Rainey: “Frank Williams mi ha cambiato la vita dopo l’incidente”

Wayne Rainey ricorda Sir Frank Williams e, in un'intervista esclusiva con Motorsport.com, racconta di quando il fondatore dell'omonima squadra lo andò a trovare dopo l'incidente del 1993 cambiandogli la vita.

Rainey: “Frank Williams mi ha cambiato la vita dopo l’incidente”

La scomparsa di Sir Frank Williams ha lasciato un vuoto enorme in Formula 1, ma tutto il motorsport si sente più solo. Il fondatore ed ex team principal dell’omonima scuderia è stato un simbolo e un esempio per tutti, anche nel mondo delle due ruote. Anche Wayne Rainey, tre volte campione del mondo dell’allora classe 500, ha voluto omaggiare Sir Frank Williams in un’intervista esclusiva con Motorsport.com.

L’ex pilota statunitense racconta di quando nel 1993 fu vittima del tragico incidente che mise fine alla sua carriera e che ancora oggi lo costringe su una sedia a rotelle. Rainey ricorda che proprio Frank Williams andò a trovarlo, forte della sua esperienza vissuta qualche anno prima, nel 1986. I due sono infatti accomunati dal tragico destino, ma fu proprio quello a farli conoscere, come rivela Rainey: “Quando pensi alla Williams è la prima persona che ti viene in mente, almeno per quanto mi riguarda. Non lo conoscevo per niente prima che venisse a trovarmi in ospedale”.

Frank è venuto a trovarti dopo il tuo incidente nel 1993...
“Sì, dopo il mio infortunio ho dovuto fare un’operazione alla schiena per mettere delle barre. Quindi sono stato praticamente ingessato per circa sei settimane in ospedale. Quando mi hanno tolto il gesso, sono potuto andare in una struttura di riabilitazione ed è lì che inizia il vero lavoro. In quel momento impari cosa vuol dire vivere la tua vita su una sedia a rotelle e tutte le sfide, dal nutrirsi al vestirsi e tutte le altre cose. Penso di essere stato sei settimane nel primo ospedale, ma nella struttura di riabilitazione mi volevano per due mesi. Sono stato lì tre settimane e poi ho ricevuto un messaggio da Frank, che voleva venire a trovarmi. In quel momento ero un po' in difficoltà, stavo cercando di capire come sarebbe stata la mia vita”.

“Quando Frank arrivò, vidi come si comportava. Entrò nella mia stanza e vidi la sicurezza che aveva. In quel momento mi ha cambiato la vita perché mi disse ‘Wayne, sei praticamente fottuto, ma la cosa migliore che puoi fare è tornare là fuori e fare quello che ami fare, ed è correre’. Così, dopo che se ne andò, diedi un'occhiata in giro e ci pensai. Una volta uscito dalla struttura di riabilitazione la settimana successiva, non mi sono più guardato indietro. Presi le sue parole come incoraggiamento e andai avanti, iniziai a darci dentro, a impegnarmi. Non c'era tempo per la pietà. Questo è ciò che la vita ci ha riservato e lui è stato molto diretto su ciò che significava e sulla direzione da prendere. Quelle parole furono dette al momento giusto per me”.

Hai avuto modo di parlare con Frank dopo quell’occasione?
“Sì, siamo rimasti in contatto e abbiamo parlato abbastanza spesso. Ho finito per fondare la mia squadra con l'aiuto di Kenny Roberts, ma grazie all'incoraggiamento che mi diede Frank quel giorno, ho spinto per tornare nel mondo delle corse. Così, correndo in Europa, ero di base in Spagna e ho avuto modo di andare a trovare Frank un paio di volte nella sua fabbrica, poi sono andato ad alcune gare di F1 come suo ospite e ho passato del tempo con lui. Quando chiacchieravamo, la prima cosa che Frank mi diceva sempre era 'come va la tua salute?’ Ogni volta, sembrava che fosse sinceramente preoccupato, perché se la tua salute è buona puoi andare avanti e fare tutto ciò che vuoi nella vita. Quindi, ha insistito molto sul prendersi cura di se stessi. Quando si vive su una sedia a rotelle come noi, possono succedere molte cose, quindi lui si preoccupava di prendersi cura della propria salute prima di tutto”.

Wayne Rainey e Loris Capirossi, Yamaha

Wayne Rainey e Loris Capirossi, Yamaha

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Le parole di Sir Frank Williams ti hanno aiutato a rinvigorire la passione per le corse dopo l’incidente?
“Sì. Sai, penso che a quel tempo, essendo nella mia posizione, ero un tre volte campione del mondo, avevo 33 anni all'epoca, e poi attraversando questo drammatico cambiamento nella mia vita non c’erano molte direzioni. Non avevo molte persone con cui parlare, o persone che rispetto, che capissero la mia mentalità nel mondo delle corse. Frank, era un pilota di livello mondiale quando si è infortunato, e vedere la cosa della corsa era un modo per far funzionare la tua mente e la parte fisica sarebbe seguita. Dovevo tornare nelle corse e concentrarmi sul lato economico, facendolo nella mia situazione non sapevo dove mi avrebbe portato. Alla fine mi ha portato alla proprietà del team, poi, quando ho deciso di smettere di viaggiare per il mondo, sono tornato negli Stati Uniti e ho aiutato a organizzare il GP degli Stati Uniti a Laguna Seca. Ora sono il presidente di MotoAmerica e siamo all'ottavo anno. Quindi, senza quella conversazione con Frank quel giorno, sono abbastanza sicuro che tutto questo non sarebbe successo nella mia carriera”.

Questo dimostra che Sir Frank Williams era molto di più della semplice Formula 1, era un grande uomo?
“Era un grande essere umano, aveva molta passione, era molto, molto competitivo. Ricordo che a volte andavo a trovarlo e mi diceva 'siamo stati sul circuito di prova e abbiamo guadagnato mezzo decimo oggi e siamo molto felici di questo'. Si potrebbe pensare che mezzo decimo, come pilota di moto, lo puoi trovare e ricucire un secondo quando ne hai bisogno. Ma in F1, se non avevi questo in macchina, era molto difficile per il pilota averlo. Quindi, Frank penso che abbia ottenuto il suo vero entusiasmo nell'avere la migliore macchina e la migliore squadra, e il successo che ha avuto era certamente dovuto all'impegno che ci ha messo e alla passione che aveva. Voleva essere di nuovo campione del mondo e questo era chiaro da vedere, ed è stato certamente qualcosa che ho imparato da lui. Solo perché la tua vita cambia in questo modo, non significa che non puoi andare là fuori e competere per cose che ti danno ancora lo stesso tipo di brivido di quando lo facevi fisicamente. Quindi, è un bene”.

È un’ispirazione…
“È quel genere di cose che speri non accadano mai, ma se succede hai alcune scelte. Puoi andare avanti con la vita nel modo in cui ha detto Frank oppure no. E allora sarà una vera sfida. Quindi, l'incoraggiamento e la direzione che ho ricevuto da Frank all'inizio era certamente quello che avevo bisogno di sentire. E ha funzionato, e quelle parole mi risuonano ancora oggi molto chiaramente”.

condividi
commenti
SIC: ecco il trailer ed il poster del film su Marco Simoncelli
Articolo precedente

SIC: ecco il trailer ed il poster del film su Marco Simoncelli

Articolo successivo

'Striscia' premia Valentino Rossi con un Tapiro di... diamanti!

'Striscia' premia Valentino Rossi con un Tapiro di... diamanti!
Carica i commenti