Quartararo: “Sostituire Rossi in Yamaha è una responsabilità”

Il leader del mondiale afferma che la responsabilità di prendere il posto di Valentino Rossi nel team factory Yamaha nel 2021 è stata enorme a causa dell’aspettativa verso i suoi risultati.

Quartararo: “Sostituire Rossi in Yamaha è una responsabilità”

Dopo una incredibile stagione di debutto nel 2019 con Petronas SRT sulla M1 'B-spec' di Yamaha, in cui ha ottenuto sette podi e sei pole position, Fabio Quartararo è stato promosso al team factory per il 2021. Con Maverick Vinales confermato, l’arrivo di Quartararo è venuto a scapito di Rossi, che ha trascorso 15 stagioni con la squadra ufficiale Yamaha, vincendo quattro dei suoi sette titoli di classe regina per il marchio.

Anche se Quartararo è stato categorico l'anno scorso affermando che lui non poteva sostituire Rossi, il fatto che Yamaha non era disposta ad aspettare la decisione sul futuro del Dottore è stato significativo. Dopo un 2020 incostante con SRT a causa di una moto Yamaha difficile, Quartararo ha iniziato alla grande il 2021, vincendo quattro gare - Doha, Portogallo, Italia, Olanda - e arrivando alla pausa estiva con un vantaggio di 34 punti.

Parlando in esclusiva con Motorsport.com, Quartararo dice che non ha sentito alcuna pressione aggiunta da quando è passato al team Yamaha fabbrica, ma ammette che la responsabilità di prendere il posto di Rossi era grande: “Sì, penso che per me circa la pressione, penso che diventa qualcosa di normale. Penso di aver avuto pressione per tutta la vita e ora sento che è qualcosa di normale. Quindi, diciamo che ci sono abituato. Sicuramente arriverà un momento in cui è molto di più se stai lottando in una gara per il campionato ma, al momento, sento che la pressione è la stessa e normale”.

“E la responsabilità è enorme – prosegue – Prendendo il posto di Valentino, tutti mi aspettavano per fare grandi risultati e tutto il resto. Ma sono lì, penso che sto facendo un ottimo lavoro e sento che la squadra è felice non solo di me, ma del mio team, del modo in cui stiamo lavorando, l'atmosfera nel team in entrambi i lati con i meccanici è buona. Quindi, tutta la squadra sta lavorando in modo corretto, e penso che questo stia aiutando molto".

Dopo una dura fine del 2020, in cui è passato dalla testa del campionato all'ottavo posto nello spazio delle ultime sei gare, Quartararo ha lavorato con uno psicologo dello sport durante l'inverno. Non estraneo a una tale mossa, Quartararo ha spiegato come questo lo ha aiutato nel 2021: “Onestamente, sono stato solo due volte dal novembre 2020, ma è abbastanza per me. Il mio obiettivo principale era che lui mi aiutasse a rimanere calmo, mi ha dato alcuni esercizi che faccio prima delle prove o quando sento che ho bisogno di fare questi esercizi. Quindi, penso che in quel momento per me è solo un promemoria che quando sono arrabbiato o infelice, faccio solo questi esercizi e mi mantiene calmo”.

“Non è niente di più. Ci vogliono meno di cinque secondi per fare l'esercizio, quindi posso farlo in qualsiasi momento, anche in bicicletta. Quindi, è abbastanza facile e sento che mi aiuta a rimanere calmo. E poi il percorso di maturità ed esperienza, lo prendo dall'anno scorso e ho capito durante l'inverno su cosa dovevo lavorare. Ma più che lavorare con uno psicologo, è stato solo trovare un modo per mantenermi calma”.

condividi
commenti
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha
Articolo precedente

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Articolo successivo

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V
Carica i commenti