Rins ammette di essersi infortunato guardando il telefono

Alex Rins si è infortunato nel giovedì che precedeva il Gran Premio di Catalogna, andando a sbattere contro un furgone mentre si allenava in bicicletta lungo il circuito, ed oggi ha ammesso di essersi distratto con il telefono.

Rins ammette di essersi infortunato guardando il telefono

Il pilota della Suzuki è stato dichiarato "fit", quindi domani mattina tornerà in sella nella FP1 del Sachsenring, dove spera di riuscire a completare il weekend, pur avendo ammesso di non essere al 100% dopo l'infortunio di due settimane fa.

Lo spagnolo si è fratturato il radio del braccio destro mentre si allenava in bicicletta lungo il circuito catalano, nella giornata di giovedì che apriva il weekend di gara.

Oggi ha ammesso di essere andato a sbattere contro un furgone che era in pista, essendosi distratto per "rispondere ad un messaggio importante sul suo cellulare".

Leggi anche:

Come risultato di quell'errore, è caduto a terra, si è fatto male ed è stato portato in una clinica di Barcellona, dove la mattina seguente è stato anche sottoposto ad un'operazione per stabilizzare la frattura.

"La verità è che mi sono schiantato a Barcellona perché stavo inviando un messaggio importante", ha iniziato, spiegando la scena.

"Dobbiamo stare lontani dai nostri telefoni quando siamo in bici, perché quando si presta attenzione al telefono non si presta attenzione alla strada", ha proseguito il pilota della Suzuki

"Comunque preferisco aver colpito il furgone piuttosto che una persona, quello sarebbe stato molto peggio, ma è un chiaro esempio del fatto che non si può andare in giro guardando il telefono".

"All'inizio non sembrava niente di grave, ho continuato a pedalare sulla bici, ma ho sentito un po' di dolore e quindi ho deciso di andare in ospedale", ha raccontato.

 

Rins è stato dichiarato "fit" ed ora pensa solo a capire se sarà in grado di completare il weekend tedesco.

"Ci avviciniamo in modo diverso, ma non troppo. In un fine settimana normale l'obiettivo è provare a vincere. Ora non siamo al 100%. Dovrò vedere in FP1 come va la mano. Sono sicuro che non sarà troppo facile. Forse non sarò in grado di completare i giri che normalmente facciamo nelle prove, ma sono fiducioso di poter guidare anche con il dolore".

Il pilota della Suzuki è arrivato a Barcellona dopo quattro cadute consecutive. Questo significa che ora ha cinque zeri in classifica e il suo obiettivo di lottare per il titolo è inevitabilmente cambiato.

"L'obiettivo ora non è quello di vincere il campionato", ha riflettuto. "All'inizio della stagione siamo partiti molto forte e ci siamo dati da fare. Ora la prendo diversamente, ma con lo stesso desiderio. L'obiettivo ora è quello di andare gara per gara, per divertirmi come ho fatto alla fine dell'anno scorso", ha detto.

"Questo fine settimana proveremo alcune cose di set-up che non abbiamo potuto provare nei test di Barcellona e tornaremo alla moto con cui ho vinto al Motorland l'anno scorso. Vediamo se è possibile recuperare il feeling con l'anteriore e risolvere il problema che abbiamo avuto quest'anno in molte gare, che mi fa perdere l'anteriore e cadere", ha concluso il pilota di Barcellona.

Caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
1/50

Foto di: Dorna

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
2/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
3/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
4/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
5/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
6/50

Foto di: Dorna

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Factory Racing, Johann Zarco, Pramac Racing, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Factory Racing, Johann Zarco, Pramac Racing, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
7/50

Foto di: Dorna

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
8/50

Foto di: Dorna

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Factory Racing, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Alex Rins, Team Suzuki MotoGP crash

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Factory Racing, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Alex Rins, Team Suzuki MotoGP crash
9/50

Foto di: Dorna

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
10/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
11/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
12/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
13/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
14/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
15/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
16/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
17/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
18/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
19/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
20/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
21/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
22/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
23/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
24/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
25/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
26/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
27/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
28/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
29/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
30/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
31/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
32/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
33/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
34/50

Foto di: Dorna

Caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
35/50

Foto di: Dorna

Caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
36/50

Foto di: Dorna

Caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
37/50

Foto di: Dorna

Marc Márquez, Repsol Honda Team, y caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Marc Márquez, Repsol Honda Team, y caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
38/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team, y caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Marc Márquez, Repsol Honda Team, y caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
39/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Márquez, Repsol Honda Team, y caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Marc Márquez, Repsol Honda Team, y caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
40/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
41/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
42/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
43/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Caída de Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
44/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
45/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
46/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
47/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
48/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
49/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Marc Márquez, Repsol Honda Team

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Marc Márquez, Repsol Honda Team
50/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Marquez: "Primo GP senza limitazioni fisiche”

Articolo precedente

Marquez: "Primo GP senza limitazioni fisiche”

Articolo successivo

Rossi ringrazia Dall'Igna, ma il 2022 rimane un rebus

Rossi ringrazia Dall'Igna, ma il 2022 rimane un rebus
Carica i commenti