MotoGP
17 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
7 giorni
G
GP di Andalusia
24 lug
-
26 lug
Prossimo evento tra
14 giorni
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
27 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
34 giorni
G
GP di Stiria
21 ago
-
23 ago
Prossimo evento tra
42 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
62 giorni
G
GP dell'Emilia Romagna
18 set
-
20 set
Prossimo evento tra
70 giorni
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
77 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Canceled
09 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
91 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
98 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
105 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Canceled
G
GP d'Europa
06 nov
-
08 nov
Prossimo evento tra
119 giorni
G
GP di Valencia
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
126 giorni
20 nov
-
22 nov
Canceled

Retro MotoGP: perché Ducati è passata da Michelin a Bridgestone

condividi
commenti
Retro MotoGP: perché Ducati è passata da Michelin a Bridgestone
Di:
Tradotto da: Lorenza D'Adderio
28 giu 2020, 08:11

Nel 2005, Ducati ha scommesso su gomme Bridgestone quando Michelin era il fornitore dominante in MotoGP. Una decisione che è risultata chiave per vincere il titolo 2007 con Casey Stoner.

Ducati nel 2003 ha avuto un debutto molto positivo in MotoGP. Loris Capirossi è salito sul podio con la Desmosedici alla prima gara. Al sesto gran premio, l’italiano ha ottenuto la prima vittoria per la Casa di Borgo Panigale nella classe regina dei prototipi e ha concluso la stagione in quarta posizione. Quattro anni dopo, Casey Stoner ha conquistato il primo ed unico titolo fino ad ora di Borgo Panigale.  

Una delle chiavi del successo della stagione 2007 è stata la scelta delle gomme Bridgestone. L’allora direttore del team Livio Suppo ha fatto una scelta rischiosa optando per la casa giapponese nel 2005. Ma come è avvenuto il passaggio da Michelin a Bridgestone?

Loris Capirossi

In der MotoGP-Saison 2004 konnte Ducati die Erwartungen nicht erfüllen

Foto: Ducati

In un'intervista al programma del MotoGP RoundTable, l'italiano ha spiegato cosa ha portato l'azienda a prendere questa decisione: “Ducati ha avuto un'ottima stagione di debutto nel 2003. Le aspettative per il 2004 erano quindi ancora più elevate. Ma, come spesso accade, le cose sono andate diversamente. I risultati non sono stati così buoni. Abbiamo ottenuto solo podi nelle due gare finali: a Phillip Island con Loris e a Valencia con Troy Bayliss”.

Suppo ricorda: “All'epoca ero responsabile del progetto MotoGP della Ducati. Durante la stagione ci sono state trattative con Sete Gibernau. Ha chiesto un sacco di soldi, che la Ducati non aveva. All'epoca era il secondo miglior pilota dietro a Valentino Rossi. Ma avrebbe potuto vincere due o tre gare all'anno, non di più. Era super costoso e la possibilità di vincere il campionato era quasi inesistente”.

“Avevamo bisogno di qualcosa per mantenere felici gli sponsor e rinnovare i contratti, soprattutto quello che avevamo con Philip Morris. Così ho guardato i risultati delle altre squadre. Tamada ha guidato per Honda e ha usato pneumatici Bridgestone. È riuscito a vincere le gare e a salire sul podio. In alcune gare è stato un disastro, ma in altre è stato super veloce”.

Loris Capirossi

Der riskante Wechsel zu Bridgestone zahlte sich aus: Suppo feiert mit Capirossi in Japan

Foto: Ducati

Tamada ha ottenuto due vittorie nella stagione 2004 con la Honda RC211V con gomme Bridgestone. Secondo Suppo, gli pneumatici giapponesi sono stati uno dei motivi principali di questo successo:  “È arrivato dal campionato giapponese di Superbike. A quel tempo c'erano corridori come Troy Bayliss, Colin Edwards o Nicky Hayden che erano campioni del WorldSBK o dell'AMA. Con la Michelin non potevano vincere nulla. Pensavo che queste gomme potessero fare una grande differenza in alcune gare. Mi chiedevo se potevamo ottenere dei soldi da Bridgestone se usavamo i loro pneumatici. È stata un'opportunità per noi", ha detto l’ex Team Manager Ducati.

Suppo ricorda che i tecnici Ducati non erano entusiasti dell'idea: “Ho pensato che dovevamo passare a Bridgestone. Gli ingegneri dell’epoca pensavano che fossi pazzo. All’epoca, Michelin era molto meglio. Bridgestone ha avuto anche il problema del pneumatico posteriore di Shinya Nakano che è esploso al Mugello nel 2004 e ho dovuto essere un po’ pazzo per pensare di passare a Bridgestone in quel momento”.

Casey Stoner

MotoGP 2007: Casey Stoner fuhr mit der Bridgestone-bereiften Ducati zum Titel

Foto: Motorsport Images

Ma il rischio della Ducati ne è valso la pena. La Casa di Borgo Panigale infatti è tornata a vincere gare nella stagione 2005. Capirossi ha vinto consecutivamente in Giappone e in Malesia: “Dovevamo ottenere buoni risultati. E questo era il modo più economico per farlo”.

Articolo successivo
Fotogallery WithU: brividi per Quartararo e Morbidelli su Hyundai

Articolo precedente

Fotogallery WithU: brividi per Quartararo e Morbidelli su Hyundai

Articolo successivo

La firma di Petrucci scuote le fondamenta del progetto KTM

La firma di Petrucci scuote le fondamenta del progetto KTM
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Autore Sebastian Fränzschky