il Gran Premio Red Bull di Andalusia live su DAZN. Attiva ora

 

Le foto di Alex Rins a Jerez

Scorrimento
Lista

Alex Rins escucha al doctor Angel Charte, jefe médico de MotoGP

Alex Rins escucha al doctor Angel Charte, jefe médico de MotoGP
1/16

Foto di: Suzuki

Alex Rins y Davide Brivio junto al doctor Charte, jefe médico de MotoGP

Alex Rins y Davide Brivio junto al doctor Charte, jefe médico de MotoGP
2/16

Foto di: Suzuki

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, lesionado en el GP de España

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, lesionado en el GP de España
3/16

Foto di: Suzuki

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
4/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
5/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
6/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
7/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
8/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
9/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
10/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
11/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
12/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
13/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
14/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing, Marc Márquez, Repsol Honda Team,

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing, Marc Márquez, Repsol Honda Team,
15/16

Foto di: MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
16/16

Foto di: MotoGP

MotoGP: le pinze hanno una vita di 2.500 chilometri

Articolo precedente

MotoGP: le pinze hanno una vita di 2.500 chilometri

Articolo successivo

MotoGP: Marquez prova un clamoroso rientro a Jerez!

MotoGP: Marquez prova un clamoroso rientro a Jerez!
Carica i commenti