Quartararo: "Oggi era impossibile lottare per la pole"

Il leader del campionato non è riuscito a replicare al tempo record di Bagnaia a causa di una caduta all'ultimo tentativo, ma ha ammesso che oggi contro la Ducati di Pecco c'era ben poco da fare.

Quartararo: "Oggi era impossibile lottare per la pole"

Dopo la sofferenza patita ieri nelle Libere col bagnato, Fabio Quartararo è tornato a recitare il ruolo del protagonista sull’asfalto asciutto di Misano e sembrava essere l’indiziato numero uno per la conquista della pole.

Subito dopo il primo run El Diablo era riuscito a mettere il proprio autografo in cima alla lista dei tempi con il crono di 1’31’’367, ma poi Pecco Bagnaia ha tirato fuori il coniglio dal cilindro con un giro capolavoro abbassando di tre decimi il riferimento del francese.

Quartararo non si è perso d’animo ed è tornato in pista per il secondo run, ma le speranze di insidiare la Ducati numero 63 sono naufragate alla prima curva. Fabio, infatti, è entrato troppo velocemente perdendo aderenza all’anteriore per poi finire nella ghiaia della via di fuga.

Delusione? Non più di tanto. Il pilota della Yamaha, infatti, non ha perso il sorriso dei giorni migliori quando è arrivato ai microfoni di Sky Sport MotoGP HD ed ha riconosciuto il merito a Bagnaia per un giro splendido.

 “Penso che la pole oggi non fosse possibile. Ero fiducioso di poter ottenere il secondo tempo, al primo run avevo del margine, ma non avevo la velocità per girare in 31’’0. Ad ogni modo sono contento lo stesso perché partirò dalla prima fila”.

Leggi anche:

Nonostante la caduta, Quartararo è già proiettato alla gara di domani. Il passo messo in mostra questa mattina nelle Libere ha impressionato, ma le incognite del meteo potrebbero tarpare le ali al leader della classifica.

“Il mio passo è molto competitivo ed ho un gran feeling con la moto, ma tutto dipenderà dalle condizioni della pista e da me. Se avrò un possibilità ci proverò, ma se dovessi essere al limite forse tirerei i remi in barca”.

“Ovviamente preferirei una gara asciutta, ma se dovesse piovere non sarà una catastrofe. Di sicuro le Ducati sono più forti col bagnato”.

Guardando lo schieramento di partenza si può notare subito come Quartararo sia letteralmente braccato dalle Ducati. Il francese, infatti, avrà al suo fianco in prima fila le Desmosedici di Bagnaia e Miller, mentre alle sue spalle scatteranno dalla quarta e quinta casella quelle del team Pramac affidate a Martin e Zarco.

Per trovare la prima Yamaha si deve scendere addirittura al sedicesimo posto occupato dalla M1 ufficiale affidata al rientrante Franco Morbidelli.

“Mi sento un po' solo. Sia ad Aragon che qui sono circondato dal rosso e non mi sarebbe dispiaciuto vedere un po' più di blu. Non sarà facile. Facciamo fatica a superare, mentre per le Ducati è più semplice grazie alla potenza del motore”.

Quando mancano ormai poche gare al termine del campionato, Quartararo sembra affrontare questa fase finale di stagione con una mentalità più rilassata rispetto a quanto visto nel 2020.

“Lo scorso anno, a questo punto della stagione, avevo molto stress mentre ora guido in modo naturale, come se non mi giocassi nulla. Questa mentalità mi sta aiutando molto. Mancano ancora cinque gare e sto pensando ad affrontarle una alla volta”.

Jack Miller, Ducati Team, Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Jack Miller, Ducati Team, Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
1/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
2/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
3/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team, Jack Miller, Ducati Team, Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Francesco Bagnaia, Ducati Team, Jack Miller, Ducati Team, Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
4/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
5/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
6/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
7/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
8/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
9/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
10/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
11/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
12/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
13/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
14/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
15/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
16/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
17/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
18/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
19/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
20/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Bagnaia: "Da Aragon mi trovo alla perfezione con la Ducati"

Articolo precedente

Bagnaia: "Da Aragon mi trovo alla perfezione con la Ducati"

Articolo successivo

Morbidelli: "In gara soffrirò, non sono ancora al 100%"

Morbidelli: "In gara soffrirò, non sono ancora al 100%"
Carica i commenti