MotoGP, Razali: "L'arrivo di Rossi in Petronas dipende da lui"

Razlan Razali, team principal della Yamaha Petronas, conferma a Motorsport.com di aver già parlato con la Yamaha della firma di Valentino Rossi e che ora si siederà per discutere i dettagli.

MotoGP, Razali: "L'arrivo di Rossi in Petronas dipende da lui"

Qualche giorno fa, sia il pesarese che la Yamaha hanno reso pubblica la loro volontà di estendere il legame che li unisce almeno fino alla fine del 2021, circostanza che logicamente mette Razali sotto pressione come leader della squadra che dovrà accogliere il "Dottore".

Rossi vuole continuare, la Yamaha ha una moto per lui e Dorna, in qualità di promoter dell'evento, non potrebbe essere più soddisfatta di questa possibilità. Ma ora tutto deve funzionare, soprattutto dal punto di vista finanziario.

Lin Jarvis, managing director della Yamaha, all'inizio della scorsa settimana ha concordato che i fondi per realizzare l'operazione dovrebbero provenire dal team Petronas. "La scelta del pilota va approvata dalla Yamaha, ma è loro il team, loro i soldi, devono essere d'accordo sulla direzione da prendere" ha detto il britannico, anche se si dà per scontato che sarà la Casa di Iwata a pagare la moto.

In una conversazione telefonica con Motorsport.com, Razali ha certificato che le prime discussioni con Yamaha sull'accordo sono già avvenute e che il produttore giapponese ha già presentato la sua proposta. Tuttavia, ha voluto anche sottolineare che c'è ancora del lavoro da fare prima di poter annunciare un'operazione complessa.

"Abbiamo incontrato la Yamaha e conosciamo già la loro proposta, ma ora dobbiamo far sedere tutte le parti e iniziare ad occuparci dei dettagli. Questo non è ancora stato fatto. Finora abbiamo discusso le questioni tecniche"ha detto Razali.

Leggi anche:

Probabilmente, e data la preponderanza, il ruolo e l'ingaggio di Rossi, l'elemento economico è il più difficile da risolvere.

"Non dobbiamo dimenticare che dovremo far incontrare Valentino con i nostri sponsor. Dobbiamo bilanciare l'esborso che comporta l'assunzione per un solo anno, e vedere cosa possiamo ottenere in cambio, che si tratti di prestazioni in pista o di risultati", ha aggiunto il dirigente, consapevole della forza principale di questa mossa: "E' chiaro che ci gioverebbe in termini di esposizione, e che avere Valentino sia un grande valore. Per il momento tutto sembra a posto, ma dobbiamo iniziare ad analizzare i dettagli".

La "parte tecnica" che finora è stata al centro delle discussioni tra Yamaha e Petronas comprende sia il materiale che il #46 avrà a disposizione che chi lo accompagnerà nel box.

Razali sostiene di aver dato a Quartararo la libertà di portare con sé quelli che ritiene indispensabili, come il suo ingegnere di pista, Diego Gubellini. Questo significa che Rossi può ancora circondarsi di alcuni dei suoi tecnici abituali.

"Normalmente, quando un pilota arriva in un team ufficiale porta con sé le parti della squadra con cui si trova più a suo agio. Siamo a favore di questo, perché non vogliamo negare al suo capo meccanico e ai tecnici la possibilità di firmare con un team ufficiale, e di essere in grado di lottare per il titolo" ha ammesso il team principal.

"Abbiamo chiarito alla Yamaha che abbiamo il nostro team tecnico in Petronas e che preferiamo non smantellare la struttura. Sicuramente solo due o tre dei tecnici di Rossi si uniranno a lui, ma dobbiamo ancora parlargli" ha concluso Razali.

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
1/20

Foto di: Yamaha Motor Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
2/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
3/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
4/20

Foto di: Yamaha Motor Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
5/20

Foto di: Yamaha Motor Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
6/20

Foto di: Yamaha Motor Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
7/20

Foto di: Yamaha Motor Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
8/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
9/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
10/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
11/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
12/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
13/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
14/20

Foto di: Yamaha Motor Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
15/20

Foto di: Yamaha Motor Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
16/20

Foto di: Yamaha Motor Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
17/20

Foto di: Yamaha Motor Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
18/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
19/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
20/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Valentino Rossi: "Mi sento come se avessi ancora 20 anni"
Articolo precedente

Valentino Rossi: "Mi sento come se avessi ancora 20 anni"

Articolo successivo

Lorenzo contro Agostini: “Ho fallito in Ducati? Questa è bella!”

Lorenzo contro Agostini: “Ho fallito in Ducati? Questa è bella!”
Carica i commenti